ADDIO ALLA LEGA CHE FU: UMBERTO BOSSI VENDE LA VILLA DI GEMONIO – PER LA SUA STORICA RESIDENZA IL PADRE FONDATORE DELLA LEGA CHIEDE 430 MILA EURO. LA CASA RIEVOCA LE IMMAGINI DEI SUMMIT ANNI ‘90 CHE HANNO SEGNATO IL PASSAGGIO DELLA LEGA DALLE BARRICATE AL GOVERNO: BERLUSCONI RILASSATO IN MANICHE DI CAMICIA, FINI SORRIDENTE O UN ROBERTO CALDEROLI IN PANTALONCINI CORTI - LA VILLA NEGLI ANNI '70  DI...

Condividi questo articolo

Andrea Camurani per il “Corriere della sera - Edizione Milano”

 

bossi villa gemonio bossi villa gemonio

Un nome, Bossi, un paese, Gemonio: non importa se il Senatùr per l' anagrafe è nato a Cassano Magnago, paesone della bassa provincia di Varese, perché casa sua da decenni è qui sulle Prealpi varesine a una ventina di chilometri scarsi dal capoluogo e non distante da Laveno, sul Lago Maggiore.

 

Aria buona, tanto verde. Da ieri però in questo comune di neanche 3 mila residenti ci si sente un po' più in periferia, almeno da quando si è sparsa la voce che la residenza del padre fondatore della Lega è in vendita. Prezzo base: 430 mila euro.

 

E per convincere gli acquirenti che è un buon affare, sul sito dell' immobiliare di «Sognocasa» di Caronno Pertusella sono state pubblicate anche le foto - 14 - che riprendono da diverse angolazioni questa dimora dove si vedono imposte aperte, un po' di disordine nel giardino che degrada per diverse decine di metri verso il fondovalle da dove passa il treno e la statale.

 

bossi villa gemonio berlusconi fini bossi villa gemonio berlusconi fini

 Ma l' immagine che a molti tornerà alla memoria è quella delle giornate degli anni 90 che hanno segnato il passaggio della Lega di barricata a quella di governo, quando il partito che oggi ha perso ogni connotazione geografica nel simbolo si chiamava Lega Nord e di cui Umberto Bossi era segretario federale. La casa si prestava ai summit.

 

Gli incontri avvenivano sia fra gli alleati di governo, sia fra i colonnelli del partito che arrivavano con scorta in borghese e berline fatte passare dai carabinieri in divisa fermi a presidiare la via Verbano, quasi un viottolo che scende dalla strada principale, non molto distante dall' ex sede locale della Lega Nord di via Marsala chiusa da qualche anno.

 

bossi villa gemonio bossi villa gemonio

Bastava questo fermento di forestieri per capire che in paese stava succedendo qualcosa di importante che si distingueva dagli incontri fra gli amici di sempre: erano le giornate con mezzo Governo che si dava appuntamento sotto al bersò fatto di viti e glicini, dove capitava di poter vedere di sfuggita un Silvio Berlusconi rilassato in maniche di camicia, un Gianfranco Fini sorridente o un Roberto Calderoli in pantaloncini corti: istantanee di un tempo.

 

Oggi tutti si chiedono dove andranno ad abitare i Bossi qualora un acquirente dovesse farsi avanti (anche se per il momento, dicono dall' immobiliare, «non sono in corso trattative»). L' altra domanda è: perché vendere? La risposta potrebbe nascondersi nell' annuncio che descrive la casa come «disposta su quattro livelli». Immobile di pregio, insomma, ma con volumi d' inizio Novecento che vuol dire scale e dislivelli forse non più idonei allo stile di vita del suo inquilino che ha avuto un problema di salute lo scorso febbraio: la famiglia ha chiesto discrezione sulle condizioni ma non è impossibile pensare che l' idea di spostarsi possa riguardare proprio l' esigenza di avere spazi diversi.

bossi villa gemonio berlusconi fini bossi villa gemonio berlusconi fini

 

La casa è stata ristrutturata nel corso degli anni '80 ma anche in seguito vennero fatti lavori e migliorie. Alcune delle somme rubricate come «casa capo lavori» figurano nelle causali scritte sulle matrici di alcuni assegni finiti nel «caso Belsito», processo per appropriazione indebita di fronte al tribunale di Milano poi finito in appello col «non doversi procedere» per gli imputati, tra cui lo stesso Umberto Bossi.

 

E pensare che questa casa fu suo malgrado teatro di giochi politici su tavoli molto meno importanti ma non per questo meno gustosi legati alle vicissitudini della vita politica locale: nel 1970 fu la culla per un accordo fra democristiani e socialisti che portò a una inedita amministrazione di centrosinistra che vinse le elezioni comunali. L' anima di quegli esperimenti politici ha convissuto nelle stanze della villa, almeno fino ad oggi.

bossi villa gemonio berlusconi fini bossi villa gemonio berlusconi fini

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - IL GOVERNO È ARRIVATO ALLA FRUTTA: LA SITUAZIONE STA PRECIPITANDO - LA GOCCIA È STATA LA SONORA SCONFITTA DI SALVINI AL PARLAMENTO EUROPEO, CON SASSOLI E LA BEGHIN (M5S) CHE HANNO ASSICURATO LA NOMINA DELLA VON DER LEYEN GRAZIE AI 14 VOTI GRILLINI - SALVINI NON HA AVUTO LA PERCEZIONE CHE LO STAVANO METTENDO IN UN ANGOLO, DALLA RUSSIA ALL’EUROPA - UNA PARTE DEI DI PD E M5S SAREBBE PRONTA A COSTITUIRE UN GOVERNO CHE SPEDISCA LA LEGA ALL’OPPOSIZIONE. MA TUTTO CIÒ NON È NEI PIANI DI MATTARELLA...