TRACEY COX SMONTA I FALSI MITI SUL SESSO: LA LUNGHEZZA MEDIA DEL PENE ERETTO? NESSUNO L'HA MAI MISURATA - E POI: ANCHE SE I PRELIMINARI AIUTANO LA PENETRAZIONE, LE DONNE NON HANNO BISOGNO DI PIU' TEMPO PER ECCITARSI - NON E' NECESSARIO FARE LA PIPI' DOPO UN RAPPORTO: LE PROBABILITA' DI CONTRARRE UN'INFEZIONE NON DIMINUIRANNO, COME MOLTE CREDONO - E SUL VIBRATORE E IL SUO INVENTORE...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Di Tracey Cox

 

pene grosso 8 pene grosso 8

Scrivo libri da più di 20 anni e, cosa piuttosto orribile, parte di ciò che ho scritto nei primi tempi non è più vero. E forse non lo è mai stato.

 

La ricerca sul sesso è un grande business in questi giorni. Oggi i ricercatori hanno il tempo e il denaro per tornare indietro e rintracciare da dove provenivano le "prove" originali a sostegno di queste affermazioni. In un numero allarmante di casi, non ce ne sono.

 

pene grosso 7 pene grosso 7

Molte delle cose che pensavamo di sapere sul sesso non hanno prove a sostegno. Diamo per scontato che siano vere semplicemente perché l'abbiamo visto o sentito dire così tante volte.

 

Ecco allora gli ultimi luoghi comuni sul sesso da demolire.

 

pene grosso 5 pene grosso 5

Nessuno sa quale sia la dimensione media di un pene. La statistica che viene citata, «il pene eretto è lungo 12,7 centimetri in media» non è altro che un’ipotesi. E neanche troppo realistica. Non esiste uno studio definitivo che dimostri quale è la dimensione media del pene di un uomo, ed è molto improbabile che sarà mai realizzato. Il perché è presto spiegato: pochissimi uomini si fanno avanti volentieri per farsi misurare il pene da un medico esperto. La maggior parte degli uomini è convinta che non sarà all’altezza. Quasi tutti gli studi realizzati si basano infatti sull’automisurazione, inaffidabile e spesso generosa.

 

pene grosso 4 pene grosso 4

Non è mai stato fatto uno studio che fornisse una misurazione accurata da parte di qualcuno addestrato a farlo correttamente, di una sezione trasversale di uomini che rappresentano tutte le culture, le età e le fasi. È improbabile che l'ultimo studio, condotto in Giappone, aggiunga qualcosa. I ricercatori hanno misurato la lunghezza del pene flaccido allungato invece che del pene eretto. Come mai? Gli uomini erano morti: i ricercatori hanno misurato i cadaveri.

 

Sesso Sesso

Le donne non impiegano più tempo per eccitarsi rispetto agli uomini. La maggior parte delle persone crede che la funzione principale dei "preliminari" sia quella di far eccitare le donne e che gli uomini non ne abbiano affatto bisogno. Se è vero che il rapporto sessuale è più comodo per le donne quando la vagina si espande per fare spazio al pene, è altrettanto vero che uomini e donne raggiungono il picco di eccitazione nello stesso tempo.

 

Sesso Sesso

I ricercatori hanno utilizzato la termografia per misurare il flusso sanguigno ai genitali (un indicatore affidabile di eccitazione) e hanno chiesto a uomini e donne di guardare un mix di video, compresi quelli erotici. Dopo aver visto il video sessualmente eccitante, entrambi i sessi hanno impiegato lo stesso tempo per eccitarsi.

 

E già che siamo in tema, ci sono anche prove evidenti che i preliminari più lunghi portano a livelli più elevati di soddisfazione per gli uomini, così come per le donne.

 

Sesso 2 Sesso 2

Non ha senso fare pipì dopo il sesso. A qualsiasi donna che abbia mai avuto un'infezione del tratto urinario (UTI) è stato sempre detto di fare pipì dopo il sesso per ridurre le possibilità di contrarne un'altra. L'idea era che la pipì eliminasse tutti i batteri forzati nell'uretra durante il rapporto.

 

Ma non ci sono prove concrete per confermare questa teoria. Stranamente, anche i siti web medici affidabili che ammettono che non ci sono prove, continuano a dire "non c'è nulla di male" nel continuare a seguire i consigli.

 

Sesso Sesso

Le donne hanno ancora 30 volte più probabilità di contrarre un'infezione delle vie urinarie rispetto agli uomini perché la nostra uretra è vicina alla vagina e l'ano e i batteri si diffondono facilmente. Inoltre la nostra uretra è più corta, quindi i batteri possono raggiungere più facilmente la vescica.

 

Il vibratore non è stato inventato per facilitare il lavoro del dottore. C'è una storia estremamente eccitante e divertente che racconta come i vibratori siano stati inventati perché i medici riuscissero a curare l’isteria delle donne.

 

il sesso penetrativo non per forza fa raggiungere orgasmi il sesso penetrativo non per forza fa raggiungere orgasmi

L'isteria era il termine che i medici usavano per descrivere qualsiasi tipo di stress femminile o sintomi legati all'ansia nell’Ottocento. La presunta "cura" per l'isteria era che il dottore masturbasse il paziente fino all'orgasmo. Non solo questo rendeva i tempi degli appuntamenti troppo lunghi, ma si dice che i poveri vecchi dottori fossero stanchi di svolgere questo compito, in modo ripetitivo, su così tante donne. Il vibratore, dunque, fu progettato per rendere il lavoro molto più semplice!

 

vibratore sanofix 2 vibratore sanofix 2

Peccato però che non ci sia letteratura o dati che forniscano prove sul fatto che i medici abbiano masturbato le loro pazienti.

 

È vero che un medico vittoriano ha creato il "vibratode", ma è stato originariamente progettato come dispositivo medico per gli uomini per curare il dolore (su parti non sessuali). I vibratori sono stati inizialmente commercializzati per uso generale come apparecchi domestici e medici nei primi anni del 1900.

 

La pubblicità mostrava uomini, donne, bambini e anziani che li usavano per curare tutto, dalle rughe alla tubercolosi. Le donne, tuttavia, non hanno impiegato molto a scoprire che accadono cose spettacolari quando si applica sul clitoride.

 

clitoride clitoride

Il clitoride non ha il doppio delle terminazioni nervose del pene. Viene continuamente segnalato che il clitoride ha 8000 terminazioni nervose solo nella punta (la parte che puoi vedere). È un "fatto" che appare nei libri di testo e in molte altre fonti altamente affidabili: ho scritto questa frase esatta in molti dei miei libri nel corso degli anni.

 

clitoride 3 clitoride 3

Quando un ricercatore sessuale ha deciso di tornare indietro e trovare gli studi originali che mostravano prove di così tante terminazioni nervose, si è scoperto che non ce n'erano. Tutto ciò che è emerso è stato uno studio basato su... mucche.

 

La verità è che non ci sono studi che ci dicano quante terminazioni nervose ci sono nel pene o nel clitoride.

 

i misteri del clitoride i misteri del clitoride

Non c'è neanche il punto G. La maggior parte di voi non sarà sorpresa di questo fatto. Perché il nome è ancora un luogo comune? Perché è più facile usarlo per descrivere un'area altamente sensibile all'interno della vagina rispetto alla (più accurata) "parete anteriore" o "stimolazione clitoridea/uretrale interna".

 

La "zona del punto G" è un punto d'incontro caldo per il clitoride, la spugna uretrale, la ghiandola di Skene e forse altre aree.

 

Alla ricerca del punto G Alla ricerca del punto G

La rivista Cosmopolitan l'anno scorso si è scusata per aver usato il termine e averlo promosso ampiamente nel corso degli anni. Non è un'entità anatomica distinta.

 

Il che rende i medici che stanno attualmente eseguendo un intervento chirurgico di "amplificazione del punto G" ancora più ciarlatani di quanto sembrino.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONAL ALL’OPERA! – ALL’OPERA DI ROMA, PER IL DEBUTTO DELL’“AIDA” ORCHESTRATA DA MICHELE MARIOTTI E MALDIRETTA DA DAVIDE LIVERMORE, SEMBRAVA DI STARE DAVVERO NELLA VALLE DEI TEMPLI - IN PRIMA FILA LAURA MATTARELLA, ANDREA ZOPPINI, PAOLA SEVERINO, ETTORE SEQUI, CARLO FUORTES, FABRIZIO PALERMO COL CIUFFO, SERGIO RUBINI STROPICCIATO, ANDREA MONORCHIO, SILVIA CALANDRELLI CON-TURBANTE, MAURO MASI AL GUINZAGLIO DI INGRID MUCCITELLI, PAOLA SEVERINO, ROSANNA CANCELLIERI IN MODALITA' NEFERTARI …

viaggi

salute

L'EPIDEMIA DI VAIOLO DELLE SCIMMIE IN EUROPA SI STA SPEGNENDO: SOLO 23 NUOVI CONTAGI - SU SCALA GLOBALE, INVECE, L'OMS HA RILEVATO UN AUMENTO DEI CONTAGI. NELLA SETTIMANA TRA IL 23 E IL 29 GENNAIO SONO STATI REGISTRATI NEL MONDO 403 NUOVI CASI, IL 37,1% IN PIÙ RISPETTO ALLA SETTIMANA PRECEDENTE, DISTRIBUITI IN 20 PAESI NEL MONDO. IL MAGGIOR NUMERO DI CONTAGI È STATO REGISTRATO IN MESSICO (72 NUOVI CASI), REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO (69), USA (42), BRASILE (40), GUATEMALA (34)…