LA VERSIONE DI MUGHINI – DIMMI CHE GIACCA INDOSSI E TI DIRÒ CHI SEI: UN LINGUAGGIO IGNOTO AGLI ANALFABETI. E DIFATTI CHI MI È AVVERSO NON PERDE OCCASIONE DI ACCUSARMI DI VESTIRE “COME UN PAGLIACCIO”. LO HA FATTO AD ESEMPIO QUELL’UOMO RAFFINATISSIMO CHE È FABRIZIO CORONA, QUELLO CHE ADESSO COMPARE NUDO E IL C….O IN PRIMO PIANO SU UN LIBRO APPENA USCITO. ME LO DISSE UN GIORNO CHE GLI STAVO DI FRONTE IN UN SET TELEVISIVO E AVEVO INDOSSO UNA GIACCA DI YOSHIJ YAMAMOTO E…

-

Condividi questo articolo

 

 

 

corona mughini corona mughini

 

Giampiero Mughini per Dagospia

 

Caro Dago,

immaginavo tu ci fossi ieri pomeriggio all’inaugurazione a via delle Carrozze 28, dove il nostro Massimo Degli Effetti ha inaugurato il suo nuovo antro fatale – dopo quello storico inaugurato nel 1979 a Piazza Capranica – e dove noi due assieme a tanti altri troveremo giacche, pantaloni, cappotti, scarpe che ci faranno vivere il quotidiano come un’occasione di cultura, o meglio di linguaggio.

 

negozio degli effetti negozio degli effetti

Il linguaggio della moda, senza il quale non comprenderesti nulla della cultura moderna e della sua evoluzione. Il linguaggio che tutti manifestano anche senza saperlo. Dimmi che giacca indossi e ti dirò chi sei.

 

Un linguaggio ignoto agli analfabeti. E difatti chi mi è avverso non perde occasione di accusarmi di vestire “come un pagliaccio”. Lo ha fatto ad esempio quell’uomo raffinatissimo che è Fabrizio Corona, quello che adesso compare nudo e il c….o in primo piano su un libro appena uscito.

 

wim wenders yohji yamamoto wim wenders yohji yamamoto

Me lo disse veementemente un giorno che gli stavo di fronte in un set televisivo e avevo indosso una giacca di Yoshij Yamamoto e un paio di scarpe di Martin Margiela e non ricordo che cos’altro. Ma si può imputare a uno così di ignorare che gli abiti di Yamamoto vengono messi in mostra nei grandi musei internazionali? Sarebbe come sparare sulla Croce Rossa. L’essere semianalfabeti è un destino ineluttabile cui in tanti non si possono sottrarre.

 

yohji yamamoto yohji yamamoto

Era stata Michela, che avevo appena conosciuto, a invitarmi a vedere con lei un film che il regista tedesco Wim Wenders aveva dedicato a Yamamoto, di cui io sino a quel momento non sapevo nulla. Era il 1990.

 

Rimasi di stucco innanzi alla poesia di quegli abiti di cui Wenders raccontava meravigliosamente la malia. Fu sempre Michela a indicarmi il negozio di Massimo in Piazza Capranica. C’ero passato tante volte e sempre guatavo le vetrine zeppe di indumenti mai visti.

 

negozio degli effetti roma negozio degli effetti roma

Dopo il film di Wenders entrai e comprai un completo di Yamamoto. Da allora e per trent’anni non c’è un filo di stoffa che io indossi che non venga dal negozio di Massimo. Sono indumenti che li sento miei ancor prima di indossarli. Di solito entro e li vedo a distanza, come se mi fossero predestinati.

GIAMPIERO MUGHINI GIAMPIERO MUGHINI

 

Naturalmente una volta che li ho indosso, dimentico di averli da quanto mi ci trovo a mio agio, da quanto si accordano con tutto quello che penso e sono e mi parrebbe innaturale non indossare una giacca o un giubbotto di Yssey Miyake o di Comme des Garçons e degli altri poeti che Massimo offrirà d’ora in poi a via delle Carrozze, la via romana dove a partire dagli anni Sessanta e per trent’anni Maria Paola Maino aveva officiato nel suo “Emporio Floreale” le bellezze dell’Art Nouveau europea di inizio secolo. La bellezza, la bellezza, ancora la bellezza. Di un vaso in ceramica o di un maglione.

corona mughini corona mughini negozio massimo degli effetti negozio massimo degli effetti instagram story di fabrizio corona su mughini instagram story di fabrizio corona su mughini wim wenders yohji yamamoto 1 wim wenders yohji yamamoto 1 yohji yamamoto yohji yamamoto instagram story di fabrizio corona su mughini instagram story di fabrizio corona su mughini corona mughini corona mughini FABRIZIO CORONA FABRIZIO CORONA corona mughini corona mughini

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute