DALLA TEORIA DEL GREGGE A SEGUIRE IL GREGGE È UN ATTIMO – STASERA DOVREBBE ARRIVARE IL LOCKDOWN ANCHE PER LA GRAN BRETAGNA – ''BORIA'' JOHNSON HA CHIUSO SCUOLE E LOCALI, MA NEL WEEKEND GLI INGLESI SE NE SONO FOTTUTI – IL PREMIER STA VEDENDO LE CURVE CHE SOMIGLIANO MOLTO A QUELLE ITALIANE E HA ELOGIATO I NOSTRI MEDICI. UN MODO PER DIRE CHE SE NON CE L'ABBIAMO FATTA NOI, FIGURARCI LORO...

-

Condividi questo articolo

 

Estratto dall'articolo di Luigi Ippolito per www.corriere.it

 

Boris Johnson e il Coronavirus by paniruro/spinoza Boris Johnson e il Coronavirus by paniruro/spinoza

Ora Boris Johnson comincia a preoccuparsi: e avverte che la Gran Bretagna rischia uno scenario italiano se la gente non se ne sta a casa. «I numeri sono molto netti e stanno accelerando - ha detto il premier britannico in un drammatico intervento sabato sera -. Siamo solo qualche settimana, due o tre, indietro rispetto all’ Italia. Gli italiani hanno un sistema sanitario eccezionale. E tuttavia i loro medici e infermieri sono stati completamente travolti: il loro conto dei morti ha raggiunto le migliaia e continua ad aumentare».

 

Cosa ha spinto Johnson a cambiare i toni? Ci sono dei grafici che raccontano una realtà inequivocabile: la curva di crescita dei decessi in Gran Bretagna sta salendo più rapidamente di quella italiana. In particolare Londra, epicentro della crisi, registra un tasso di aumento dei contagi superiore a quello di Milano o di Bergamo. In tutto il Paese le persone infettate sono oltre cinquemila e ieri pomeriggio i morti avevano raggiunto quota 281.

Da "Ansa"

 

coronavirus gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 1

Il governo Tory britannico di Boris Johnson alza la voce contro i cittadini che si ostinano a uscire di casa, ad affollare parchi e alcune linee della metropolitana di Londra malgrado le direttive degli ultimi giorni sui locali chiusi, l'allarme crescente sull'accelerazione dei contagi da coronavirus e gli appelli a «restare a casa».

 

boris johnson boris johnson

«Siamo pronti ad agire» con imposizioni più strette, «niente è fuori dal tavolo», ha detto alla Bbc il titolare della Sanità, Matt Hancock, prima di una riunione del consiglio dei ministri destinata ad autorizzare la polizia a multare la gente per strada. Chi ignora le indicazioni «è molto egoista», ha accusato Hancock, senza escludere in prospettiva neppure un lockdown totale («sull'esempio di altri Paesi» come l'Italia) e cambiando tono rispetto alle recenti sollecitazioni alla «ragionevolezza» di Johnson, accusato intanto da alcuni deputati dell'opposizione laburista di continuare a non dare messaggi abbastanza chiari e di aver mostrato finora un atteggiamento troppo «rilassato».

coronavirus gran bretagna 2 coronavirus gran bretagna 2

 

Quarantena obbligatoria. Boris Johnson ha formalizzato oggi la direttiva della quarantena obbligatoria per 12 settimane per circa 1,5 milioni di persone vulnerabili, anziani e malati cronici, contattati nelle ultime ore da un avviso del sistema sanitario nazionale (Nhs).

 

A tutti è stata promessa assistenza, visto che - per loro tutela - non potranno uscire neppure per la spesa. Il premier ha parlato della necessità delle restrizioni «senza precedenti» adottate, come le chiusure dei locali, per «rallentare» i contagi e «salvare migliaia di vite umane»

coronavirus gran bretagna 6 coronavirus gran bretagna 6

 

Le vittime. Appartengono tutte a categorie di pazienti «vulnerabili» - per età avanzata e/o condizioni patologiche pregresse - le 37 persone registrate come vittime del coronavirus in Inghilterra nelle ultime 24 ore, su un numero di 48 morti censiti da ieri nell'intero Regno Unito e di un totale complessivo salito nel Paese a 281. Lo sottolinea il servizio sanitario nazionale locale (Nhs England).

coronavirus gran bretagna 7 coronavirus gran bretagna 7

 

In maggioranza, come fin dall'inizio di questo doloroso conteggio, si tratta di anziani: in quest'ultimo contingente fino a 102 anni di età. Ma non mancano persone sotto i 60 anni e, proprio nelle ultime ore, anche il caso di un paziente 18enne (non si sa se ragazzo o ragazza) deceduto dopo il ricovero seguito a un test positivo al Covid-19 nel quadro di uno stato di salute reso già precario da altre malattie. 

coronavirus gran bretagna 3 coronavirus gran bretagna 3 coronavirus gran bretagna 22 marzo coronavirus gran bretagna 22 marzo disinfestazione scuole gran bretagna 1 disinfestazione scuole gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 2 coronavirus gran bretagna 2

 

coronavirus gran bretagna 5 coronavirus gran bretagna 5 coronavirus gran bretagna 8 coronavirus gran bretagna 8 coronavirus gran bretagna 4 coronavirus gran bretagna 4 coronavirus coronavirus inglesi si sbronzano prima del lockdown 9 inglesi si sbronzano prima del lockdown 9 inglesi si sbronzano prima del lockdown 10 inglesi si sbronzano prima del lockdown 10 inglesi si sbronzano prima del lockdown 11 inglesi si sbronzano prima del lockdown 11 coronavirus gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 1 coronavirus, supermercati gran bretagna 7 coronavirus, supermercati gran bretagna 7 coronavirus, supermercati gran bretagna 10 coronavirus, supermercati gran bretagna 10 coronavirus, supermercati gran bretagna 11 coronavirus, supermercati gran bretagna 11 coronavirus, supermercati gran bretagna 15 coronavirus, supermercati gran bretagna 15 inglesi si sbronzano prima del lockdown 7 inglesi si sbronzano prima del lockdown 7 pub chiudono per coronavirus pub chiudono per coronavirus inglesi si sbronzano prima del lockdown inglesi si sbronzano prima del lockdown inglesi si sbronzano prima del lockdown 12 inglesi si sbronzano prima del lockdown 12 coronavirus gran bretagna 5 coronavirus gran bretagna 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute