1- RITIRATO L’EMENDAMENTO AL LODO ALFANO SULLO SCUDO TOTALE PER IL QUIRINALE - 2- SORGE SPONTANEA LA DOMANDINA: COME MAI IL PD VOLEVA SOTTRARRE NAPOLITANO, COME UN QUALSIASI BERLUSCONI, DA EVENTUALI ACCUSE DI REATI PENALI DI \"MAGISTRATI POLITICIZZATI\"? MA CHE AVRÀ MAI COMBINATO IL CAPO DELLO STATO? - 3- L’IDV DI PANCHO PARDI FACEVA NOTARE CHE UN DOMANI CHE SI AVVICINA A GRANDI PASSI POTREBBE ESSERE UN BANANA DI ARCORE SVETTARE SUL COLLE PIÙ ALTO DI ROMA - 4- MA ALLORA PERCHÉ IL FATALE EMENDAMENTO È FIRMATO DAL PIDDINO CECCANTI CHE NON STIMA BERLUSCONI NÉ COME UOMO NÉ COME ANIMALE? NON È CHE, NELLA CORSA AL POST-NAPOLITANO, C’È IN BALLO ANCHE UN PIDDINO CHIAMATO MASSIMO D’ALEMA? -

Condividi questo articolo

Emanuela Fontana per \"il Giornale\"

Una macchinazione politica? Un desiderio di compiacere Napolitano finito in modo maldestro? Un refuso? Il senatore e costituzionalista Stefano Ceccanti, l\'uomo del giorno, risponde così al Giornale: «Era solo una riduzione del danno».

marchionnemarchionne napolitano

Ma per ridurre un danno se n\'è costruito uno grande come una montagna, una figura tremenda per il Partito democratico, conclusa con una «profonda irritazione del Quirinale», che al confronto il pasticcio sulle tredicesime del governo impallidisce come un errorino da inchiostro simpatico. I fatti: Il Fatto di Antonio Padellaro esce ieri mattina in edicola con un bel maxiscoop. Titolo: «Scudo totale per il Quirinale. Lo chiede il Pd. Perché?».

BERLUSCONIBERLUSCONI NAPOLITANO

Rapida occhiata alle correzioni presentate al nuovo lodo Alfano, lo scudo per le alte cariche, in commissione affari costituzionali. Emendamento 1.5, primo firmatario il Pd Ceccanti. Si propone che al di fuori dei casi previsti dall\'articolo 90 della Costituzione, il presidente della Repubblica, durante il suo mandato, non possa «essere perseguito per violazioni alla legge penale». Traduzione: scudo totale. Tra le firme compare anche quella illustrissima di Felice Casson, magistrato antiscudo per eccellenza.

GIULIOGIULIO NAPOLITANO

Le «belve» affamate di disgrazie altrui dell\'Italia dei Valori non aspettavano altro: il Pd diventa contiguo al nemico. Sul Fatto vengono raccolte le reazioni indignate di Pancho Pardi (Idv), ma anche di Gerardo D\'Ambrosio (Pd). Come se non bastasse, le argomentazioni di Ceccanti per spiegare il suo emendamento sono da mani nei capelli: «Se un magistrato politicizzato decidesse di aprire un\'inchiesta su Napolitano, basterebbe un voto del Pdl in parlamento a mettere in mora il presidente della Repubblica».

ANTONIOANTONIO PADELLARO

Per come era scritto, il nuovo lodo rischiava di consegnare il capo dello Stato alle Camere, e dunque a un emiciclo politico, per qualsiasi reato. Il concetto potrebbe anche non fare una piega, ma l\'accenno ai «magistrati politicizzati» ha mandato su tutte le furie almeno mezzo Pd. «È una frase che nemmeno Ghedini direbbe per Berlusconi», si sfogavano ieri nel Partito democratico. Da ambienti interni, anonimi naturalmente, è stata segnalato al Giornale un enorme «fastidio».

ANTONIOANTONIO PADELLARO

Il risultato è stato che in quattro e quattr\'otto Ceccanti ha ritirato l\'emendamento. E in questa velocità sta tutto il dramma che si è consumato nel gruppo guidato da Anna Finocchiaro: autori di un superscudo, arrotolati come pesci nel cartoccio dall\'Italia dei Valori e da Padellaro.

Cosa ci potrebbe essere di peggio? Ecco la motivazione tecnica fornita dal Partito Democratico: «I senatori del Pd sono «del tutto contrari al Lodo Alfano costituzionalizzato». Ritengono però «assolutamente impropnimi naturalmente, è stata segnalato al Giornale un enorme «fastidio». Il risultato è stato che in quattro e quattr\'otto Ceccanti ha ritirato l\'emendamento. E in questa velocità sta tutto il dramma che si è consumato nel gruppo guidato da Anna Finocchiaroinchieste che lo riguardano? C\'è un suggerimento del Colle? «Assolutamente no», rispondono dal Quirinale. «Siamo caduti dalle nuvole», precisano anzi: «È un giochetto di emendamenti di iniziativa parlamentare al quale siamo del tutto estranei».

QUIRINALEQUIRINALE jpeg

Ha impressionato poi tutti l\'apparente peso politico dell\'emendamento, con quelle firme di valore del costituzionalista del Pd e di Casson. Nessuna dietrologia, precisa al Giornale proprio Ceccanti: si voleva sistemare una «stortura» a prescindere da chi siede al Colle. Non è possibile «che passi il concetto per cui presentare emendamenti significa essere collaterali alla maggioranza».

PANCHOPANCHO PARDI

E chi sarebbero poi questi magistrati tinti di azzurro pronti a incriminare l\'ex comunista Napolitano? «Il mio era un ragionamento per assurdo», proprio perché si voleva intervenire sull\'errore, e non su Napolitano. Una specie di scenario fantapolitico e astratto: «Ho risposto a Padellaro su Facebook». Qui Ceccanti ha citato Giovanni Paolo II, che proponeva ai parlamentari antiabortisti di collaborare a una legge che non condividevano «pur di diminuire gli effetti negativi...». Qualunque sia la spiegazione, all\'Idv si stanno fregando le mani con soddisfazione.

MASSIMOMASSIMO DALEMA

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

C’È POCO DA SCHERZARE: CON LE ELEZIONI PRESIDENZIALI L’AMERICA RISCHIA IL CAOS - LA FRAMMENTAZIONE DEI SISTEMI E DEI TEMPI DI SCRUTINIO, DIVERSI DA STATO A STATO, IN CASO DI TESTA A TESTA NEGLI STATI-CHIAVE, RENDERÀ IMPOSSIBILE AVERE IL NOME DEL VINCITORE PER GIORNI, FORSE PER SETTIMANE. COL RISCHIO CHE TRUMP SI AUTOPROCLAMI VINCITORE, CON IL RISCHIO DI INCIDENTI, RICORSI, SCONTRI IN STRADA - IL TUTTO IN UNA NAZIONE NELLA QUALE LA COSTITUZIONE GARANTISCE LA LIBERTÀ DI ARMARSI…

PERCHE’ SALVINI NON ASCOLTA I MEDICI? IERI A FORMELLO AVEVA CONFESSATO TRA IL BRUSIO DELLA PLATEA: "CI TENGO AD ESSERE QUI ANCHE SE UN PO' DOLORANTE E UN PO' FEBBRICITANTE"- POCO PRIMA IL LEADER LEGHISTA AVEVA SPIEGATO CHE IL MEDICO GLI AVEVA CONSIGLIATO DI STARE A CASA. MA LUI NON AVREBBE RINUNCIATO AD ANDARE ALL'INCONTRO POLITICO: "OGGI LA GIORNATA NON È PARTITA BENISSIMO, SONO STATO DUE ORE ATTACCATO AL CORTISONE E QUANDO MI SONO ALZATO IL MEDICO MI HA DETTO, LEI ADESSO VA A CASA. E IO GLI HO RISPOSTO…”