C'E' VOGLIA DI PROPORZIONALE, MA CHI LO VOTA? - SORGI: "RESTA DA CAPIRE QUALE SAREBBE LA MAGGIORANZA DESTINATA A REINTRODURRE IL PROPORZIONALE IN UN PARLAMENTO IN CUI LE MAGGIORANZE NON ESISTONO PIÙ. TOCCHEREBBE AL GOVERNO OCCUPARSENE, PONENDO LA FIDUCIA. CHISSÀ SE DRAGHI NE HA VOGLIA. IL PARADOSSO È CHE I LEADER CHE NE PARLANO, ESCLUSO BERLUSCONI, APPARTENGONO A UNA GENERAZIONE CHE NON HA MAI SPERIMENTATO IL PROPORZIONALE. ERANO RAGAZZI, O BAMBINI, NEL '93, QUANDO FU ARCHIVIATO. TUTTAVIA, PUR DI NON DOVER PIÙ PASSARE GIORNATE A TRATTARE CON GLI ALLEATI…"

-

Condividi questo articolo


Marcello Sorgi per "la Stampa"

 

matteo salvini giuseppe conte matteo salvini giuseppe conte

No, non deve impressionare più di tanto il gran da fare sul ritorno al proporzionale che si stanno dando i partiti usciti malconci dalla corsa per il Quirinale. Non è la prima volta, anzi negli ultimi anni è già accaduto.

 

Quando il livello di rapporti tra alleati nel centrosinistra e nel centrodestra si deteriora, al punto da considerare impossibile proseguire con coalizioni nate ormai quasi trent' anni fa, i leader delle diverse formazioni cominciano, o riprendono a parlare del sistema elettorale in voga ai tempi della Prima Repubblica: votare per i partiti, e non per gli schieramenti, e lasciare che i governi si formino in Parlamento, non che siano scelti dagli elettori.

DRAGHI DI MAIO DRAGHI DI MAIO

 

Il paradosso di questo recupero già annunciato - e finora mai realizzato - è che i leader che ne parlano, escluso Berlusconi, appartengono a una generazione che non ha mai sperimentato il proporzionale. Erano ragazzi, o addirittura bambini, nel '93, quando fu archiviato dal referendum di Segni che introdusse il maggioritario. E tuttavia, pur di non dover più passare le loro giornate a trattare con gli alleati, non vedono l'ora di presentarsi singolarmente davanti agli elettori.

 

BERLUSCONI MELONI 3 BERLUSCONI MELONI 3

I quali, almeno in una prima fase, si ritroverebbero a votare con il proporzionale per le elezioni politiche, tornando al maggioritario per le amministrative e le regionali. Un bel pasticcio. Motivato anche dalla diffidenza lasciata dalla lunga e sterile trattativa sulle candidature per il Colle. Esempi: Conte che tradisce Letta e cerca di recuperare l'asse gialloverde con Salvini. Berlusconi che si vendica dell'accantonamento del proprio nome e si rende disponibile per il nuovo agglomerato centrista aperto anche a Renzi e favorito, appunto, dal ritorno al proporzionale.

 

enrico letta enrico letta

Ma l'obiettivo vero della cancellazione delle coalizioni è spingere Meloni, già sola o quasi sola all'opposizione, a restarci, anche se emarginarla, come s' è visto, costa molto in termini di voti. Resta ancora da capire quale sarebbe la maggioranza parlamentare destinata a reintrodurre il proporzionale in un Parlamento in cui - ed è l'altra lezione dell'avventurosa settimana quirinalizia - le maggioranze non esistono più. Si comincia a capire che toccherebbe al governo occuparsene, ponendo la fiducia. Chissà se Draghi ne ha voglia.

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE