SOLO A ROMA - L'ATAC, LA MUNICIPALIZZATA DEI TRASPORTI DELLA CAPITALE, HA SOSPESO UNA DIPENDENTE CHE SI FINGEVA MALATA DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ, CON CADENZA REGOLARE, PER VENDERE GIOIELLI E AMULETI NELLE FIERE IN GIRO PER L'ITALIA - LA DONNA, CHE RICOPRIVA UN RUOLO OPERATIVO DI CONTROLLO SUI MEZZI, PUBBLICAVA SUI SOCIAL I SUOI GIRI PER I MERCATINI DELLA PENISOLA – È STATA BECCATA DOPO CHE GLI ISPETTORI DI ATAC L'HANNO TENUTA D'OCCHIO PER SEI MESI, FINO A…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Maria Egizia Fiaschetti per www.corriere.it

atac atac

 

Malata dal lunedì al venerdì, non una tantum ma con una cadenza reiterata  che ha insinuato qualche dubbio tra gli ispettori dell'Atac, impegnati a stanare i furbetti con il mandato di ridurre l'assenteismo in azienda. […] la dipendente, […] non era un'autista ma ricopriva un ruolo operativo di controllo sui mezzi. […]è bastato fare una ricerca su Internet per scoprire che la lavoratrice della municipalizzata dei trasporti vendeva online amuleti artigianali di sua produzione.

 

Scoperta grazie al suo sito

CONTROLLORI ATAC 3 CONTROLLORI ATAC 3

Sul sito rilanciava anche una serie di appuntamenti tra le fiere e i mercatini itineranti nei dintorni della Capitale[…] dismessa la divisa dell'Atac, indossava infatti abiti esotici da "fatina" con i quali si faceva immortalare agghindata con gioielli vistosi e caftani orientaleggianti in alcuni filmati pubblicati sui social. […] per la società di via Prenestina lavorava da parecchi anni.

CONTROLLORE ATAC CONTROLLORE ATAC

 

Gli ispettori di Atac l'hanno tenuta d'occhio per sei-sette mesi, anche seguendola nei luoghi dove proponeva i suoi prodotti a metà tra l'artigianato e l'esoterismo fai-da-te, fino a raccogliere una corposa documentazione: quando il dossier era ormai talmente solido da far cadere ogni dubbio, è scattato il provvedimento disciplinare con sospensione dal lavoro. La legge prevede che la dipendente possa difendersi facendo ricorso […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA