VIRUS MIT KRAUTEN - IL GOVERNO TEDESCO NON SA PIÙ CHE FARE: I CONTAGI CONTINUANO A CRESCERE, I POSTI IN TERAPIA INTENSIVA STANNO FINENDO E LA PERCENTUALE DEI VACCINATI LANGUE SOTTO IL 70% – LA FRASE CHOC DEL MINISTRO DELLA SALUTE SPAHN (“ALLA FINE DELL’INVERNO QUASI TUTTI SAREANNO VACCINATI, GUARITI O MORTI”) E L’ALLARME DELLA MERKEL: “SIAMO IN UNA SITUAZIONE DRAMMATICA, CHE SUPERERÀ TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO AVUTO FINORA” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Alessandra Muglia per il "Corriere della Sera"

jens spahn jens spahn

 

Prima è arrivata la previsione choc del ministro della Salute: «Alla fine dell'inverno in Germania saranno quasi tutti vaccinati, guariti o morti» ha ammonito Jens Spahn di fronte all'avanzata feroce della quarta ondata.

 

Poche ore dopo è stata Angela Merkel, in carica per l'ordinaria amministrazione, a ribadire tutta la sua inquietudine sull'inadeguatezza delle misure attuali, decise giovedì scorso, con la politica divisa sul da farsi nel mezzo di un cambio di governo: «Non sono sufficienti - ha detto la cancelliera davanti al presidio della Cdu -. Siamo in una situazione drammatica, che supererà tutto quello che abbiamo avuto finora». Fosca previsione.

 

angela merkel starnutisce 3 angela merkel starnutisce 3

La Germania ha deciso di limitare gran parte della vita pubblica solo ai vaccinati o ai guariti nelle aree dove ci sono ospedali in sofferenza; in generale l'accesso ai mezzi pubblici e ai luoghi di lavoro è consentito solo a chi è vaccinato, guarito o in possesso di un tampone. Si esclude la chiusura di scuole e negozi, contando su un'accelerata sulle dosi: Spahn vorrebbe immunizzare oltre 27 milioni di tedeschi entro Natale. Ma secondo Merkel né queste misure né una più rapida diffusione dei vaccini (che peraltro ancora languono sotto il 70%, scivolando giù fino al 60% in molte regioni dell'Est) basterebbero a far riprendere il Paese grande malato d'Europa.

 

coronavirus germania 2 coronavirus germania 2

I dati record sul contagio (con un'incidenza settimanale salita a 386,5 su 100 mila abitanti) e l'allarme delle terapie intensive delineano il «dramma» che Merkel evoca da settimane. Ad aggravare la situazione il fatto che questa quarta ondata è affrontata in Germania con 4 mila posti in meno nelle terapie intensive: molto personale para medico si è licenziato o ha ridotto l'orario di lavoro, sfinito.

 

JENS SPAHN JENS SPAHN

La cancelliera ha invitato i 16 Länder, cui spetta la competenza primaria in materia di salute, a prendere provvedimenti drastici. I governatori hanno già accettato la sua proposta di aumentare le restrizioni in base ai ricoveri: sopra 3 nuove ospedalizzazioni settimanali per 100 mila abitanti, entra in vigore in ogni Land la regola che consente l'ingresso a manifestazioni, eventi al coperto e locali pubblici soltanto a vaccinati e guariti.

 

coronavirus germania coronavirus germania

Sopra quota 6 su 100 mila invece verrà richiesto in più anche un test negativo. Diversi Länder stanno già stringendo: la Baviera ha annunciato il lockdown per i non vaccinati e anche Berlino sta valutando un irrigidimento delle misure per escludere i non immunizzati dalla vita pubblica.

 

marcia contro le restrizioni anti coroanvirus a berlino 34 marcia contro le restrizioni anti coroanvirus a berlino 34

Mentre da più parti si chiedono misure più severe e i politici iniziano a discutere sulla necessità della vaccinazione obbligatoria, il ministro Spahn, sotto attacco da giorni per la gestione dell'emergenza, è al centro di nuove polemiche. Innanzitutto per la comunicazione infelice fatta sul terzo richiamo: molti cittadini dovranno accettare di incrociare i farmaci e farsi somministrare Moderna pur avendo avuto due dosi di BioNTech-Pfizer, ha annunciato Spahn, a causa della necessità di razionare le dosi prodotte dalla casa tedesca alleata con il colosso americano. Comunicazione dalle modalità «disastrose», le hanno bollate medici e politici, fra cui l'alleato della Csu Markus Soeder.

angela merkel e il lancio della monetina a fontana di trevi angela merkel e il lancio della monetina a fontana di trevi jens spahn 3 jens spahn 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute