TUTTI GLI AFFARI DI MARRA PORTANO A MALTA - IL FRATELLO CATELLO HA MESSO IN PIEDI UN ENTE CHE VENDE TITOLI ONORIFICI, MA VANTA ANCHE UNA RETE DI RELAZIONI CHE LO PORTA AL PRESIDENTE DELL’ISOLA - GLI AFFARI DEL BRACCIO MAL-DESTRO DELLA RAGGI CON UN REGISTA RAI E TRE IMMOBILIARISTI

Condividi questo articolo


 

Giuliano Foschini per la Repubblica

 

 

Lo chiamano “l’alveare”. Ed è tra migliaia di api – a insetti assomigliano le centinaia di società, trust, fiduciarie che hanno sede in questo palazzo - che bisogna cominciare a cercare per raccontare la storia della famiglia Marra a Malta. Una storia ora al centro del secondo pezzo di indagine della procura di Roma su Raffaele e sui rapporti economici con i suoi familiari (moglie, figli e fratello) che da anni vivono nell’isola. A portare i carabinieri del nucleo investigativo in questo pezzo di Mediterraneo è stato infatti uno strano flusso di denaro tra Raffaele e tre immobiliaristi italiani prima e un fondo maltese poi.

 

catello marra con ramona badescu catello marra con ramona badescu

L’ “alveare” è tra i sali e scendi del centro storico di La Valletta. Si chiama Palazzo Vincenti, Strait Street, e deve il soprannome ai tantissimi, un centinaio a contare le targhe, studi legali e di notai che riempiono ogni stanza. Ogni giorno qui nascono decine e decine di società che, fatte per lo più di capitali esteri, godono della tassazione d’oro e delle regole di discrezione bancaria dell’isola. Su Palazzo Vincenti, più grande delle altre, c’è una grande insegna bronzata: “International Organizzation fo the Diplomatic Relations – Presidency and General Government”.

 

È il “gioiello” di Catello “Lello” Marra, il fratello di Raffaele. Anch’egli un passato tormentato da finanziere, interrotto per un infortunio di percorso (un’inchiesta su un concorso sottoufficiali), da più di dieci anni Marra senior si è trasferito nell’isola dove ha creato questa bizzarra organizzazione. Si dovrebbe trattare, parole sue, di un’ “associazione filantropica di solidarietà assistenziale e di protezione sociale che collabora per il rafforzamento dell’Industria”, confusa negli interessi così come nelle relazioni (che spaziano da Peppino di Capri alla first lady del Suriname).

catello marra patrizio oliva catello marra patrizio oliva

 

In realtà tutto appare tranne che un’organizzazione di beneficenza. Sembra piuttosto una sorta di ordine diplomatico, seppur non riconosciuto: vende, perché si comprano, bolli e onorificenze. E sborsando qualche centinaia di euro si ha il permesso di indossare le straordinarie uniformi con cui Lello gira nelle occasioni ufficiali. C’è quella rossa da cerimonia e quella nera per i gala. Privilegio riservato soltanto ai “corrispondenti diplomatici”, sparsi sulla carta da Pinerolo a Napoli, ma in realtà irrintracciabili.

 

raffaele marra arrestato raffaele marra arrestato

Così per capire esattamente cosa sia questa “Iodr” è necessario parlare con chi ha avuto modo di conoscerla bene recentemente: Luca Silvestrone. Questo signore di Ravenna ha creato da poco un’associazione, Italy for Malta che ha l’ambizione di creare ponti di affari tra i due paesi. Anche Silvestrone ha un passato, diciamo, burrascoso: cacciato da Federconsumatori con l’accusa di essere un truffatore, anni fa provò a “scalare” il Cagliari di Cellino non superando nemmeno il primo gradino. Ora, il riscatto: qualche giorno fa è stato ospite in un ricevimento privato della presidente della Repubblica di Malta, Marie Louise Coleiro Preca.

raffaele marra raffaele marra

 

Chi l’ha portata Silvestrone? “Catello Marra: ha grandissime conoscenze nell’isola e per questo ci siamo appoggiati a lui per cominciare qualche iniziativa. La sua associazione mette in contatto imprenditori italiani con commercialisti e avvocati del posto per spiegare ed eventualmente sfruttare le opportunità da un punto di vista fiscale che ci sono a Malta”.

 

Queste “opportunità” potrebbero interessare la Procura di Roma che ha fatto partire una rogatoria nelle scorse ore. Nel 2013 proprio dal conto maltese di Catello arriva infatti un bonifico da quattromila euro per il fratello Raffaele. Che, probabilmente per questioni legate ai leasing di alcune imbarcazioni, fa affari anche con un regista della Rai e, fatto strano, con tre immobiliaristi (Ernesto Fornasari, emiliano, Giovanni di Pasquale, romano, Christian Fazzino, lombardo). Da capire cosa siano anche i 240mila euro che arrivano da un fondo maltese, sul conto di Raffaele: il prezzo della vendita di una barca, come sospetta Bankitalia, o altro?

malta casino malta casino

 

Malta, certo, è nel cuore dell’ex braccio destro di Virginia Raggi: poche settimane dopo la sua nomina a capo del personale, il Cral di Roma Capitale ha organizzato uno splendido viaggio per il ponte dell’Immacolata. 150 euro a persona, direzione La Valletta.

Malta - La valletta Malta - La valletta

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO UN CACACAZZI” - MASSIMO RANIERI PARLA DI SANREMO, DI UN POSSIBILE TOUR IN TRIO CON AL BANO E MORANDI E POI PRENDE A SASSATE "L'INVERNO DEMOGRAFICO" - "DOPO IL FESTIVAL VOGLIO DIVENTARE PADRE. HO 71 ANNI MA NON MI FACCIO SPAVENTARE DALL'ETÀ. MIO FIGLIO PENSERÀ DI AVERE UN PAPÀ VECCHIO? E CHISSENEFREGA. ANCH' IO QUANDO AVEVO 16 ANNI E MIO PADRE NE AVEVA 50, PENSAVO FOSSE VECCHIO - POTREI ESSERE UN PADRE IDEALE PRIMA DELLE TRE DI NOTTE NON MI ADDORMENTO...” – VIDEO+LIBRO

politica

DAGOREPORT - SOLO CON UN ACCORDO SUL DOPO-DRAGHI A PALAZZO CHIGI, POTRÀ SCATTARE IL SEMAFORO VERDE PER DRAGHI SUL COLLE. ED È L’UNICO MODO PER CONVINCERE SALVINI -  DOPODICHÉ BISOGNA ACCORDARSI CON BERLUSCONI PERCHÉ IL PD NON PUÒ TROVARE UN’INTESA SUL QUIRINALE SOLO CON LA DESTRA DELLA LEGA SENZA IL CENTRO DI FORZA ITALIA - IL PREMIER DEL DOPO-DRAGHI DEVE ESSERE UN POLITICO AL DI SOPRA DELLE PARTI MA UN DRAGHI 2 NON C’È. I COLAO STANNO ALLA POLITICA COME ROCCO SIFFREDI ALLA FILOSOFIA - IL BANANA VUOLE CONTRATTARE CON SALVINI E MELONI LA PERSONA DA PROPORRE. AL MOMENTO, LA PRIMA SCELTA È IL LEGGENDARIO MATTARELLA BIS, A SEGUIRE CASINI CHE È PERÒ MALVISTO DA GIORGIA E MATTEO POICHÉ PIERFURBY È IN PARLAMENTO CON I VOTI DEL PD...

business

COSA VUOLE DIRE SAVONA QUANDO DICE CHE E’ TENUTO "IN SCACCO" DALLA "VECCHIA CONSOB"? – IL DOSSIER GENERALI SPACCA L’AUTORITA’. IL PRESIDENTE SAVONA SI DIFENDE DOPO LE ACCUSE DI NON VOLER SVOLGERE IL SUO RUOLO DECISIVO IN UNA COMMISSIONE DOVE GLI ALTRI 4 COMMISSARI SAREBBERO SCHIERATI IN PARITÀ (DUE PER MEDIOBANCA, GLI ALTRI DUE PIÙ CONVINTI DELLE RAGIONI DI CALTAGIRONE-DEL VECCHIO) - APPARE DIFFICILE PER SAVONA ERGERSI A PALADINO DEL RINNOVAMENTO, ESSENDO EGLI STATO PER DECENNI VICINO ALLA GALASSIA MEDIOBANCA...

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L’EMERGENZA SANITARIA DEL FUTURO - OLTRE 1,2 MILIONI DI MORTI NEL 2019, A CAUSA DI INFEZIONI ANTIBIOTICO-RESISTENTI, MENTRE ALTRE 5 MILIONI PER CAUSE LEGATE INDIRETTAMENTE - LE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE SONO QUELLE CHE FANNO PIÙ VITTIME, SEGUITE DA QUELLE DEL SANGUE E DA QUELLE ADDOMINALI – SI STIMAVA CHE ENTRO IL 2050 LE VITTIME POTREBBERO ARRIVARE A 10 MILIONI, CON I NUMERI EMERSI DI RECENTE SI RISCHIA DI ARRIVI MOLTO PRIMA A QUESTO TRISTE TRAGUARDO…