TRUMP, UN’ANOMALIA AMERICANA - PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA USA UN EX PRESIDENTE (E CANDIDATO ALLA CASA BIANCA) È SUL BANCO DEGLI IMPUTATI DI UN PROCEDIMENTO PENALE PER IL QUALE RISCHIA IL CARCERE - TRUMP HA CHIESTO FINO ALL’ULTIMO IL RINVIO DI UN PROCESSO NEL QUALE È ACCUSATO DI AVER FALSIFICATO DOCUMENTI E VIOLATO LA LEGGE SUI FONDI ELETTORALI COMPRANDO (CON 130 MILA DOLLARI) IL SILENZIO DELLA PORNOSTAR STORMY DANIELS PER UNA RELAZIONE SESSUALE DEL 2016 (DA LUI NEGATA) - TRUMP SI PRESENTA COME PERSEGUITATO: E’ STATO INCRIMINATO A NEW YORK, STATO A MAGGIORANZA DEMOCRATICA, DA UN PROCURATORE, ALVIN BRAGG, AFROAMERICANO ELETTO NEL 2022 NELLE LISTE DEMOCRATICHE. DEMOCRATICO E' ANCHE IL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE CHE LO GIUDICHERÀ, JUAN MERCHAM…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Massimo Gaggi per il “Corriere della Sera”

 

stormy daniels donald trump 1 stormy daniels donald trump 1

Processo senza precedenti da oggi a New York: per la prima volta nella storia americana un ex presidente (e candidato alla Casa Bianca) è sul banco degli imputati di un procedimento penale per il quale rischia il carcere. Donald Trump ha chiesto fino all’ultimo il rinvio di un processo nel quale è accusato di aver falsificato documenti e violato la legge sui fondi elettorali comprando (con 130 mila dollari) il silenzio della pornostar Stormy Daniels per una relazione sessuale del 2016 (da lui negata).

stormy daniels donald trump stormy daniels donald trump

 

Un secondo caso riguarda un altro rapporto extraconiugale: 150 mila dollari versati all’editore American Media Inc. coi quali l’avvocato di Trump acquistò e fece sparire la storia di una relazione che sarebbe durata 10 mesi, raccontata dalla modella di Playboy Karen McDougal (anche qui The Donald nega). Non essendo riuscito a bloccare il processo, Trump lo trasformerà nell’elemento centrale della sua campagna elettorale.

stormy trumps all porn video stormy trumps all porn video

 

Del resto già da tempo sta sfruttando i suoi numerosi problemi giudiziari per presentarsi come un perseguitato politico da giudici che lui dipinge come al servizio di Biden. L’ex presidente pensa che […] otterrà comunque un guadagno politico dal processo di New York. Di tutte le incriminazioni penali che ha avuto, questa è la più debole e quella alla quale può dare più facilmente un colore politico: incriminato a New York, Stato a maggioranza democratica, da un procuratore, Alvin Bragg, afroamericano eletto nel 2022 nelle liste democratiche.

 

stormy daniels e Trump stormy daniels e Trump

[…] Democratico anche il presidente del tribunale che lo giudicherà, Juan Mercham. Che ha già mostrato molta determinazione nell’impedire a Trump di fare show politici in aula. L’ex presidente dovrà trattenersi dentro il tribunale (a meno che non scelga di testimoniare in prima persona), ma sfrutterà il caso nei comizi e sulle sue piattaforme di comunicazione: già ieri, in un comizio in Pennsylvania, è tornato ad accusare Mercham di averlo imbavagliato violando il suo diritto costituzionale al free speech (in realtà gli è stato vietato di continuare a insultare e minacciare i testimoni del processo e i familiari di procuratori e giudice).

 

stormy daniels e Trump stormy daniels e Trump

Trump continua, poi, ad attaccare Bragg definendolo razzista e incolpandolo per l’aumento della criminalità (che in città, in realtà, è in calo) a causa della mano leggera dei tribunali nei confronti dei delinquenti. Un possibile vantaggio politico, per lui, il processo a New York, ma svantaggio processuale: in caso di condanna (rischia fino a 4 anni, ma è incriminato per reati punibili anche senza pene detentive) Trump, se diventerà presidente, non potrà autoperdonarsi come potrebbe fare, invece, per le condanne dei tribunali federali. Processi che, però, quasi certamente non verranno celebrati prima delle presidenziali del prossimo novembre. Il processo durerà dalle 6 alle 8 settimane.

donald trump donald trump

 

Decisiva la selezione dei 12 giurati che probabilmente poterà via parecchi giorni. La giuria rispecchierà la maggioranza democratica di New York, ma per condannare il giudizio deve essere unanime: basta un solo dissidente per annullare tutto e ricominciare quindi daccapo, chissà quando.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO

DAGOREPORT - IL 1 LUGLIO DOVREBBE PARTIRE LA NETCO (EX RETE TIM) TARGATA KKR, E LA SQUADRA È GIÀ PRONTA: IL PRESIDENTE SARÀ MASSIMO SARMI, CARO A GIORGETTI; SIMONE BONANNINI, EX OPEN FIBER E AMICO DEL SOTTOSEGRETARIO ALESSIO BUTTI, DOVREBBE DIVENTARE DIRETTORE COMMERCIALE - PATRIZIA RUTIGLIANO DOVREBBE ESSERE LA CAPA DELLA COMUNICAZIONE - DA TIM DOVREBBERO ARRIVARE ELISABETTA ROMANO COME CTO E GIOVANNI MOGLIA COME DIRETTORE FINANZIARIO - A QUESTO PUNTO LA DOMANDA SORGE SPONTANEA MA AL FUTURO AD, CHE DOVREBBE ESSERE L’EX FERROVIERE LUIGI FERRARIS, GLI FARANNO DECIDERE QUALCOSA? AH SAPERLO…