VACCINI IN FUGA – IL CEO DI ASTRAZENECA PASCAL SORIOT È ANDATO IN AUSTRALIA A TRASCORRERE L’INVERNO IN BARBA AL CAOS SULLE CONSEGNE DEI VACCINI. DALL’EUROPA PROVANO A CONTATTARLO MA, ANCHE PER COLPA DEL FUSO ORARIO, COMUNICARE CON LUI È DIVENTATO IMPOSSIBILE – I RITARDI E I SOSPETTI SULLE CONSEGNE AI PAESI EXTRA-UE

-

Condividi questo articolo


 

pascal soriot astrazeneca pascal soriot astrazeneca

Da www.liberoquotidiano.it

 

Quello che doveva rivelarsi il vaccino più semplice ed economico è diventato "un fiasco totale". AstraZeneca infatti avrebbe dovuto risolvere i problemi della vaccinazione di massa in Europa invece ha solo scatenato problemi e sospetti.

astrazeneca astrazeneca

 

Perché prima ancora della polemica sui possibili effetti collaterali, tra l'Europa e il laboratorio anglo-svedese c'è stata confusione sui dati: in primis, riporta La Repubblica, sull'immunità che doveva essere garantita dalla prima dose, l'effetto sulle persone oltre i 55 anni e poi la protezione contro le varianti. 

 

ASTRAZENECA ASTRAZENECA

Poi c'è stato il caos sulle consegne tra ritardi, cancellazioni, scuse campate in aria. Tant'è che dei 120 milioni di dosi promesse alla Ue per il primo trimestre si è scesi a 30 milioni.  "È un clamoroso fiasco", dice una fonte della task force dei vaccini a Parigi, che parla anche di gravi errori di management.

 

vaccino astrazeneca 1 vaccino astrazeneca 1

Peraltro  il Ceo di AstraZeneca, il francese Pascal Soriot, è andato in Australia a trascorrere l'inverno. E anche per colpa del fuso orario, comunicare con lui è diventata un'impresa. Il sospetto è che dietro agli imprevisti sulle consegne dei vaccini ci possa essere la scelta di favorire Paesi extra-Ue, come il Regno Unito dove AstraZeneca ha fornito già 9,7 milioni di dosi. "Le ipotesi sono due: AstraZeneca ha sopravvalutato le sue capacità industriali o ha consegnato dosi dove non avrebbero dovuto essere consegnate" dice ora la ministra francese all'Industria, Agnès Pannier-Runacher.

pascal soriot pascal soriot

 

L'azienda si giustifica dicendo prima che il laboratorio di controllo irlandese che deve effettuare i test clinici su alcuni lotti ha avuto ritardi, poi che  c'era stato un rallentamento in una delle fabbriche in Belgio. Insomma, ce n'è sempre una. Il gruppo ha infine sperato di compensare i buchi in Europa importando 10 milioni di dosi prodotte dal Serum Institute of India, ma l'esportazione è stata bloccata dal governo di Delhi. E la stessa cosa hanno fatto gli Stati Unti. Nessuno vuole esportare.  E ora non resta che affidarsi a Pfizer e Moderna.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

FARSA ITALIA – NON SAREBBE GIUNTA L’ORA DI FINIRLA CON LA MEGACAZZATA DI BERLUSCONI-QUIRINALE? E’ RISAPUTO DA TUTTI CHE E’ STATO CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA SCONTANDO LA PENA AI SERVIZI SOCIALI E HA UN PROCESSO IN CORSO, RUBY-TER, CON OLGETTINE SCATENATE – QUALCHE ANIMA PIA SALVI IL BANANA SBUCCIATO, OSTAGGIO DI LICIA RONZULLI, DA FIGURE DI MERDA: QUANDO A BRUXELLES HA DETTO “GARANTISCO IO PER MELONI E SALVINI”, IL PRESIDENTE DEL PPE WEBER GLI HA RISO IN FACCIA: “GARANTISCI CHI? QUELLI CHE STANNO CON VOX E LE PEN E VOTANO PER IL MURO ANTI-MIGRANTI DEI POLACCHI?”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”