LA VERITA' SULLA MORTE DI GAIA E CAMILLA: POTEVANO ESSERE EVITATE? DOVE HANNO ATTRAVERSATO? - GENOVESE, A PROCESSO PER OMICIDIO STRADALE PLURIMO AGGRAVATO, CHIEDE IL RITO ABBREVIATO (UNA RICHIESTA CHE GARANTIREBBE, IN CASO DI CONDANNA, LA RIDUZIONE DI UN TERZO DELLA PENA). IL DIBATTIMENTO RUOTERÀ INTORNO ALLA PERIZIA DISPOSTA DALLA PROCURA. LA TELECAMERA RIPRENDE UN' ALTRA AUTO BIANCA CHE VIAGGIA A VELOCITÀ SOSTENUTA…

-

Condividi questo articolo

Mic. All. per “il Messaggero”

 

gaia von freymann 2 gaia von freymann 2

La prima udienza è prevista l' 8 luglio, ma un' anticipazione c' è già: Pietro Genovese, ai domiciliari da Natale e finito a processo per omicidio stradale plurimo aggravato, per avere investito Gaia Romagnoli e Camilla von Freymann lo scorso 21 dicembre, ha chiesto di essere giudicato con rito abbreviato.

 

Una richiesta formulata dai suoi difensori, gli avvocati Franco Coppi e Gianluca Tognozzi, che ora dovrà essere valutata dal gip e che, in caso di accoglimento, garantirebbe tempi processuali più rapidi e anche la riduzione di un terzo della pena. Il dibattimento, comunque, ruoterà intorno alla perizia disposta dalla procura per accertare la dinamica dell' incidente avvenuto a Corso Francia, in cui persero la vita le due sedicenni. A consentire la ricostruzione, oltre alle testimonianze e alle misurazioni eseguite sull' asfalto, sono state le immagini catturate dalla telecamera del Compro oro all' altezza del civico 137 di Corso Francia.

camilla romagnoli camilla romagnoli

 

LA TELECAMERA Nel documento redatto dall' ingegner Mario Scipione si legge che sarebbe bastato un secondo e mezzo di ritardo per evitare l' impatto. Prima di immortalare la Renault guidata da Genovese, la telecamera riprende infatti un' altra auto bianca che viaggia a velocità sostenuta. Un testimone ha raccontato che anche quella vettura avrebbe rischiato di investire le due ragazze mentre stavano attraversando la strada quando il semaforo per i pedoni era rosso. La stessa vettura, sottolinea il perito, avrebbe ostruito la visuale per chi era dietro, cioè per l' auto di Genovese. «È evidente che nelle fasi antecedenti due secondi dall' impatto, né Genovese né i pedoni potevano reciprocamente avvistarsi», si legge nella perizia.

 

l'incidente a corso francia 3 l'incidente a corso francia 3

E ancora: «L' impianto semaforico che regolava l' area di intersezione tra corso Francia e via Flaminia non consentiva il transito simultaneo dei veicoli diretti dal Gra verso Roma centro (Genovese) e dei pedoni, che provenivano dal lato Ponte Milvio ed erano diretti verso la collina Fleming (Gaia e Camilla)». In conclusione, il giovane «poteva scorgere la presenza dei pedoni solo dopo avere affiancato l' autovettura ignota» e, quindi, la sua mancata reazione in una situazione di pericolo è compatibile con l' avvistamento delle sedicenni in poco più di un secondo. Anche la velocità sostenuta avrebbe però influito in parte sull' impatto, che forse si sarebbe evitato se, scrive ancora Scipione, «la Renault avesse viaggiato a 50 chilometri orari».

 

PAOLO GENOVESE PAOLO GENOVESE

Intanto ieri l' avvocato Cesare Piraino, legale della famiglia di Camilla Romagnoli, ha depositato la consulenza di parte, dalla quale emergerebbe che le ragazze stavano attraversando sulle strisce pedonali. Una ricostruzione esclusa dalla perizia della procura e dalle numerose testimonianze, oltre che dai video delle telecamere.

corso francia gaia camilla corso francia gaia camilla PAOLO GENOVESE PAOLO GENOVESE la macchina di pietro genovese2 la macchina di pietro genovese2 Gaia Von Freymann , una delle due sedicenni morte a corso francia Gaia Von Freymann , una delle due sedicenni morte a corso francia franco coppi difende pietro genovese 1 franco coppi difende pietro genovese 1 PIETRO GENOVESE PIETRO GENOVESE paolo e pietro genovese paolo e pietro genovese il video del semaforo di corso francia 4 il video del semaforo di corso francia 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

cronache

sport

SPROFONDO GIALLOROSSO – DURISSIMO J’ACCUSE DI GIANCARLO DOTTO: "DOPO ROMA-UDINESE SIAMO OLTRE LA VERGOGNA. QUESTA SQUADRA, QUESTA SOCIETÀ SONO ORMAI PEGGIO DI UN FILM HORROR. SOLO OGGI CI RENDIAMO CONTO DEI MIRACOLI CHE FECE SABATINI. DA QUANDO LO HA SCARICATO, LA ROMA È UNA LUPA ZOPPA. PALLOTTA E BALDINI SEMPRE PIÙ AVVINTI DI QUA E LA ROMA CON I SUOI TIFOSI SEMPRE PIÙ SMARRITI DI LÀ: DUE MONDI ORMAI INCONCILIABILI PROTESI SOLO A LIBERARSI L’UNO DELL’ALTRO. CHE FACCIANO IN FRETTA. L’AGONIA NON PUÒ DURARE PIÙ A LUNGO"

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute