WASHINGTON, ABBIAMO UN PROBLEMA: L’INDUSTRIA AMERICANA DELLE ARMI NON È PRONTA A UNA GUERRA CON LA CINA – IL CONFLITTO IN UCRAINA STA DIMOSTRANDO CHE GLI STATI UNITI NON SONO SUFFICIENTEMENTE ATTREZZATI PER UN POTENZIALE SCONTRO CON PECHINO – IL “WALL STREET JOURNAL”: “GLI STATI UNITI POTREBBERO ESAURIRE ALCUNI ARMAMENTI, COMPRESE LE MUNIZIONI A LUNGO RAGGIO E A GUIDA DI PRECISIONE, IN MENO DI UNA SETTIMANA…”

-

Condividi questo articolo


Articolo del “Wall Street Journal” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

xi jinping joe biden al g20 di bali 3 xi jinping joe biden al g20 di bali 3

Secondo un nuovo studio, la guerra in Ucraina ha messo in luce problemi diffusi nell'industria americana degli armamenti che potrebbero ostacolare la capacità dell'esercito statunitense di combattere una guerra prolungata contro la Cina.

 

Dall'invasione del Paese da parte della Russia, l'anno scorso, gli Stati Uniti si sono impegnati a inviare all'Ucraina oltre 27 miliardi di dollari in attrezzature e forniture militari, dagli elmetti agli Humvees. La fornitura di armi è stata ritenuta utile per aiutare le forze ucraine a bloccare l'invasione del presidente russo Vladimir Putin in quella che è diventata la più grande guerra di terra in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale.

 

USA - CINA - TAIWAN - MEME USA - CINA - TAIWAN - MEME

Ma il protrarsi del conflitto ha anche messo in luce il pericolo strategico che gli Stati Uniti devono affrontare, dato che le scorte di armi sono scese a un livello basso e le aziende del settore della difesa non sono attrezzate per rifornirle rapidamente, secondo lo studio, scritto da Seth Jones, vicepresidente senior del Center for Strategic and International Studies, un think tank con sede a Washington – scrive il WSJ.

 

"Il punto cruciale è che la base industriale della difesa, a mio parere, non è preparata per lo scenario di sicurezza attuale", ha dichiarato Jones in un'intervista. L'industria sta operando in un modo "più adatto a un ambiente di pace", ha aggiunto.

 

Jones ha detto che lo studio, che riflette i contributi di alti funzionari militari, della difesa, del Congresso, dell'industria e di altri enti governativi, ha mostrato quanto rapidamente l'esercito americano esaurirebbe le munizioni in un potenziale conflitto con la Cina nell'Indo-Pacifico.

 

guerra usa cina taiwan guerra usa cina taiwan

"Come si fa a fare opera di deterrenza se non si hanno scorte sufficienti dei tipi di munizioni di cui si ha bisogno in uno scenario del tipo Stretto di Cina-Taiwan?". Ha detto Jones.

 

Negli ultimi 20 anni, gli Stati Uniti hanno combattuto in Iraq, Afghanistan e altrove la guerra d'insurrezione, una strategia ad alta intensità di truppe, ma il conflitto in Ucraina è una guerra in gran parte convenzionale che si basa maggiormente sulle armi pesanti. Un potenziale conflitto con la Cina nell'Indo-Pacifico sarebbe diverso dalla guerra di terra che si sta svolgendo in Ucraina, ma dovrebbe comunque attingere a piene mani dalle scorte di armi statunitensi.

joe biden xi jinping g20 bali joe biden xi jinping g20 bali

 

I problemi della base industriale, in parte dovuti a procedure di appalto militari obsolete e a una burocrazia lenta, stanno ora influenzando la capacità di creare un deterrente credibile nella regione indo-pacifica o di affrontare la Cina in un conflitto militare, secondo i risultati dello studio.

 

"Queste carenze renderebbero estremamente difficile per gli Stati Uniti sostenere un conflitto prolungato", si legge nel rapporto. "Evidenziano inoltre che la base industriale della difesa statunitense non dispone di un'adeguata capacità di intervento per una guerra di grandi proporzioni".

 

volodymyr zelensky joe biden 1 volodymyr zelensky joe biden 1

Il tasso di consumo di armi da parte degli ucraini sta rapidamente dimostrando le sfide che la base industriale statunitense potrebbe affrontare in un conflitto prolungato su Taiwan. Il numero di missili a spalla Javelin inviati all'Ucraina dallo scorso agosto, ad esempio, equivale a circa sette anni di produzione, in base ai ritmi di produzione dell'anno fiscale 2022.

 

Il numero di sistemi antiaerei Stinger forniti a Kiev rappresenta all'incirca lo stesso numero di sistemi esportati all'estero negli ultimi 20 anni, secondo lo studio. Nel frattempo, l'invio di oltre un milione di munizioni da 155 mm all'Ucraina da parte di Washington ha ridotto le scorte dell'esercito americano, che secondo lo studio sono ormai considerate scarse.

 

UCRAINA - SOLDATO UCRAINO CON IL JAVELIN ANTI CARRO UCRAINA - SOLDATO UCRAINO CON IL JAVELIN ANTI CARRO

Anche le scorte del sistema Javelin, dell'artiglieria obice e dei radar di contro-artiglieria sono considerate basse, secondo lo studio.

 

Le piattaforme, come il sistema di difesa costiera Harpoon, considerato un elemento importante della strategia di difesa di Taiwan, sono considerate medie, anche se le scorte attuali potrebbero non essere sufficienti per i tempi di guerra, secondo lo studio.

 

"La storia della mobilitazione industriale suggerisce che ci vorranno anni perché la base industriale della difesa produca e consegni quantità sufficienti di sistemi d'arma e munizioni critici e ricapitalizzi le scorte esaurite", si legge nello studio.

usa vs cina usa vs cina

 

Negli ultimi mesi anche i leader militari hanno espresso una crescente frustrazione nei confronti della base industriale. L'ammiraglio Daryl Caudle, a capo del Comando delle Forze Armate degli Stati Uniti, ha chiamato in causa l'industria della difesa per i ritardi nella fornitura di armi.

 

"Non perdono il fatto che non ci consegnino gli ordigni di cui abbiamo bisogno", ha detto quando gli è stato chiesto di bilanciare la prontezza delle forze armate statunitensi tra le spedizioni di miliardi di dollari di assistenza all'Ucraina.

 

xi jinping joe biden xi jinping joe biden

"Tutte queste cose sul Covid, sui pezzi di ricambio, sulla catena di approvvigionamento, non mi interessano", ha detto. "Abbiamo tutti un lavoro difficile".

 

Mentre gli Stati Uniti e i loro alleati hanno potuto inviare miliardi di dollari di armi all'Ucraina dopo l'invasione dello scorso anno, i pianificatori del Pentagono prevedono che Taiwan non potrebbe essere facilmente rifornita dopo l'inizio di un conflitto, poiché le forze cinesi probabilmente bloccherebbero l'isola. Esiste già un arretrato di oltre 19 miliardi di dollari di armi statunitensi a Taiwan, sulla base delle vendite approvate dal 2019.

 

Lo studio del CSIS ha individuato in particolare il governo degli Stati Uniti, che non è riuscito ad adattarsi, rimanendo "avverso al rischio, inefficiente e lento" quando si tratta di base industriale. Secondo lo studio, inoltre, i regolamenti governativi che disciplinano le vendite militari all'estero sono obsoleti e il processo attuale può richiedere dai 18 ai 24 mesi.

 

esercitazioni russia usa esercitazioni russia usa

"Nel tentativo di evitare che la tecnologia militare finisca nelle mani degli avversari, gli Stati Uniti hanno messo in atto un regime normativo troppo lento per lavorare con i Paesi critici in prima linea", si legge nel rapporto.

 

Lo studio ha citato un esempio in cui la decisione di fornire a Taiwan un sistema d'arma senza nome utilizzando il processo di vendita militare estera degli Stati Uniti ha aggiunto due anni alla data di consegna, il che significa che ci sono voluti quattro anni per arrivare sull'isola contando i due anni di produzione.

 

STATI UNITI CONTRO CINA STATI UNITI CONTRO CINA

"Si tratta di una differenza significativa e problematica, viste le tensioni in corso nello Stretto di Taiwan", si legge nello studio.

 

Sebbene il tipo di armamento di cui i funzionari statunitensi ritengono che Taiwan abbia bisogno per combattere sia in molti casi diverso da quello che è stato inviato in Ucraina, il conflitto in Europa ha comunque messo in luce le crepe all'interno della base industriale e del governo per affrontare il problema, ha detto Jones.

 

Allo stesso tempo, il governo deve ancora adattarsi a quella che, secondo Jones e altri, è una mentalità di guerra che richiede agilità ed efficienza governativa per consentire all'industria della difesa di produrre più armi.

SANTINO missile javelin SANTINO missile javelin

 

Il governo autocratico cinese, invece, negli ultimi anni ha investito molto nella modernizzazione militare.

 

Una serie di wargames condotti dal CSIS negli ultimi mesi ha dimostrato che gli Stati Uniti, in caso di conflitto con la Cina, potrebbero esaurire alcuni armamenti, comprese le munizioni a lungo raggio e a guida di precisione, in meno di una settimana.

 

Jones raccomanda che gli Stati Uniti rivalutino il loro fabbisogno totale di munizioni, sollecitando il Congresso a tenere delle audizioni in merito. Il Presidente dello Stato Maggiore dell'Esercito, Gen. Mark Milley, ha dichiarato a novembre che tale sforzo è già in corso.

 

Lo studio suggerisce anche di rivalutare i requisiti americani per il rifornimento delle scorte, di creare una riserva strategica di munizioni e di determinare un piano di approvvigionamento di munizioni sostenibile per soddisfare i requisiti attuali e futuri.

videoconferenza joe biden xi jinping videoconferenza joe biden xi jinping meme zelensky marvel meme zelensky marvel vertice usa cina 5 vertice usa cina 5 antony blinken antony blinken vignette del global times sugli usa e l'afghanistan 1 vignette del global times sugli usa e l'afghanistan 1 vignette del global times sugli usa e l'afghanistan vignette del global times sugli usa e l'afghanistan esercitazioni russia usa esercitazioni russia usa vertice usa cina 1 vertice usa cina 1

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute