“APPROVO TOTALMENTE LO SPIRITO DELLA LETTERA CHE IL MIO VECCHIO COMPARE GIORGIO DELL’ARTI HA MANDATO A FRANCESCO MERLO. E CIOÈ CHE LUI NON ESCLUDE AFFATTO DI VOTARE LA MELONI, OVVERO METTERLA ALLA PROVA, OVVERO COSTRINGERLA A MOSTRARE SE SÌ O NO ESISTE UNA “DESTRA” MODERNA IN GRADO DI GOVERNARE UNA DEMOCRAZIA COMPLESSA, MI PARE DI CAPIRE, E SAREI TOTALMENTE D’ACCORDO CON LUI, CHE GIORGIO VUOLE INTENDERE CHE LE GIACULATORIE PRECONCETTE A FAVORE DELLA “SINISTRA” SEMPRE E COMUNQUE VALGONO UN FICO SECCO. DIPINGERE LA MELONI COME IL DIAVOLO SU QUESTA TERRA NON SERVE A NIENTE E NON RACCONTA NESSUNA VERITÀ…”

Condividi questo articolo


Giampiero Mughini per Dagospia

 

giampiero mughini giampiero mughini

Caro Dago, la campagna elettorale è cominciata da poco - e anche se qualcuno potrebbe obiettare che non si è mai interrotta un istante - e già mi vengono i brividi. Corrado Formigli è un ragazzo intelligente e perbene, ma il modo in cui è andato addosso alla “ducetta” era dei più maldestri. Sbagliano alla grande quelli che vorrebbero dipingerla a tutti i costi come un Roberto Farinacci in gonnella e come se nell’Italia del terzo millennio sia pensabile un qualche Farinacci uomo o donna che sia. Giorgia Meloni l’ho avuta di fronte non so quante volte da vent’anni a questa parte, mai le ho sentito sbagliare una sillaba.

 

GIORGIA MELONI. GIORGIA MELONI.

Mai. Certo, i suoi larghi consensi provengono dal fatto che standosene all’opposizione del governo Draghi lei sì che agli occhi dei babbei appariva come quella che avrebbe potuto moltiplicare i pani e i pesci, ossia l’aspettativa della grandissima parte dell’elettorato in una democrazia di massa. Purtroppo, e come se fosse un particolare da niente il fatto che il nostro debito pubblico rasenta i tremila miliardi di euro.

 

giampiero mughini casa museo muggenheim giampiero mughini casa museo muggenheim

Detto questo approvo totalmente lo spirito della lettera che il mio vecchio compare Giorgio Dell’Arti ha mandato a Francesco Merlo. E cioè che lui non esclude affatto di votare la Meloni, ovvero metterla alla prova, ovvero costringerla a mostrare se sì o no esiste una “destra” moderna in grado di governare una democrazia complessa, Mi pare di capire, e sarei totalmente d’accordo con lui, che Giorgio vuole intendere che le giaculatorie preconcette a favore della “sinistra” sempre e comunque valgono un fico secco. Dipingere la Meloni come il diavolo su questa terra non serve a niente e non racconta nessuna verità. E d’altra parte dove sta la verità, in quale accozzaglia possibile di una “sinistra” nel cui “campo largo” fanno a cazzotti quelli che vogliono a Roma un termovalorizzatore il più presto possibile e quelli che non lo vogliono affatto?

comizio di giorgia meloni dopo il voto al senato su draghi 3 comizio di giorgia meloni dopo il voto al senato su draghi 3

 

Quanto siamo sprovveduti nell’affrontare un comparto della storia repubblicana che non somiglia a nessun altro. E’ verissimo quello che sostengono i paladini dell’alleanza elettorale tra il PD/e affini e i 5Stelle, e cioè che il crudo linguaggio dei numeri dice che altrimenti non ci sarebbe alternativa possibile al trionfo maggioritario del centro-destra, e per quanto scombiccherate siano due gambe del loro tavolo elettorale, i salviniani e i residuati di quel che fu il berlusconismo degli anni migliori. Solo che quell’alleanza è assolutamente impossibile, assolutamente improponibile, sa di calcoli cialtroneschi a chilometri di distanza.

 

giampiero mughini casa museo muggenheim giampiero mughini casa museo muggenheim

Ovvio che per me personalmente non esiste alternativa possibile al votare per Calenda/Renzi, ovvero per quella che si presenta _ a dirla con Giuliano Ferrara _ come la seleçao della sconfittao. E allora? Accade che in politica si subiscano delle sconfitte, che quelle sconfitte siano necessarie. In attesa che ci salvi il partito imminente venturo fondato dal prode Michele Santoro, il partito che più di sinistra di così proprio non si può, il partito che illumina i sogni dei tanti babbei che alloggiano sulla sponda del fiume opposta a quella della Meloni.

ARTICOLI CORRELATI

meloni al governo by beppe mora meloni al governo by beppe mora comizio di giorgia meloni dopo il voto al senato su draghi 2 comizio di giorgia meloni dopo il voto al senato su draghi 2 GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI E IL CARTELLO ELEZIONI SUBITO GIORGIA MELONI E IL CARTELLO ELEZIONI SUBITO giorgia meloni giorgia meloni

GIAMPIERO MUGHINI GIAMPIERO MUGHINI MUGHINI MUGHINI giampiero mughini 1 giampiero mughini 1 mughini stand up mughini stand up giampiero mughini 2 giampiero mughini 2 mughini ospite a che tempo che fa mughini ospite a che tempo che fa giampiero mughini 3 giampiero mughini 3 giampiero mughini casa museo muggenheim giampiero mughini casa museo muggenheim

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...