LA VARIANTE AUSTRALIANA DEL "COGLIONAVIRUS" - UN UOMO DI 39 ANNI E' SCAPPATO DI NOTTE DALL'HOTEL IN CUI ERA STATO MESSO IN QUARANTENA CALANDOSI DALLA FINESTRA DEL QUARTO PIANO, A PERTH - PER RIUSCIRCI, HA LEGATO INSIEME ALCUNE LENZUOLA, COME NELLA PIU' CLASSICA DELLE EVASIONI. RITROVATO IL GIORNO SUCCESSIVO DALLA POLIZIA, E' STATO ARRESTATO - PER FARE FRONTE AL COVID, L'AUSTRALIA HA CHIUSO I SUOI CONFINI E...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dalla Reuters

 

Australia fuga Australia fuga

Un uomo di 39 anni nella città australiana di Perth è sfuggito alla quarantena obbligatoria a cui era stato sottoposto in un hotel legando insieme alcune lenzuola e calandosi dalla finestra del quarto piano. Dopo essere arrivato nella città della costa occidentale con un volo interstatale da Brisbane, l'uomo si è visto rifiutare la domanda di ingresso ed è stato portato in un hotel per una quarantena di 48 ore prima di lasciare lo stato.

 

Ma durante la notte, poco prima dell’1, l’uomo è stato visto scendere «da una finestra della stanza al quarto piano usando una corda fatta di lenzuola» ha detto la polizia in un posto su Facebook.

 

Australia Australia

La polizia ha poi arrestato l'uomo dall'altra parte della città circa 8 ore dopo e lo ha accusato di non aver rispettato una direttiva e di aver fornito «informazioni false/fuorvianti». L’identità dell’uomo, né le ragioni che lo hanno spinto alla fuga, non sono state divulgate.

 

L'Australia ha registrato molti meno casi e decessi di coronavirus rispetto a molti altri paesi sviluppati, anche perché ha chiuso i confini nazionali e interni e ha imposto la quarantena obbligatoria in hotel per chiunque arrivi dall'estero o, durante le epidemie, da un altro stato.

 

La politica nazionale ha tuttavia provocato una serie di fughe, tra cui quella di una donna che è stata accusata questo mese di essere scesa da due balconi e di aver preso a calci una porta per sfuggire alla quarantena nel centro regionale nord-orientale di Cairns.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI – OGGI 6.619 CASI E 18 DECESSI, CON 247.486 TAMPONI EFFETTUATI. IL TASSO DI POSITIVITÀ RIMANE STABILE AL 2,7% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 67,5 MILIONI, CON PIÙ DI 31,7 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO RICEVUTO IL RICHIAMO (IL 58,82% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – IL PRESIDENTE DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ BRUSAFERRO SUL POSSIBILE CAMBIO COLORE DELLE REGIONI: “OGGI È DIFFICILE FARE PREVISIONI, LA PROSSIMA SETTIMANA AVREMO UN QUADRO PIÙ DEFINITO”