LA STRAGE DI ERBA, UN GIALLO ITALIANO – IL MISTERO DELLE PERSIANE DI CASA CASTAGNA: LA MATTINA DEL 17 DICEMBRE 2006 LIDIO RAMON, IL FIGLIO DEL VICINO DI CASA DI RAFFAELLA CASTAGNA, RIVELÒ DI AVER SENTITO DIRE CHE LA SERA DELLA STRAGE LE PERSIANE ERANO CHIUSE. IN EFFETTI LE PRIME FOTO DEI VIGILI DEL FUOCO MOSTRANO LE PERSIANE SPACCATE, COME SE FOSSERO STATE SPALANCATE CON LA FORZA DAI SOCCORRITORI. MA DAI VERBALI… - IL LIBRO DEI GIORNALISTI FELICE MANTI ED EDOARDO MONTOLLI...

-

Condividi questo articolo


Anticipazione da “Olindo e Rosa”, di Felice Manti ed Edoardo Montolli (Algama editore)

 

OLINDO ROMANO ROSA BAZZI OLINDO ROMANO ROSA BAZZI

Davvero Olindo e Rosa confessarono dettagli che solo gli assassini potevano conoscere? Felice Manti ed Edoardo Montolli ne parlano nel loro ultimo libro «Olindo e Rosa, il più atroce errore giudiziario nella storia della Repubblica» (Algama editore), disponibile su Amazon e in tutti gli ebook store.

 

I due giornalisti scrissero nel lontano 2008 la controinchiesta Il grande abbaglio – Due innocenti verso l’ergastolo? e finirono travolti dalle polemiche per aver sostenuto l’estraneità di Olindo Romano e Rosa Bazzi alla mattanza nella quale la sera dell’11 dicembre 2006 persero la vita Raffaella Castagna, suo figlio di due anni e mezzo Youssef Marzouk, sua madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini.

 

OLINDO E ROSA - FELICE MANTI ED EDOARDO MONTOLLI OLINDO E ROSA - FELICE MANTI ED EDOARDO MONTOLLI

Il nuovo volume si avvale della prefazione del sostituto pg di Milano Cuno Tarfusser, che ha chiesto la revisione del processo dopo aver approfondito gli atti e dopo aver letto, come scrive egli stesso, proprio Il grande abbaglio.

 

E oggi che il caso è stato riaperto, i due cronisti raccontano i retroscena dei processi che portarono la coppia all’ergastolo, svelando tutti i dettagli delle nuove prove che scagionano i coniugi. A partire proprio dalle confessioni, sulle quali nemmeno gli assassini avrebbero potuto fornire i dettagli raccontati da Olindo e Rosa, dettagli che si potevano rivelare unicamente guardando le foto della strage.

 

Scrivono infatti i due giornalisti:

 

La mattina del 17 dicembre 2006, Lidio Ramon, il figlio del vicino di casa sordo di Raffaella Castagna, andò a casa di Olindo e rivelò di aver sentito dire che la sera della strage le persiane di casa Castagna - Marzouk erano chiuse.

 

Cuno Tarfusser Cuno Tarfusser

Si tratta di un fatto confermato lo stesso giorno da un residente a La Provincia di Como, il quale raccontò che solitamente le persiane di quella casa erano aperte, ma non l’11 dicembre.

 

E in effetti le prime foto dei vigili del fuoco mostrano le persiane spaccate, come se fossero state spalancate con la forza dai soccorritori.

 

Ora, noi dai verbali non sappiamo con certezza se davvero anche le persiane fossero chiuse, impedendo perfino alle luci dei fari di una macchina di penetrare nell’appartamento. Ma si tratta di un particolare addirittura in eccesso per quanto stiamo per spiegare. Perché esiste un dato assolutamente incontrovertibile: l’11 dicembre 2006 alle otto di sera, l’ora in cui tutto accadde, a Erba era buio da un pezzo, come se fosse notte, al pari del resto d’Italia.

 

raffaella castagna youssef raffaella castagna youssef

E la luce, nell’appartamento della strage, era stata staccata intorno alle 17,40.

 

In una foto scattata alle 1.04 del 12 dicembre in quell’appartamento, nonostante un faro acceso dai vigili del fuoco, in fondo al corridoio si vede a malapena un pompiere.

 

Lì dentro, senza luce, era buio pesto. Non si vedeva assolutamente nulla. Nemmeno gli assassini avrebbero potuto fornire i dettagli della mattanza, parlare degli abiti delle vittime, descrivere gli interni dell’abitazione e ciò che c’era o non c’era per terra.

 

Solo chi aveva visto le foto poteva farlo.

 

Ne consegue che le confessioni di Rosa e Olindo costituiscono la prova più lampante della loro innocenza.

ROSA BAZZI OLINDO ROMANO ROSA BAZZI OLINDO ROMANO ROSA E ALL-INDO - MEME BY EMILIANO CARLI ROSA E ALL-INDO - MEME BY EMILIANO CARLI servizio delle iene sulla strage di erba 4 servizio delle iene sulla strage di erba 4 famiglia castagna famiglia castagna il servizio delle iene sull assoluzione di azouz e la prova della macchia di sangue 13 il servizio delle iene sull assoluzione di azouz e la prova della macchia di sangue 13 il servizio delle iene sull assoluzione di azouz e la prova della macchia di sangue 2 il servizio delle iene sull assoluzione di azouz e la prova della macchia di sangue 2 il servizio delle iene sull assoluzione di azouz e la prova della macchia di sangue 3 il servizio delle iene sull assoluzione di azouz e la prova della macchia di sangue 3 rosa bazzi e olindo romano rosa bazzi e olindo romano olindo romano olindo romano traccia di sangue sull auto di olindo romano traccia di sangue sull auto di olindo romano

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SALVINI-MELONI. DUELLO IN AUTOSTRADA – IL LEADER DELLA LEGA ANNUNCIA: ‘’STO LAVORANDO A UN'INTERA REVISIONE DEL SISTEMA DELLE CONCESSIONI ENTRO IL 2024" – DAGOREPORT: IL NOCCIOLO DELLA RIFORMA: I PEDAGGI ANDREBBERO DIRETTAMENTE NELLE CASSE DELLO STATO. I CONCESSIONARI SI TRASFORMEREBBERO IN SEMPLICI GESTORI DELLA RETE, PAGATI DALLO STATO PER EROGARE I SERVIZI DI VIABILITÀ E PER EFFETTUARE LA MANUTENZIONE – DIVERSA E CONTRARIA L’IDEA DELLA MELONA: MAXI FUSIONE TRA AUTOSTRADE PER L’ITALIA – OGGI CONTROLLATA DA CDP INSIEME AI FONDI BLACKSTONE E MACQUARIE – E LA FAMIGLIA GAVIO…

FLASH! – QUELLA IMMAGINIFICA TESTA DI FAZIO, INTERVISTANDO (SI FA PER DIRE) LA FRIGNANTE FERRAGNI, SI E’ BEN GUARDATO DAL CITARE DAGOSPIA, CHE HA RIVELATO LA ROTTURA MATRIMONIALE DEI FERRAGNEZ, DA UNA PARTE. DALL’ALTRA, CON LA SCUSA DI MOSTRARE LE COPERTINE DEI SETTIMANALI DEDICATE ALLA FINE DELLA PREMIATA DITTA PANDORO & MALEFICENZA, FABIOSTRAZIO, AGITANDO IL SUO INQUIETANTE DOPPIOMENTO, SI E’ SPARATO UNA TONANTE MARCHETTA IN GLORIA DI “OGGI”, RIVISTA CON CUI COLLABORA… - VIDEO

COME TI SMONTO IL MUSEO DI BRERA – IL NEODIRETTORE DEL PIÙ IMPORTANTE MUSEO MILANESE, ANGELO CRESPI, È UN TIPINO BEN DOTATO DI ENTRAMBE LE CARATTERISTICHE CHE IL GOVERNO MELONI RICHIEDE AI SUOI FUNZIONARI: È MOLTO FEDELE (A LA RUSSA) MA SOPRATTUTTO È MOLTO INCOMPETENTE – L’INIZIO È DEI PIÙ PROMETTENTI: LICENZIATI I PROFESSIONISTI CHE DA ANNI LAVORANO PER I 'CRIMINI ARCHITETTONICI' DI PALAZZO CITTERIO – NON SODDISFATTO, CRESPI HA PENSATO BENE DI 'LICENZIARE' ANCHE ALESSANDRA QUARTO, NON PROPRIO UNA QUALSIASI…