STUPRATORI IN GONNELLA – BUFERA IN UNA SCUOLA AMERICANA IN VIRGINIA DOVE DUE RAGAZZINE SONO STATE VIOLENTATE DOPO CHE A SCUOLA IL PRESIDE HA INTRODOTTO UN REGOLAMENTO CHE SDOGANA I BAGNI “NO GENDER”: UN RAGAZZO CON LA GONNA SI È INTRODOTTO IN UNA TOILETTE E HA AGGREDITO UNA STUDENTESSA CHE È STATA COSTRETTA A SODOMIA E FELLATIO FORZATA. POCO TEMPO DOPO LA VIOLENZA SI È RIPETUTA SU UN’ALTRA RAGAZZA – I GENITORI CHIEDONO LA TESTA DEL PRESIDE E…

-

Condividi questo articolo


Angelo Zinetti per "Libero quotidiano"

 

bagni per transessuali bagni per transessuali

La questione dei bagni per transessuali nelle scuole americane sta degenerando, almeno nella Loudoun County School, in Virginia. Qui, il preside Scott Ziegler ha varato ad agosto un nuovo regolamento - il numero 8040 - a favore dei ragazzi dall'identità "fluida" che prevede fra l'altro la ricostruzione delle toilette con criteri più aperti e impone ai docenti di rivolgersi agli studenti col pronome maschile o femminile preferito dal ragazzo o ragazza.

 

scott ziegler 1 scott ziegler 1

Dopo di che è successo di tutto: violenze sessuali in classe, rivolta dei genitori, l'arresto di un padre che protestava contro Ziegler. Una sessantina di famiglie ha chiesto la testa del dirigente scolastico accusato di cercare di nascondere gli abusi sessuali commessi fra studenti. I genitori hanno puntato il dito contro due presunte aggressioni sessuali, la prima delle quali secondo il padre della vittima (l'uomo finito in arresto e bollato dai sostenitori di Ziegler come "terrorista") si è verificata il 28 maggio: sua figlia di prima media è stata aggredita in bagno da un ragazzo con la gonna. Elizabeth Lancaster, l'avvocato della famiglia, ha dichiarato che il ragazzo è accusato di sodomia forzata e fellatio forzata. Lo sceriffo di Loudoun ha confermato un caso di stupro per quella data nell'istituto ma non può fornire altri particolari ai media dato che il processo non si è ancora celebrato.

loudoun county public schools loudoun county public schools

 

L'ufficio dello sceriffo ha confermato poi che il 6 ottobre, in un'altra scuola, un ragazzo di 15 anni è stato accusato di violenza sessuale e rapimento: avrebbe trascinato una ragazza in una classe vuota. Qui l'avrebbe palpeggiata contro la sua volontà. Ci sarebbe un collegamento fra le due aggressioni, anche se la polizia non ha confermato il fatto che coinvolgono lo stesso studente maschio.

 

le proteste dei genitori contro scott ziegler le proteste dei genitori contro scott ziegler

Due giorni fa, martedì, si è tenuto un consiglio di istituto infuocato dove le famiglie si sono scagliate contro Ziegler, che accusano di aver creato una situazione pericolosissima e per di più di cercare di aiutare lo stupratore. «Il regolamento 8040 è stato votato senza considerazione per la sicurezza di tutti gli studenti, semplicemente per soddisfare le politiche della sinistra - una politica che si sapeva benissimo avrebbe permesso ai nostri figli di essere abusati all'interno delle nostre scuole», ha detto una madre infuriata. «Almeno due giovani donne sono state recentemente vittime di aggressioni sessuali nelle nostre scuole superiori, una di loro in un bagno».

bagni per transessuali 3 bagni per transessuali 3 le proteste dei genitori contro scott ziegler 1 le proteste dei genitori contro scott ziegler 1 scott ziegler scott ziegler bagni per transessuali 6 bagni per transessuali 6

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“DI MAIO DICE UNA BUGIA E MERITEREBBE UNA QUERELA” - VITTORIO SGARBI SI È INCAZZATO PER LA PAGINE DEL LIBRO DI LUIGINO A LUI DEDICATE: “IO NON HO MAI MALTRATTATO LE DONNE, COME DICHIARA LUI. LA MIA VIOLENZA VERBALE NON È DIRETTA ALLE DONNE IN PARTICOLARE. IO INSULTO TUTTI, SENZA DISTINGUERE UOMINI O DONNE. E POI NON ESISTE NEPPURE UNA FRASE IN CUI IO ABBIA DETTO A DI MAIO CHE È OMOSESSUALE O GAY. PER DI PIÙ IO NON HO MAI USATO LA PAROLA OMOSESSUALE IN SENSO NEGATIVO E TANTO MENO VERSO LUIGI DI MAIO"

business

RETROSCENA SUL NAUFRAGIO MPS-UNICREDIT – CON IL SUO “VAFFA” AL TESORO ANDREA ORCEL AVRA' SALVATO UNICREDIT MA SI È GIOCATO, DOPO MILANO, ANCHE LA BENEVOLENZA DEI PALAZZI ROMANI PER EVENTUALI ACQUISIZIONI, A PARTIRE DA BPM. NON È UN CASO CHE ORCEL ABBIA SPOSTATO ALL’ESTERO LE SUE BRAME: LA FRANCESE SOCIÉTÉ GENERALE E LA SPAGNOLA BBVA – L’IRA DI DRAGHI: IL DG DEL TESORO RIVERA DOVEVA ACCORGERSI PRIMA DEGLI OSTACOLI CHE HANNO FATTO SALTARE LA TRATTATIVA - PATETICO INCONTRO TRA RIVERA E CASTAGNA PER SPINGERE BPM A SCIROPPARSI GLI SCARTI DI MPS RIFIUTATI DA ORCEL - SI APRE LA VIA DEL TERZO POLO?

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute