ABBIAMO I DUE “TRAGHETTATORI” DI INPS E INAIL! – LA SPARTIZIONE TRA FDI E LEGA È COMPIUTA, OGGI DOVREBBERO ARRIVARE LE NOMINE. IL COMMISSARIO DELL'ISTITUTO DI PREVIDENZA PER IL DOPO-TRIDICO SARA’ GABRIELE FAVA, AVVOCATO GIUSLAVORISTA. VOLUTO DALLA MELONI E BEN VISTO ANCHE DA GIORGETTI, HA SUPERATO A DESTRA L'EX SENATORE DEL PDL MAURIZIO CASTRO, CHE ERA SPINTO DALLA MINISTRA DEL LAVORO CALDERONE – PER L’INAIL, LA LEGA HA SCELTO STEFANO CERVONE, COMMERCIALISTA CON TRASCORSI IN BNL E SORGENTE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Roberta Amoruso per “il Messaggero”

 

Gabriele Fava Gabriele Fava

Fumata nera sull'inizio del nuovo corso dell'Inps e dell'Inail. Serviranno i tempi supplementari, oltre la scadenza di ieri fissata dal decreto di maggio, per sbloccare le ultime riserve sui nomi dei nuovi commissari degli istituti previdenziali. A sorpresa, dal Consiglio dei ministri di ieri non è arrivato l'accordo.

 

E a quanto pare a sollecitare una riflessione ulteriore sulla rosa dei nomi in campo sarebbe stata la ministra del lavoro Marina Calderone.

 

marina elvira calderone foto di bacco marina elvira calderone foto di bacco

[…] Già oggi potrebbero sciogliersi gli ultimi nodi sul tavolo per la nomina dei commissari, con la firma di un Dpcm, in attesa del rinnovo della governance voluto dal governo.

 

Dopo la girandola di nomi delle ultime settimane, tra cui quello di Maurizio Castro, manager stimato, ex direttore generale dell'Inail ed ex senatore del Popolo della libertà oltre che grande esperto di relazioni industriali e sostenuto dalla ministra Calderone, in pole position per la guida dell'Inps rimane Gabriele Fava, avvocato milanese esperto in diritto del lavoro e relazioni sindacali e industriali.

MAURIZIO CASTRO MAURIZIO CASTRO

 

A lui potrebbe essere affidato il ruolo di traghettatore per l'Istituto di previdenza nell'era post-Reddito di cittadinanza al centro delle attenzioni del governo in particolare per la rotta tracciata e ribadita dal premier Giorgia Meloni sul «rafforzamento del sistema previdenziale» e sulle pensioni future. Mappare la spesa pensionistica infatti sarà cruciale per evitare il rischio di «una bomba sociale», ha detto Meloni ai sindacati nella riunione a Palazzo Chigi.

 

[…]

 

Nel curriculum di Fava c'è la missione affidatagli nel 2021 come commissario straordinario di Alitalia per la gestione dell'operazione di negoziazione diretta tra Alitalia in Amministrazione straordinaria e Ita e per la cessione degli asset strategici.

Gabriele Fava Gabriele Fava

 

Ma tra gli altri incarichi c'è anche quello di membro del consiglio di indirizzo etico e dei valori associativi di Confindustria e dell'Associazione IDLASS, mentre da gennaio del 2021 ricopre il ruolo di presidente dell'Osservatorio sulle risorse pubbliche presso la Corte dei Conti. Dal 2020 fino a fine mandato governativo ha affiancato, da consigliere giuridico, il Ministro dell'Università e Ricerca. Ed è stato membro di lavoro CNEL per la costituzione della Consulta Nazionale per la Sicurezza Stradale e la mobilità sostenibile.

STEFANO CERVONE STEFANO CERVONE

 

Nel caso dell'Inail il testimone dovrebbe passare invece a Stefano Cervone, commercialista romano e revisore dei conti, con alle spalle una lunga esperienza in Bnl e poi un ruolo da direttore generale di Sorgente Sgr e Sorgente Group.

 

Negli ultimi anni Cervone ha anche ricoperto l'incarico di amministratore delegato di Next Re SIIQ, società di investimento quotata in Borsa e partecipata da Dea Capital e dalla Cassa di previdenza dei ragionieri. […]

GABRIELE FAVA GABRIELE FAVA STEFANO CERVONE STEFANO CERVONE Gabriele Fava Gabriele Fava

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – FU ENRICO LETTA A CONSIGLIARE GIORGIO NAPOLITANO DI NOMINARE MARIO MONTI A CAPO DEL GOVERNO, METTENDO ALLA PORTA SILVIO BERLUSCONI. QUANDO LA SITUAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEL PAESE PRECIPITÒ, IL COLLE AVREBBE PREFERITO UN PASSO INDIETRO DEL SATRAPO DI ARCORE A FAVORE DEL SUO MINISTRO DEL TESORO, GIULIO TREMONTI - MA IL DECISIONISMO DI RE GIORGIO NON AVEVA FATTO I CONTI CON L’EGO ESPANSO DI RE SILVIO, INCAPACE DI CEDERE LA SCENA - “BRUCIATA” L’IPOTESI TREMONTI PREMIER, CHE FARE? SCIOGLIERE LE CAMERE E ANDARE AL VOTO, SAREBBERO PASSATI ALMENO SEI MESI E CON LO SPREAD ARRIVATO A 550, L’ITALIA RISCHIAVA LA BANCAROTTA. A QUEL PUNTO…

25 ANNI FA SPUNTÒ A ROMA UN CLUB IN MODALITÀ DARK-ROOM: AL "DEGRADO" SI FACEVA SESSO SENZA REMORE, IN MEZZO A TUTTI. UNO ‘’SBORRIFICIO” CHE NON HA AVUTO EGUALI E CHE DEMOLÌ I MURI DIVISORI TRA I GENERI SESSUALI: ETERO-BI-GAY-LESBO-TRANS-VATTELAPESCA - PER 9 ANNI, “CARNE ALLEGRA” PER TUTTI. OGNUNO VENIVA E SI FACEVA I CAZZI SUOI, E QUELLI DEGLI ALTRI. IL "DEGRADO'' POTEVA ESSERE RIASSUNTO IN UNA DOMANDA: CHI È NORMALE? - DAGO-INTERVISTA ALL’ARTEFICE DEL BORDELLO: “SCORTATA DA MATTEO GARRONE, UNA NOTTE È APPARSA PINA BAUSCH IMPEGNATA IN UNO SPETTACOLO AL TEATRO ARGENTINA. SI ACCENDONO LE LUCI E UNA TRAVESTITA URLA: “AO' SPEGNETELE!”. E IO: “MA SEI MATTO, C'È PINA BAUSCH...”. E LEI: “MA IO STAVO A FA’ UN BOCCHINO. NUN ME NE FREGA ‘N CAZZO DE 'STA PINA!”

DAGOFILOSOFIA: ‘’IL PENSIERO DEBOLE” SPIEGATO AL POPOLO - ADDIO SCUDO CROCIATO, IN SOFFITTA FALCE E MARTELLO, BENVENUTI NEGLI ANNI OTTANTA. SI È CHIUSO IL CICLO DELLA POLITICIZZAZIONE. A CHE SERVE, ARMATI DI SACRA IDEOLOGIA, SCAVARE ALLA RICERCA DELLA “VERITÀ” QUANDO POI, UNA VOLTA RISALITI IN SUPERFICIE, QUELLA “VERITÀ” NON CI SERVE A UN CAZZO, VISTO LA VELOCITÀ DEI CAMBIAMENTI NELLA SOCIETÀ? LA REALTÀ VA FRONTEGGIATA CON “DEBOLEZZA”, A MO’ DI UN SURFISTA CHE SA BENE CHE AFFRONTANDO L’ONDA FINIRÀ A GAMBE ALL’ARIA, MEGLIO CAVALCARLA E ARRIVARE ALLA RIVA…