''REPORT'' METTE NEI GUAI GIARRUSSO - PAOLO BECCHI SVELA CHE ''OGGI POTREBBE ESSERE ESPULSO DAL MOVIMENTO 5 STELLE: HA RICEVUTO 5MILA EURO DALLA MOGLIE DI PIERO DI LORENZO (IRBM) E 5MILA DA EZIA FERRUCCI, LOBBISTA PER BRITISH AMERICAN TOBACCO (BAT)'' - LA REPLICA DI DINO GIARRUSSO: "IL FINANZIAMENTO E' REGOLARE E HO ACCETTATO SOLO DOPO AVER SAPUTO CHE EZIA FERRUCCI HA FINANZIATO ESATTAMENTE ALLO STESSO MODO LA CAMPAGNA ELETTORALE DI TUTTO IL M5S"

-

Condividi questo articolo
 

Lettera di Dino Giarrusso a Dagospia

 

Caro Dago, preciso due cose: come ho detto nella mia diretta, non solo il finanziamento è assolutamente regolare, ma io lo ho accettato solo DOPO aver saputo che nel 2018 la stessa Ezia Ferrucci ha finanziato ESATTAMENTE ALLO STESSO MODO la campagna elettorale di TUTTO il Movimemto Cinquestelle. Allego foto che lo prova. Se una persona ha contribuito alla campagna del M5S nel 2018, non vedo perché non accettare la sua proposta di contribuire alla mia nel 2019, rispettando la legge e pubblicando in modo trasparente i contributi.
Per il resto invito tutti a guardare il video che ho pubblicato sulla mia pagina Facebook dove spiego nel dettaglio e in assoluta trasparenza i fatti.

 
 

 

 

''Report'' racconta che Dino Giarrusso, europarlamentare del M5S, ha ricevuto 10mila euro di finanziamento elettorale da Carmela Ritter, moglie di Piero Di Lorenzo (IRBM Pomezia), ed Ezia Ferrucci, lobbista per British American Tobacco (BAT). Di Lorenzo: ''Se ho un amico che si candida e ci ho un buon rapporto, lo finanzio. Ho tanti amici. Non dico chi sono ma lo faccio per loro, non per me, io non avrei problemi a rivelarne i nomi''.

 

Il suo collega Piernicola Pedicini, anche lui a Strasburgo coi 5 Stelle, dopo il servizio ha pubblicato il regolamento del Movimento sulle donazioni: vietato ricevere più di 5mila euro da singoli soggetti. E chiude così: ''I nostri lobbisti erano i cittadini''

 

 

 
 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

FALCE, MARTELLO E UN BEL RANDELLO – CAZZULLO IN GLORIA DI MACALUSO, LA COSCIENZA CRITICA (E LIBERTINA) DEL PCI – UNA VOLTA GLI CHIESI IL SEGRETO DELLA SUA LONGEVITA’. LUI RISPOSE: “MAI CENARE DOVE SI DORME, MAI PRENDERE IL CAFFÈ DOVE SI CENA…” - AMAVA MOLTO LE DONNE, RICAMBIATO – FINI’ IN GALERA PER ADULTERIO. E NEL PCI LO DESCRISSERO MORALMENTE DEGENERATO – POI SI LEGO’ ALLA SORELLA DI UN DIRIGENTE DEL PARTITO CHE DOPO ALCUNI MESI SI SUICIDÒ. GIORGIO AMENDOLA CHIESE DI…" – LA CHICCA: “NON BEVO MAI ACQUA. ROVINA I SAPORI” - L'ULTIMO SALUTO NEL GIORNO DEL CENTENARIO DEL PCI