ABBOCCARE ALAMO – TRUMP SENZA VERGOGNA CONTINUA A FLIRTARE CON I SUOI FAN SVALVOLONI CHE HANNO ASSALTATO IL CONGRESSO E SCEGLIE IL MURO AL CONFINE CON IL MESSICO PER UN COMIZIO AD ALAMO, IN TEXAS, SU CUI SCRIVE IL SUO NOME MANCO FOSSE UN RAGAZZINO IN GITA – “IL MIO DISCORSO? APPROPRIATO. SONO I DEMOCRATICI CHE STANNO PROVOCANDO LA RABBIA IN TUTTO IL PAESE…” – MA ANCHE I REPUBBLICANI LO STANNO ABBANDONANDO, E RISCHIA DI ESSERE INTERDETTO DAI PUBBLICI UFFICI PER SEMPRE…

-

Condividi questo articolo

 

 

 

donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico

1 – NEL TEXAS DEGLI IRRIDUCIBILI DI DONALD "JOE NON HA VINTO UN BEL NIENTE"

Paolo Mastrolilli per "La Stampa"

 

La scena davanti all'aeroporto di Harlingen, dove atterra l'Air Force One, è sempre la stessa: camioncini che sfilano con le bandiere di Trump, perché secondo il suo popolo ha fatto bene a fomentare l'assalto di mercoledì al Congresso. «Biden - ripete Jim calandosi sulla testa il cappello rosso di MAGA - non ha vinto un bel niente. Perciò il nostro presidente legittimo ha tutto il diritto di usare qualunque mezzo per impedire il furto delle elezioni».

 

donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 2 donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 2

Donald lo sa che gli irriducibili non lo mollano, perciò salendo sull'aereo non mostra il minimo rimorso: «Il mio discorso di mercoledì era perfettamente appropriato». Inutile chiedere le dimissioni o il Venticinquesimo emendamento della Costituzione, e controproducente il secondo impeachment: «E' l'ultima puntata di una caccia alle streghe che dura ormai da quattro anni. E' ridicolo, assolutamente ridicolo. Però sta provocando molta rabbia, in tutto il Paese. Penso causi un enorme pericolo. Io comunque non voglio violenze». Poi al muro ha aggiunto: «Noi crediamo nello stato di diritto non nelle rivolte, è ora di curare le ferite del Paese».

un manifestante pro trump vestito da biden incarcerato un manifestante pro trump vestito da biden incarcerato

 

Sarà pure così, ma intanto come ultima visita presidenziale lui sceglie la più provocatoria possibile: «Il muro lungo il confine col Messico è stato completato. Un grande successo. Stiamo fermando la droga che arriva nel nostro Paese, e l'immigrazione illegale». Quindi ha chiesto a Biden di non abbatterlo. Dunque tutto finisce dove era cominciato.

trump biden trump biden

 

I messicani stupratori, assassini e trafficanti di droga, quando scendendo dalla scala mobile della Trump Tower aveva annunciato la sua improbabile corsa alla Casa Bianca, e i messicani ributtati dall'altra parte del confine grazie al muro, ora che nonostante le bugie sulle frodi elettorali e il tentato colpo di mano a Capitol Hill, sarà costretto ad andarsene. Perché in fondo il filo rosso che lega tutta la storia politica di Donald è questo: il terrore dei bianchi della classe media e bassa di diventare minoranza negli Usa, e quindi di perdere non solo il controllo del Paese o il lavoro, ma il senso della propria esistenza.

 

donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico 11 donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico 11

Così quattro anni fa aveva attirato gli elettori repubblicani, partendo dai più estremisti delusi dall'establishment, e così cerca ora di tenerli legati a sé. Prima di tutto per evitare l'onta del secondo impeachment, la cacciata dalla Casa Bianca e magari l'incriminazione. Ma poi anche per dimostrare che i 75 milioni di americani che lo hanno votato sono ancora con lui, e quindi con lui dovranno fare i conti gli stessi repubblicani, che decida o meno di ricandidarsi nel 2024.

gas lacrimogeni contro i manifestanti a washington gas lacrimogeni contro i manifestanti a washington

 

Alamo, dove viene a visitare il suo muro, è al centro della Rio Grande Valley del Texas, dove durante l'amministrazione Obama c'era stato l'assalto dei migranti bambini non accompagnati dai genitori. Una delle tragedie che più avevano scosso la coscienza degli americani, creando il terreno fertile per Trump. Le cose in realtà non sono andate come le rivendica.

 

donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico

Negli ultimi quattro anni sono state costruite 452 miglia di muro, o per meglio dire recinzione, ma solo 12 sono nuove. Il resto esisteva già, ma è stato rinforzato con una barriera alta nove metri. Il costo è stato 15 miliardi di dollari, sottratti in gran parte al bilancio del Pentagono, perché il Congresso si è rifiutato di finanziare il progetto e ha stanziato solo 4,5 miliardi.

 

jake angeli jake angeli

Inutile dire che il Messico non lo ha mai pagato, come invece giurava Donald durante i comizi. Dunque la promessa di recintare tutte le 1.954 miglia del confine meridionale non è stata mantenuta, ma il punto non è mai questo. Fin dal principio questa proposta era stata concepita come un segnale di richiamo per i bianchi terrorizzati dalla trasformazione demografica dell'America, e in diversi casi razzisti.

donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 1 donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 1

 

Il punto non era fermare davvero i narcos o gli illegali col muro, ma lanciare il messaggio che la politica sull'immigrazione andava cambiata, e chi ci teneva doveva votare Trump. Infatti poi erano seguite le gabbie dove rinchiudere i bambini, separati dai genitori che in parecchi casi non sono stati ancora ritrovati, ma anche la proposta di ridurre i visti per i giornalisti stranieri allo scopo di cacciarli dal Paese che aveva scolpito la libertà di espressione nel Primo emendamento della Costituzione.

 

donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 3 donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 3

«I numeri dimostrano che l'operazione non ha funzionato, neppure secondo i parametri di Trump», denuncia il deputato democratico di questa regione Joaquin Castro. Infatti secondo la Custom and Border Protection dal 2018 al 2019 gli arresti degli illegali al confine sono quasi triplicati, da 396.579 a 851.508. Nel 2020 c'è stata una frenata provocata dal Covid, ma già tra aprile e luglio c'è stata una nuova impennata del 137%. Trump ha ammesso che «ora sembra esserci una crescita degli arrivi. Alcune carovane si stanno formando, perché pensano di avere vita facile, ma noi siamo in grado di fermarle».

 

assalto al congresso usa assalto al congresso usa

Castro replica così: «Il problema dell'immigrazione non è mai stato come lo ha dipinto Trump, e infatti non lo ha risolto. Il suo approccio ha fallito, perché Usa e America Latina hanno bisogno uno dell'altro per trovare la soluzione, non la banale idea del muro. Però lui, invece di rispondere delle violenze provocate mercoledì che devono portare all'impeachment, viene qui a seminare altro odio e divisione. E' stata la cifra della sua presidenza, resterà come la sua eredità storica».

donald trump autografa il muro con il messico ad alamo donald trump autografa il muro con il messico ad alamo

 

2 – TRUMP IN TEXAS SENZA RIMORSI «IL MIO DISCORSO? APPROPRIATO»

Giusepep Sarcina per il "Corriere della Sera"

 

Nessun passo indietro. Donald Trump non ha nulla da rimproverarsi per l'assalto del 6 gennaio a Capitol Hill. Il suo discorso, tenuto prima degli incidenti davanti al Monumento di Washington, è all'esame della Procura generale del District of Columbia, ed è anche il nerbo dell'impeachment avviato dai democratici alla Camera: «incitamento all'insurrezione».

 

donald trump ad alamo in texas donald trump ad alamo in texas

E in serata, per la prima volta, diventa concreta la possibilità che possa essere condannato dal Senato ed espulso per sempre dalla politica americana. Il New York Times scrive che il leader dei senatori Mitch McConnell, sarebbe «contento» per la procedura di impeachment avviata contro il presidente. McConnell, aggiunge il quotidiano, «odia quello che ha fatto Trump nei giorni scorsi».

 

stop the steal le truppe trumpiane senza mascherina al congresso stop the steal le truppe trumpiane senza mascherina al congresso

I tumulti nel Congresso hanno causato cinque morti, tra cui l'agente di polizia Brian Sicknick. Vedremo se l'indiscrezione sarà confermata dai fatti. Se cioè McConnell voterà davvero per la condanna di Trump. E, nel caso, quanti repubblicani farebbero la stessa cosa? Ne servono 17 per raggiungere il quorum dei due terzi necessario per una sentenza di colpevolezza.

 

la guardia nazionale la guardia nazionale

 Il vecchio blocco repubblicano, schierato nella difesa a oltranza di Trump, sta franando. Vedremo fino a che punto. Oggi almeno dieci deputati potrebbero votare con i democratici per avviare formalmente l'impeachment alla Camera.

 

nancy pelosi nancy pelosi

Di sicuro tra loro ci sarà Liz Cheney, la figlia dell'ex vice presidente e numero tre nella gerarchia repubblicana nella House. Cheney ha diffuso una nota durissima: «Quello di Trump è il più grave tradimento della Costituzione nella storia. Voterò per il suo impeachment». Inoltre, secondo i media americani, il suo vice Mike Pence non esclude il ricorso al 25° emendamento, cioè alla possibilità di rimuovere il presidente «qualora non sia in grado di assolvere i suoi doveri».

ivanka e melania trump by osho ivanka e melania trump by osho

 

E persino sua figlia Ivanka starebbe pensando di partecipare alla cerimonia di Inaugurazione di Biden, dove, invece, Trump non andrà, come ha annunciato con il suo ultimo tweet prima del bando, lo scorso 8 gennaio. Ma il presidente in carica insiste: «Se leggete il mio discorso del 6 gennaio vedrete che è stato del tutto appropriato». Trump si è fermato a parlare con i cronisti del pool, pochi minuti prima di imbarcarsi per Alamo, Texas, dove nel pomeriggio ha tenuto un comizio per «celebrare la promessa mantenuta» di costruire 450 miglia di Muro al confine con il Messico.

 

donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 3 donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 3

Ecco la sua versione, simile a quella di alcuni «anchor» di Fox News : «Guardate a ciò che altri hanno detto, politici ad alto livello, sulle orribili rivolte dell'estate scorsa a Portland e a Seattle e in altri posti. Questo è il vero problema». E sull'impeachment: «Per quanto mi riguarda io non voglio violenze. Ma l'impeachment è davvero la continuazione della più grande caccia alle streghe della storia politica.

 

donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 4 donald trump autografa il muro con il messico ad alamo 4

È ridicolo, assolutamente ridicolo... e sta causando un pericolo enorme per il nostro Paese e una rabbia enorme. Io non voglio violenza». Trump, dunque, cerca di capovolgere la dinamica della crisi, respingendo ogni responsabilità e, soprattutto, mantenendo a livelli allarmanti lo scontro politico. Ce n'è anche per i social che lo hanno oscurato, in via provvisoria o, come Twitter, per sempre: «Le big tech stanno facendo una cosa orribile al nostro Paese. Penso che sarà un errore catastrofico per loro. Stanno dividendo le persone... Questo indurrà altri a fare la stessa cosa e ciò causerà molti problemi e molti pericoli. Un grande errore...Tuttavia c'è sempre una possibile contromossa. Non ho mai visto tanta rabbia come ora e questa è una cosa terribile. Ma bisogna sempre evitare la violenza. E noi abbiamo un immenso sostegno».

supporter di trump assaltano il congresso usa supporter di trump assaltano il congresso usa polizia davanti alla casa bianca polizia davanti alla casa bianca gary cohn jared kushner ivanka trump gary cohn jared kushner ivanka trump ivanka trump distribuisce pacchi alimentari ivanka trump distribuisce pacchi alimentari freedom protest a los angeles freedom protest a los angeles manifestazioni pro trump in texas manifestazioni pro trump in texas palle di neve contro gli anti trumpiani in nebraska palle di neve contro gli anti trumpiani in nebraska un poliziotto si fa un selfie con i supporter di trump un poliziotto si fa un selfie con i supporter di trump proteste oregon proteste oregon un poliziotto aiuta una supporter di trum p un poliziotto aiuta una supporter di trum p manifestazioni pro trump a austin, texas manifestazioni pro trump a austin, texas una ghigliottina a phoenix, arizona una ghigliottina a phoenix, arizona manifestanti pro trump alla city hall di los angeles manifestanti pro trump alla city hall di los angeles proteste in mississipi proteste in mississipi supporter di trump assaltano il congresso usa 1 supporter di trump assaltano il congresso usa 1

 

 

Condividi questo articolo

politica

“I BENETTON VOLEVANO SOLO DIVIDENDI, DIVIDENDI, DIVIDENDI…” – LE TELEFONATE TRA L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI ATLANTIA CARLO BERTAZZO, IL PRESIDENTE FABIO CERCHIAI E GIANNI MION CHE PARLANO ALLEGRAMENTE DI CASTELLUCCI E DELLE STRATEGIE DELLA HOLDING: “LUI DICE CHE DEVONO USCIRE. SE LUI DICESSE I BENETTON SONO DEI CAZZONI, PUÒ ESSERE. MA CHE L'ABBIANO INGESSATO COSTRINGENDOLO CON QUESTI DIVIDENDI, NON CI CREDO" – "È UNA DIFESA INDEGNA, MENTRE LUI STA LAVORANDO CON QUALCHE FONDO PER ORGANIZZARE LA CORDATA..."