ACHTUNG, I NAZISTELLI DELL'AFD SI SONO PRESI LA VECCHIA GERMANIA DELL'EST! – IL PARTITO DI ULTRADESTRA, CHE A LIVELLO NAZIONALE HA RAGGIUNTO IL 15,9% DEI VOTI, NELLE CINQUE REGIONI ORIENTALI È ARRIVATO AL 29,2% – BOOM DI CONSENSI TRA I GIOVANI, CHE HANNO ABBANDONATO IN MASSA I VERDI PER “RADICALIZZARSI” SU IMMIGRATI E CRISI ECONOMICA – NELL'EX DDR È ANDATO BENE ANCHE BSW, IL MOVIMENTO POPULISTA E FILORUSSO GUIDATO DA SARAH WAGENKNECHT...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Uski Audino per “La Stampa”

 

ALICE WEIDEL TINO CHRUPALLA - AFD ALICE WEIDEL TINO CHRUPALLA - AFD

Si respira aria di scampato pericolo all'indomani delle europee nella Konrad Adenauer-Haus di Berlino, la sede centrale della Cdu. Il fischio della pallottola dell'ultra-destra è passata vicino, atterrando i rivali Spd e Verdi, e lasciando indenne il partito cristiano-democratico, che ieri ha consolidato i risultati del 2019. […]

 

L'ex ministro della Salute Jens Spahn commenta la débacle dei socialdemocratici con il sorriso di chi si prepara a giocare al gatto con il topo. «È un risultato irreparabile per l'Spd», sentenzia. Negli stessi minuti – da Monaco - affonda il coltello il leader della Csu, il governatore della Baviera Markus Söder.

 

OLAF SCHOLZ VOTA PER LE ELEZIONI EUROPEE OLAF SCHOLZ VOTA PER LE ELEZIONI EUROPEE

«Olaf Scholz è un re senza terra», le conseguenze di questi risultati devono essere «nuove elezioni, il voto di fiducia e il passo indietro, così come ha fatto Macron o come fece a suo tempo Gerhard Schröder nel 2005». Ma l'ordine di scuderia che arriva dalla cancelleria è tutt'altro.

 

«La data prevista delle elezioni è il prossimo autunno (ndr 2025) e intendiamo attenerci a questo», ha replicato il portavoce Steffen Hebestreit. Nel pomeriggio lo stesso Scholz interviene per ammettere la sconfitta e dire che «non è consigliabile tornare semplicemente a lavorare come al solito», ma di fatto bisogna «impegnarsi a risolvere le sfide che abbiamo di fronte». […]

 

manifesto elettorale afd manifesto elettorale afd

«È la coalizione di governo che ha perso voti e quei voti sono finiti all'Afd. Noi abbiamo tenuto», spiega. Che i giovani abbiano votato Afd non lo colpisce. «I ragazzi che hanno votato per la prima volta sono "incontaminati", ma hanno visto che la politica di governo fa cose insensate: legalizza la cannabis ma non si occupa delle aziende che chiudono, litiga e non gestisce l'immigrazione. Lo sa che ci sono scuole dove oltre il 50% sono stranieri?».

 

La risposta di Haselhoff ci riporta a una canzone rap che sta spopolando su TikTok in lingua tedesca, una specie di inno all'ultra-destra: «Afd, io voto Afd», dove un giovane in passamontagna canta le sue ragioni. «Non può essere che non vedo più tedeschi. Mi sono stufato, l'integrazione è troppo. Sono l'unico tedesco seduto al banco al ginnasio», dice il testo.

 

ALICE WEIDEL TINO CHRUPALLA - AFD ALICE WEIDEL TINO CHRUPALLA - AFD

La migrazione è il principale tema che ha orientato gli elettori dell'ultra-destra, dicono i sondaggi, mentre la sicurezza internazionale e la guerra in Ucraina è il tema che ha portato al voto l'elettorato il movimento di Sarah Wagenknecht. Secondo le rilevazioni Infratest Dimap la fascia tra i 16 e i 24 anni ha votato per il 16% Afd, per il 17% la Cdu-Csu, per l'11% i Verdi e per il 28% partiti minori. Tra i più giovani l'ultra-destra ha registrato l'incremento maggiore con un +11%, mentre i Verdi hanno perso il 23% rispetto a cinque anni fa.

 

Nel 2019, Fridays for Future era al massimo della sua spinta propulsiva e i Verdi il principale referente politico di opposizione, mentre ora sono al governo e di scelte impopolari – come il ripristino delle miniere di lignite a Lützerath – ne hanno fatte parecchie.

 

Sahra Wagenknecht Sahra Wagenknecht

[…]  Cosa sfidare se non ciò che è massimamente proibito? L'aura di condanna sociale che aleggia su Afd è stato un propellente per molti. Soprattutto tra i giovani maschi, come annunciavano i sondaggi pre-elettorali. E pensare che è stato proprio l'Spd a spingere per portare i sedicenni al voto.

 

In filigrana, la foto della Germania che emerge dopo le elezioni è quella di un Paese ancora diviso in due, dove l'Est presenta una fisionomia propria. Nei cinque Länder orientali infatti non solo l'Afd è al 29,2% - contro il 15,9% al livello federale - ma il movimento populista di sinistra BSW di Sarah Wagenknecht – che nel resto del Paese ha il 6,2% - è il terzo partito, con il 13,8% dei consensi, prima di socialdemocratici e verdi.

 

In comune i due partiti hanno una certa benevolenza nei confronti della Russia, come ha spiegato di recente il più grande storico tedesco vivente Heinrich August Winkler in un'intervista a Süddeutsche Zeitung. «Oltre ai ricordi sentimentali dei "russi amici", c'è anche una diffusa paura della Russia potente», dice Winkler. E «Nella DDR, sotto la maschera dell'antifascismo ufficiale come dottrina di partito e di Stato, hanno potuto sopravvivere alcuni modi di pensare della "vecchia Germania» (..) dove «c'è un forte sostegno ai modelli di pensiero nazionalisti, illiberali e anti-occidentali».

comitato elettorale afd - festeggiamento per i risultati delle europee comitato elettorale afd - festeggiamento per i risultati delle europee Sahra Wagenknecht Sahra Wagenknecht sahra wagenknecht 3 sahra wagenknecht 3

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ