IL VERO PROCESSO A PUTIN CI SARÀ SOLO DOPO LA FINE DELLA GUERRA – È STATO IL REGNO UNITO A SPINGERE PER IL MANDATO D’ARRESTO INTERNAZIONALE A “MAD VLAD”: LONDRA RITIENE CHE POSSA SERVIRE COME UNA PEDINA DI SCAMBIO PER APRIRE UNA VERA TRATTATIVA. SE I RUSSI FARANNO CONCESSIONI, L’INCHIESTA SULLA TRATTA DEI BAMBINI FINIRÀ NEL NULLA. TANTO QUELLA CHE CONTA DAVVERO, PER CRIMINI DI GUERRA, ARRIVERÀ COMUNQUE (COME PER MILOSEVIC, DOPO GLI ACCORDI DI PACE)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Paolo Mastrolilli per “la Repubblica”

 

visita a sorpresa di vladimir putin a sebastopoli, in crimea 14 visita a sorpresa di vladimir putin a sebastopoli, in crimea 14

È solo l’inizio, il mandato d’arresto contro Putin emesso dalla Corte penale internazionale per la tratta dei bambini ucraini, e in questa fase ha un valore principalmente politico, come uno degli strumenti da usare per spingere il capo del Cremlino ad accettare un negoziato serio per mettere fine alla sua invasione.

 

La vera minaccia di andare in tribunale, invece, viene dall’inchiesta assai più vasta in corso, che riguarda tutti i gravi crimini di guerra commessi in diretta televisiva mondiale dall’inizio della “operazione militare speciale”. Un redde rationem che alla fine arriverà, come era accaduto per il serbo Milosevic, ma dopo la firma degli accordi di pace di Dayton.

 

RISHI SUNAK ACCOGLIE VOLODYMYR ZELENSKY A LONDRA RISHI SUNAK ACCOGLIE VOLODYMYR ZELENSKY A LONDRA

Secondo fonti direttamente coinvolte nelle inchieste, il mandato di arresto di venerdì lo ha voluto principalmente la Gran Bretagna, e potrebbe servire come una pedina di scambio per la trattativa. La vera indagine sui crimini di guerra è quella che stanno facendo gli altri, e sarà il processo più documentato nella storia di questi procedimenti.

 

Gli occidentali in sostanza si sono divisi i compiti in tre: gli americani forniscono soprattutto l’hardware militare; l’Unione europea soprattutto i soldi, anche in vista della ricostruzione; e gli inglesi, che non hanno né le armi degli americani, né i capitali dell’intera Ue, si occupano dell’accountability.

 

VLADIMIR PUTIN COME SLOBODAN MILOSEVIC VLADIMIR PUTIN COME SLOBODAN MILOSEVIC

[...] Il caso sui rapimenti dei bambini non è particolarmente forte, rispetto alla gravità di tutti gli altri crimini commessi, però serve ad avvertire Putin e i suoi alleati che comunque non la scamperanno. Perciò è una delle tante pedine messe sul tavolo per favorire e preparare il negoziato: se lui farà concessioni sul processo per mettere fine alla guerra, gli avversari potrebbero soprassedere su questa inchiesta. Tanto l’indagine vera che manderà Putin in tribunale non è questa, ma l’altra in corso.

 

VLADIMIR PUTIN VLADIMIR PUTIN

[…]  Per capire il possibile meccanismo, torna utile ricordare cosa avvenne con Milosevic: prima ci fu Dayton e l’accordo per la pace; poi, sei anni dopo, il processo all’Aja.

 

La quantità di prove accumulate è enorme, perché i russi hanno commesso crimini di guerra in diretta mondiale, su ordine del Cremlino.

 

Se in Bosnia avveniva un massacro, bisognava andare fra le montagne a scoprirlo, scavare le fosse comuni, esumare e analizzare i cadaveri. In Ucraina invece abbiamo visto tutto in diretta social, con prove schiaccianti di crimini enormi. […]

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL PIANO DI PACE DI XI JINPING - VIGNETTA BY GIANNELLI IL PIANO DI PACE DI XI JINPING - VIGNETTA BY GIANNELLI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...