SODOMA E HOLLYWOOD – DROGA, BALLI SFRENATI E VOLTI NOTI: COSA ERA L’”HELENA’S”, IL CLUB PRIVATO DI LOS ANGELES FREQUENTATO DALLE STAR CHE LÌ TROVAVANO UN RIFUGIO DOVE SCATENARSI LONTANO DAGLI OCCHI INDISCRETI DI GIORNALISTI, AVVOCATI E FOTOGRAFI (CHE ERANO BANDITI) – “UNA SERA SEAN PENN PICCHIÒ UNO CHE FINÌ SU MADONNA, PRINCE ERA SOLITO RIMORCHIARE SULLA PISTA DA BALLO” – MELANIE GRIFFITH: “PER BALLARE? SI ANDAVA LÌ E CI SI DROGAVA…”

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

helena kallianiotes 2 helena kallianiotes 2

Era il luogo in cui Sean Penn aveva picchiato qualcuno facendolo finire su Madonna. Dove Jack Nicholson aveva festeggiato con Meryl Streep. Dove Prince corteggiava le donne con "Kiss".

 

Non era lo sfarzoso “Studio 54” di Manhattan, o la “Viper Room” di Hollywood, piena di scandali. Era semplicemente “Helena’s”, il club privato di Los Angeles dove le foto non erano permesse e le celebrità si scatenavano.

 

madonna e sean penn madonna e sean penn

Al timone c'era Helena Kallianiotes, che fuggì dalla Grecia su una nave per rifugiati e che, adesso, ricorda quando il suo locale era frequentato da star hollywoodiane, più di 30 anni fa. «È stato molto divertente: per ballare frequentavi Helena’s e ti drogavi» ha detto Melanie Griffith a The Hollywood Reporter.

 

Kallianiotes, che ha lavorato per tutti gli anni ‘70 come attrice e danzatrice del ventre, nel 1985 aprì Helena's nell' Eastside, zona affollata da gang di Los Angeles. Si era stancata di recitare e in men che non si dica quel locale divenne un luogo di ritrovo per l'élite di Hollywood. All’Helena’s non c‘era spazio per la stampa, gli agenti, gli avvocati e, ovviamente, i paparazzi.

 

helena kallianiotes 3 helena kallianiotes 3

Presto la lista d'attesa del locale si allungò, includendo nomi come quello di Barbara Streisand, Michael Douglas, Joni Mitchell, Kathryn Bigelow e Gus Van Sant. C'erano rock star come Elton John e Rod Stewart sulla pista da ballo e George Michael faceva il dj. Era il luogo in cui Ellen Barkin perse un braccialetto di diamanti in un bagno e Justin Bateman frequentava le serate di poesia con Robert Downey Jr.

 

helena kallianiotes 1 helena kallianiotes 1

«Prince ballava, Paul Getty sulla sua sedia a rotelle formava cerchi sulla pista, Sean Penn prendeva a pugni qualcuno - ricorda Anjelica Huston - La gente era semplicemente se stessa».

 

«Le persone si stipavano come sardine sulla pista da ballo – ha ricordato Kallianiotes – L’acqua la regalavo e fu Jack Nicholson, mio grande amico e investitore nel locale, a ricordarmi che là dentro tutti potevano permettersela. Lì lui incontrò Rebecca Broussard, una cameriera che diventò la madre dei suoi due figli. L’Helena’s non era come Studio 54, dove per entrare dovevi avere delle buone scarpe».

 

helena kallianiotes 4 helena kallianiotes 4

«Era Helena che sceglieva chi poteva entrare - ricorda Virginia Madsen - In qualche modo lei capiva se qualcuno all’ingresso voleva entrare solo per incontrare qualche personaggio famoso o per divertirsi. E comunque era un posto dove si facevano incontri importanti tanto che si diceva: "Helena's: dove ogni ballo è una mossa per la carriera».

 

«Era una discoteca intima dove i personaggi famosi passavano da un tavolo all’altro per salutare i propri amici» ha detto il manager delle celebrità Loree Rodkin.

 

rebecca broussard e jack nicholson 1 rebecca broussard e jack nicholson 1

Helena's era più di un semplice nightclub: era uno spazio su due piani, dipinto di bianco e illuminato da luci rosa, che comprendeva anche una sala da pranzo da 20 posti. Sul menu c'erano ostriche, torta al cioccolato senza farina e una pasta all'aglio greca. «Ricordo che Madonna venne da me dicendo: "Helena, come può la gente ballare quando hai l'aglio nel menù?».

 

Kallianotes chiuse Helena’s nel 1991 dopo essere rimasta ferita in un incidente d'auto. «All’ospedale vennero in tanti, Meryl Streep, Jack, Sam Shepard. Mi ricordo che erano tutti lì a vegliare sulla mia gamba».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

“CHI HA SCRITTO IL PEZZO ERA COSI’ PIPPA CHE DA PICCOLO FINIVA SEMPRE IN PORTA?”- I CALCETTARI INSORGONO CONTRO 'ROLLING STONE' CHE STRONCA "I MAMMIFERI FLACCIDI" CHE GIOCANO A CALCETTO: “NULLA TESTIMONIA MEGLIO L’IDEA DEL PUNTO MORTO A CUI È ARRIVATA LA STORIA UMANA” – COMMENTO DA INCORNICIARE: “SI PUO' SUONARE LA CHITARRA SENZA ESSERE GILMOUR E SI PUO' GIOCARE A CALCETTO SENZA ESSERE MESSI. SI CHIAMA POESIA, ROMANTICISMO, STRONZAGGINE. SO SOLO CHE E' BELLISSIMO…”

cafonal

viaggi

salute