I TEDESCHI FANNO ANCHE COSE BUONE: IN BAVIERA HANNO MESSO AL BANDO LO SCHWA, LA E ROVESCIATA CHE SERVE PER ANNULLARE IL GENERE NELLE PAROLE PLURALI – NEL RICCO LAND È STATO APPROVATO UN NUOVO REGOLAMENTO PER VIETARE L’USO DI CARATTERI SPECIALI CHE CREANO CONFUSIONE NELLA COMPRENSIONE DEI TESTI. LE CONSEGUENZE PER CHI NON RISPETTA IL DIVIETO SARANNO…

-

Condividi questo articolo


schwa 3 schwa 3

(Adnkronos) - Al bando lo schwa nelle scuole, nelle università e negli enti pubblici della Baviera. Entra in vigore oggi nelle istituzioni pubbliche del land tradizionalmente conservatore del sud della Germania, il divieto di usare forme linguistiche neutre rispetto al genere. Come molte lingue europee, il tedesco ha diverse forme maschili e femminili per alcuni sostantivi e in passato utilizzava il plurale maschile come forma predefinita onnicomprensiva.

 

Ad esempio, "Autor" è la parola per uno scrittore maschio e "Autorin" per una scrittrice. Le forme plurali sono "Autoren" e "Autorinnen". "Autoren" era precedentemente usato per significare "scrittori", non solo scrittori maschi. Alcuni hanno sostenuto che "Autoren" è grammaticalmente maschile e quindi esclude intrinsecamente le scrittrici.

 

schwa 2 schwa 2

Preferiscono quindi combinare le due forme con un simbolo, come un asterisco, una barra, due punti, un trattino basso o una lettera maiuscola interna per dare: Autor*innen, Autor/innen, Autor:innen, Autor_innen o AutorInnen. Un'alternativa senza simbolo è scrivere entrambe le forme con e: "Autorinnen und Autoren". I tradizionalisti però respingono questi cambiamenti perché non necessari e d'ora in poi l'uso di questi moduli è espressamente vietato nelle scuole, nelle università e negli enti pubblici dello Stato.

 

Il Regolamento generale di procedura (AGO) delle autorità bavaresi stabilisce che "non sono consentite ortografie multigenere che utilizzano simboli verbali interni come asterisco, due punti, trattino basso o punto intermedio".

 

schwa 1 schwa 1

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il controverso regolamento il 19 marzo e giovedì il governo statale ha pubblicato l'emendamento nella Gazzetta delle leggi e delle ordinanze. Nella sua risoluzione del 15 dicembre 2023, il Consiglio ortografico tedesco aveva recentemente sconsigliato l'uso di caratteri speciali all'interno delle parole, sottolineando che si tratta di interventi nella formazione delle parole, nella grammatica e nell'ortografia che possono compromettere la comprensibilità dei testi. Tuttavia, il divieto è stato aspramente criticato, tra gli altri, dai Verdi, dai gruppi politici universitari, dai sindacati, dalle associazioni queer e dalla Conferenza studentesca federale.

 

Secondo il ministero degli Interni bavarese, le conseguenze per chi non rispetta il divieto verranno decise caso per caso. "Se o quando la soglia di negligenza rilevante ai sensi del diritto disciplinare nel senso di violazione dei doveri d'ufficio viene superata in un caso concreto e individuale dovrà essere valutata in particolare per quanto riguarda la frequenza, l'entità e il rispettivo contesto", ha dichiarato la portavoce del Ministero. detto in risposta ad una domanda. Fa differenza, ad esempio, se si tratta di una lettera interna o pubblica e se il linguaggio di genere viene utilizzato una o più volte in modo vietato.

PETIZIONE CONTRO ASTERISCO E SCHWA PETIZIONE CONTRO ASTERISCO E SCHWA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)