A TORINO UN 53ENNE È MORTO CADENDO NEL PO. L’UOMO ERA INSIEME ALLA MOGLIE AI “MURAZZI” E, PER SCATTARSI UNA FOTO, È CADUTO IN ACQUA: IL POVERETTO NON SAPEVA NUOTARE - UN 23ENNE ORIGINARIO DEL BANGLADESH, RASEL MIYA MD, HA PROVATO A SALVARLO TUFFANDOSI MA NON C’E’ STATO NULLA DA FARE – IL TRISTE RACCONTO DEL GIOVANE, RIMASTO IN ACQUA PER MEZZ’ORA: “NESSUNO CERCAVA DI AIUTARLO. ERANO TUTTI FERMI A GUARDARE”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Ugo Milano per www.open.online

 

uomo caduto nel po a torino 1 uomo caduto nel po a torino 1

È scivolato lungo l’argine e non è più riemerso. Sabato sera, 16 marzo, un uomo di 53 anni era con la moglie ai Murazzi di Torino, all’altezza di piazza Vittorio, e si stava scattando il classico selfie di coppia lungo fiume quando ha perso l’equilibrio ed è caduto nel Po.

 

Luca Aghemo, originario di Rivoli e in procinto di compiere gli anni il prossimo mercoledì, ha provato a rimanere a galla nell’acqua gelida del fiume mentre la donna gridava aiuto. Le urla sono state sentite dai passanti, che hanno formato un capannello intorno al luogo dell’incidente. Il trambusto ha allertato Rasel Miya Md, 23enne originario del Bangladesh, che appena ha capito la situazione non ha esitato a buttarsi in acqua tentando di salvare l’uomo, che non sapeva nuotare.

uomo caduto nel po a torino 3 uomo caduto nel po a torino 3

 

Ma il freddo e il buio hanno reso praticamente impossibile l’individuazione del corpo. […] Tristezza, ma anche amarezza, perché «nessuno cercava di aiutarlo. Erano tutti fermi a guardare», ha spiegato, «mi dispiace molto per quello che è successo pensavo di riuscire a salvarlo». Miya è stato in acqua per oltre mezz’ora, mettendo a serio rischio la sua incolumità: «A un certo punto però non vedevo più niente, non sapevo come andare avanti». […]

uomo caduto nel po a torino 2 uomo caduto nel po a torino 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?