LA VERSIONE DI MUGHINI – SUCCEDE CHE UNA GENTILISSIMA ESPERTA DI LIBRI CHE LAVORA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MI CHIEDA DI FARE UN LAVORO PER LORO. SICCOME SONO UN BRAVO RAGAZZO E LO SO BENISSIMO CHE LA CULTURA NON DÀ DA MANGIARE CHIEDO UNA MERCEDE DI CHE AVERNE UNA PIZZA E UNA BIRRA ROSSA. LA MIA GENTILISSIMA INTERLOCUTRICE MI RISPONDE CHE SPERA TANTO CHE LA MIA PROPOSTA VENGA ACCETTATA. NEL FRATTEMPO MI ALLEGA TUTTI I DOCUMENTI NECESSARI. MI CHIEDONO SE SONO ITALIANO E MI ROMPONO I COGLIONI PER BENINO, SINO AL LORO CAPOLAVORO. MI CHIEDONO IL MIO…

-

Condividi questo articolo

Giampiero Mughini per Dagospia

 

giampiero mughini giampiero mughini

Caro Dago, succede che una gentilissima esperta di libri che lavora per la Pubblica Amministrazione mi chieda di fare un lavoro per loro. Siccome sono un bravo ragazzo e lo so benissimo che la cultura non dà da mangiare chiedo una mercede di che averne una pizza e una birra rossa. La mia gentilissima interlocutrice mi risponde che spera tanto che la mia proposta venga accettata.

Carlo Michelstaedter Carlo Michelstaedter

 

Nel frattempo mi allega tutti i documenti necessari a che io abbia di che mangiare una pizza e una birra. Dato che dopo mezzo secolo di esperienza professionale nel mio lavoro sono un fulmine, ci metterò molto meno di quanto richiesto dalla scansione di questi maledetti documenti.

 

Mi chiedono se sono italiano, di che sesso sono, se lavoro per averne una mercede o non so che altro, mi chiedono mese e anno di nascita laddove il codice fiscale lo diche nettissimamente in quale mese e in quale anno dello scorso millennio sono venuto al mondo.

GIAMPIERO MUGHINI GIAMPIERO MUGHINI

 

Mi rompono i coglioni per benino sino al loro capolavoro. Mi chiedono il mio curriculum professionale, le idiozie che i vaniloquenti allegano al loro nome e cognome. Ha fatto questo e quest’altro, ha vinto il tal premio, si è fatto notare per la tal cosa, partecipa all’una o all’altra scemenza televisiva. A questo punto davvero mi vergogno. Il mio curriculum lo scrivo nella terza di copertina dei miei libri.

 

Vivo e lavoro a Roma. Scrivere di più mi parrebbe osceno. Scrivere un curriculum col pensiero che lo legga e lo valuti l’uno o l’altro semianalfabeta nominato a un incarico pubblico dall’una o dall’altra fazione politica. Non ci posso credere. Eppure lo faccio, per rispetto alla gentile esperta che mi ha chiesto una prestazione professionale. Redigo che ho scritto 32 libri. Non vuol dire nulla.

 

GIAMPIERO MUGHINI E I SUOI LIBRI GIAMPIERO MUGHINI E I SUOI LIBRI

Carlo Michelstaedter ne aveva scritti due in tutta la sua vita e per giunta vennero pubblicati postumi, più che sufficienti a connotare un genio. Averne scritti 32 non vuol dire nulla. Mi vergogno di averlo messo nel mio curriculum.

GIAMPIERO MUGHINI E I SUOI LIBRI GIAMPIERO MUGHINI E I SUOI LIBRI giampiero mughini a via della mercede c'era un razzista giampiero mughini a via della mercede c'era un razzista Carlo Michelstaedter Carlo Michelstaedter

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute