TU BATTI E IO BATTO LA FIACCA – UN VENTISETTENNE DI SINGAPORE È STATO CONDANNATO A 25 ANNI E A 24 BASTONATE PER AVER COSTRETTO LA MOGLIE, CHE AVEVA APPENA PARTORITO IL LORO SECONDO FIGLIO, A PROSTITUIRSI – I SOLDI DOVEVANO SERVIRE PER I PANNOLINI E LE SPESE DOMESTICHE MENTRE LUI PREFERIVA SOLLAZZARSI SUL DIVANO O FILMARE LA MOGLIE CON I CLIENTI…

-

Condividi questo articolo

Biagio Chiariello per "www.fanpage.it"

 

prostitute prostitute

Piuttosto che lavorare, costringeva la moglie, che aveva appena dato alla luce il loro secondo figlio, a prostituirsi e a filmarsi mentre faceva sesso con i clienti “per soddisfare i suoi desideri perversi”. Un ventisettenne di Singapore, che non può essere nominato per proteggere l'identità delle sue vittime, è stato condannato a 25 anni e mezzo di carcere e a 24 colpi di bastone all'Alta Corte locale.

 

"Sei un mostro", ha detto il giudice Chan Seng Onn al momento della sentenza. È stato anche multato di $ 12.000 cifra che avrebbe guadagnato facendo prostituire sua moglie. Secondo quanto ricostruito avrebbe anche abusato del figlio di sei anni della coppia appena pochi minuti dopo aver fatto sesso con sua moglie in presenza della stessa donna, che ora ha 28 anni. All'epoca era infetto da una malattia a trasmissione sessuale e ne mostrava già i sintomi.

prostitute  prostitute 

 

L'uomo e sua moglie hanno iniziato a frequentarsi nel 2008, prima di sposarsi quattro anni dopo. Ha iniziato a maltrattarla fisicamente nel 2009 “per questioni futili”. Nel corso del tempo, la frequenza e l'intensità della violenza sono aumentate. Da giugno 2015 in poi, l'avrebbe aggredita almeno una volta alla settimana.

prostitute  prostitute 

 

Violenze che sarebbero persistite anche durante le sue due gravidanze. La donna era così spaventata dall'uomo che non avrebbe osato usare il suo telefono cellulare per contattare i suoi familiari, come il marito le aveva esplicitamente negato di fare.

 

Inoltre, la sventurato non ha mai riferito le sue azioni alla polizia, poiché aveva minacciato di ucciderla se lo avesse fatto. Tra il 2010 e il 2015, l'uomo ha fatto affidamento sul salario della moglie (1.800 dollari al mese) come receptionist e assistente di ufficio mentre era disoccupato.

 

prostituzione legale prostituzione legale

Quando la donna ha smesso di lavorare a settembre 2015, la coppia si è trovata in una situazione finanziaria talmente disastrosa che hanno persino pensato di interrompere la gravidanza del loro secondo figlio.

 

Nel giugno 2016, tre mesi dopo che la moglie aveva dato alla luce il bimbo, l'uomo le ha suggerito di prostituirsi per pagare i pannolini, il latte in polvere e le altre spese domestiche. Ha respinto la richiesta della donna di fare domanda “per un lavoro normale”, insistendo sul fatto che la prostituzione era “un mezzo rapido e redditizio” per guadagnare denaro.

 

prostituzione 9 prostituzione 9

"Nonostante i loro problemi, l'imputato ha scelto di restare disoccupato in quel momento. Ha respinto l'idea che avrebbe dovuto lavorare per guadagnare soldi per la famiglia, e invece ha chiesto alla moglie che sostenesse la propria famiglia prostituendosi”, ha detto il vice procuratore pubblico Eunice Lau.

prostituzione 7 prostituzione 7 prostituzione 10 prostituzione 10 prostituzione 1 prostituzione 1 prostituzione 6 prostituzione 6 prostituzione 11 prostituzione 11 prostituzione 12 prostituzione 12 prostituzione 5 prostituzione 5 prostituzione 13 prostituzione 13 prostituzione 14 prostituzione 14 prostituzione 15 prostituzione 15 prostituzione 16 prostituzione 16 prostituzione 17 prostituzione 17 prostituzione 18 prostituzione 18 prostituzione 19 prostituzione 19 prostituzione 2 prostituzione 2 prostituzione 3 prostituzione 3 prostituzione 8 prostituzione 8

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute