TOGHE TENUTE IN FREEZER – IL CSM MANTIENE AL LORO POSTO OLTRE 40 TRA CAPI E VICECAPI DI PROCURE, TRIBUNALI E CORTI D’APPELLO, NONOSTANTE I PARERI NEGATIVI DEI CONSIGLI GIUDIZIARI LOCALI. UN MODO PER EVITARE DECISIONI “SCOMODE” – LA LEGGE IMPONE CHE, DOPO 4 ANNI DI INCARICO, OGNI MAGISTRATO VENGA VALUTATO. E, SULLA BASE DI QUESTA VALUTAZIONE, CONFERMATO O RIMOSSO. MA NELLA REALTÀ NON FUNZIONA SEMPRE COSÌ – PER IL RUOLO DI PROCURATORE DI SIENA IL CSM PROPONE IL PM ANDREA BONI, CHE SI OCCUPÒ DELLA MORTE DI DAVID ROSSI…

-

Condividi questo articolo


IL MAGISTRATO ANDREA BONI IL MAGISTRATO ANDREA BONI

1 – PROCURATORE SIENA, PROPOSTO PM CHE SI OCCUPÒ DELLA MORTE DI ROSSI

(ANSA) - Per il ruolo di procuratore di Siena la Commissione per gli incarichi direttivi del Csm ha proposto all'unanimità la nomina di Andrea Boni, attualmente capo dei pm di Urbino. Se, come tutto lascia pensare, il plenum darà il suo via libera, per Boni si tratterà di un ritorno alla procura di Siena, dove da sostituto procuratore si è occupato di una delle inchieste sulla morte 10 anni fa di David Rossi, l'allora capo della comunicazione del Monte dei Paschi.

 

2 – MAGISTRATI, 40 ANCORA CAPI NONOSTANTE PARERI NEGATIVI

Estratto dell'articolo di Luigi Ferrarella per il “Corriere della Sera”

 

CSM CSM

La legge è chiara, eppure a eluderla – continuando a rinviare le decisioni – è proprio il «Consiglio superiore della magistratura», che da lungo tempo, in molti casi persino da 3 anni, tiene in freezer le conferme o non conferme nei loro ruoli dirigenziali di oltre 40 capi e vicecapi di Procure, Tribunali, Corti d’Appello: cioè di pm e giudici che, per essere o congedati dopo i primi 4 anni di dirigenza o lasciati al timone per altri 4 anni, prima dovrebbero appunto vedere il Csm valutare il loro iniziale quadriennio sulla base dei pareri dei locali Consigli Giudiziari.

 

FABIO PINELLI E SERGIO MATTARELLA FABIO PINELLI E SERGIO MATTARELLA

E invece, nel silente galleggiare di queste pratiche al Csm, e pur in presenza in molti casi di pareri negativi dei vari Consigli Giudiziari sui primi 4 anni di dirigenza (pareri noti anche ai colleghi o agli avvocati), per paradosso queste toghe continuano a fare i procuratori della Repubblica, i presidenti di Tribunali o di Corti d’Appello, i procuratori aggiunti e i presidenti di sezione sin quasi già a completare il secondo quadriennio.

 

Un (non dichiarato) «frigorifero» che, eludendo la procedura prevista dalla legge del 2006, finisce per svuotarla di qualunque efficacia e senso logico.

 

MAGISTRATI MAGISTRATI

[…] in almeno venti casi l’ancora attesa conferma o meno riguarda dirigenti di Procure, di Tribunali e Corti d’Appello che hanno esaurito il loro iniziale quadriennio addirittura nel 2020 o prima, l’altra ventina nel 2021.

 

[…] Molti hanno procedimenti disciplinari o penali in corso, sicché si intuisce che in passato i continui rinvii siano stati il modo del Csm (nelle dinamiche tra correnti togate e membri laici nominati dal Parlamento) per allontanare da sé l’amaro calice del dover affrontare valutazioni autonome.

anno giudiziario csm anno giudiziario csm

 

Ma il risultato è surreale: capi che fanno in tempo a finire l’intero mandato prima che il Csm magari dica, a babbo morto, che 4 anni prima avrebbero dovuto essere deposti dalla guida dei loro uffici.

csm csm il plenum del csm il plenum del csm IL MAGISTRATO ANDREA BONI IL MAGISTRATO ANDREA BONI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA