VIRUS MUTANTE, PERICOLO COSTANTE - SECONDO RICERCATORI INGLESI, IL VAIOLO DELLE SCIMMIE E' MUTATO 12 VOLTE PIU' VELOCEMENTE DEL PREVISTO, UN COMPORTAMENTO INASPETTATO PER QUESTO TIPO DI VIRUS - QUESTO POTREBBE SPIEGARE LA RAPIDA DIFFUSIONE DELLA MALATTIA: FINORA SONO STATI SEGNALATI 3.500 CASI, ANCHE SE SI SOSPETTA CHE I NUMERI SIANO MOLTO PIU' ALTI - E I "PRIDE" DI QUESTI GIORNI POTREBBERO AVER DATO UNA SPINTA DECISIVA AI CONTAGI...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Vaiolo delle scimmie negli Usa 28 giugno 2022 Vaiolo delle scimmie negli Usa 28 giugno 2022

Il ceppo del virus del vaiolo delle scimmie che è emerso in tutto il mondo nelle ultime settimane si è evoluto a un ritmo anormalmente veloce, diventando più contagioso rispetto alle versioni precedenti del virus.

 

I ricercatori del National Institutes of Health (NIH) hanno scoperto che dal 2018 il virus si è replicato fino a 12 volte il ritmo previsto. Il virus, che generalmente si diffonde con il contatto fisico o attraverso superfici contaminate, potrebbe essere in grado di propagarsi in modi atipici rispetto agli altri virus tropicali.

 

VAIOLO DELLE SCIMMIE VAIOLO DELLE SCIMMIE

Questo spiegherebbe il crescente numero di contagi del vaiolo delle scimmie: negli Stati Uniti i casi sono arrivati a 201 in 25 stati, mentre nel mondo ci sono stati finora 3.500 positivi in paesi in cui il virus non è endemico.

 

Per lo studio, in fase di pubblicazione, i ricercatori hanno raccolto e studiato 15 campioni del virus del vaiolo delle scimmie. Il team del NIH ha ristrutturato le informazioni genetiche del virus per trovare il numero di cambiamenti che il virus aveva subito da quando questo ceppo ha iniziato a circolare.

 

Vaiolo delle scimmie Vaiolo delle scimmie

Sebbene il virus sia stato rilevato di recente nelle popolazioni umane, gli esperti ritengono che questo ceppo di vaiolo delle scimmie dell'Africa occidentale abbia iniziato il suo movimento nel mondo nel 2018. Il modo in cui i virus mutano e circolano è una scienza generalmente nota. I virus del DNA come il vaiolo delle scimmie generalmente non mutano rapidamente, come fa il COVID-19.

 

La natura del virus gli consente di correggere gli errori che emergono quando si replica, lasciando uno spazio molto più basso per la formazione di mutazioni e limitando in effetti il numero di varianti.

 

Evoluzione pustole vaiolo delle scimmie Evoluzione pustole vaiolo delle scimmie

Quando i ricercatori hanno studiato questo ceppo del virus, hanno scoperto che era mutato da sei a 12 volte il tasso generalmente ritenuto standard per il virus. Gli esperti non conoscono le ragioni di queste mutazioni, ma credono che possano essere all’origine della sua diffusione repentina in tutto il mondo.

 

Fino ad oggi erano stato rilevati casi isolati di vaiolo delle scimmie, ma mai si era diffuso in modo così aggressivo in tutto il mondo, e le mutazioni potrebbero aver giocato un ruolo determinante nella capacità del virus di contagiare. Il timore è che possa diventare endemico in paesi in cui non lo era.

 

Sintomi del vaiolo delle scimmie Sintomi del vaiolo delle scimmie

Molti ritengono che i 201 casi rilevati negli Stati Uniti siano una grave sottostima dei numeri reali: gli esperti hanno avvertito che il paese non ha le capacità di test e monitoraggio necessarie per rimanere al passo con ogni nuovo caso. Inoltre i recenti Pride potrebbero aver dato una spinta decisiva al virus: finora si è trasmesso tra uomini gay e bisessuali, e i festeggiamenti di questi giorni potrebbero essere stati terreno fertile per i contagi.

 

Per cercare di limitare i danni, i funzionari sanitari di New York hanno iniziato ad offrire alla popolazione il vaccino contro il vaiolo delle scimmie, ma l’offerta si è esaurita rapidamente e la campagna è stata sospesa per via dell’elevata domanda.

 

Il vaccino però impiega circa quattro giorni ad attivarsi completamente, e potrebbe essere stato offerto troppo tardi per essere stato decisivo nel proteggere i partecipanti al Pride.

Vaccino contro il vaiolo Vaccino contro il vaiolo

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute