TOH, CHI SI RIVEDE – ARTEM USS, L’IMPRENDITORE (SE COSÌ SI PUÒ DIRE) RUSSO EVASO DAI DOMICILIARI A MILANO, È IN RUSSIA: LO CONFESSA LUI STESSO IN UN’INTERVISTA RILASCIATA ALL’AGENZIA DI STATO RIA NOVOSTI – “IL TRIBUNALE ITALIANO HA DIMOSTRATO DI ESSERE PRONTO A PIEGARSI ALLE PRESSIONI DELLE AUTORITÀ STATUNITENSI. SONO TORNATO IN PATRIA PERCHÉ SONO STATO COSTRETTO A FUGGIRE". MA COME HA FATTO A SFUGGIRE ALLE FORZE DELL’ORDINE ITALIANE? E PERCHÉ L’ALLARME DEL BRACCIALETTO ELETTRONICO È SCATTATO IN RITARDO?

-

Condividi questo articolo


ARTEM USS ARTEM USS

Estratto dell’articolo di Carmine Ranieri Guarino per www.milanotoday.it

 

Fuga riuscita. Perfettamente. Artem Uss, l'imprenditore russo 40enne evaso da Basiglio dove si trovava agli arresti domiciliari in attesa dell'estradizione negli Stati Uniti, sarebbe in Russia.

 

A confessarlo è stato lui stesso all'agenzia Ria Novosti, una sorta di agenzia stampa ufficiale del governo di Mosca.

LA STRUTTURA DOVE ARTEM USS ERA AI DOMICILIARI LA STRUTTURA DOVE ARTEM USS ERA AI DOMICILIARI

 

"Il tribunale italiano, sulla cui imparzialità inizialmente contavo, ha dimostrato la sua chiara partigianeria politica e di essere pronto a piegarsi alle pressioni delle autorità statunitensi", avrebbe detto Uss, figlio di Aleksander, governatore della regione siberiana di Krasnoyarsk. "Sono tornato in Patria perché sono stato costretto a fuggire", avrebbe aggiunto il latitante.

 

ARTEM USS ARTEM USS

Uss, arrestato il 17 ottobre a Malpensa e ai domiciliari dal 2 dicembre in una casa di Basiglio, era scappato lo scorso 22 marzo, poche ore dopo che il tribunale di Milano aveva dato l'ok all'estradizione in America.

 

Gli americani lo accusavano, e accusano, di violazione d'embargo nei confronti del Venezuela per contrabbando di petrolio verso Cina e Russia, frode bancaria, riciclaggio e - soprattutto - esportazione illegale di tecnologie militari dagli Usa alla Russia, in un momento in cui i rapporti tra i due Stati sono ai minimi storici per la guerra in Ucraina.

 

 

L'estradizione era stata concessa per due reati su quattro: per la violazione dell'embargo nei confronti del Venezuela e per la frode bancaria, mentre viene respinta la richiesta per il riciclaggio e per il contrabbando delle tecnologie militari.  […]

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA VERA FOTO DI ARTEM USS LA VERA FOTO DI ARTEM USS

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA