ALTRI GUAI NERI PER MELONI! A ROMA L’UNICO PRESIDENTE DEL CENTRODESTRA (MUNICIPIO 6) E’ NICOLA FRANCO, IL CANDIDATO DEL SALUTO ROMANO FINITO NELLA BUFERA PER I LIBRI SUL DUCE E LE SS (MA PERCHE’ UNO CHE A CASA HA IL MEIN KAMPF E' NAZISTA?) - CON IL 61% DELLE PREFERENZE, IL CANDIDATO NEL MUNICIPIO DELLE “TORRI”, QUELLO DI TOR BELLA MONACA, HA BATTUTO LA SFIDANTE FRANCESCA FILIPPONI - “IO, ULTIMO DEI MOHICANI. HO VINTO AL MUNICIPIO 6 PERCHÉ SONO DA SEMPRE UN UOMO DI DESTRA-CENTRO”

-

Condividi questo articolo


Da open.online

 

NICOLA FRANCO MELONI NICOLA FRANCO MELONI

Nel VI Municipio di Roma sarà il centrodestra a governare la giunta di municipio per i prossimi cinque anni. Al ballottaggio delle ultime elezioni amministrative ha trionfato Nicola Franco. Con il 61% delle preferenze, il candidato nel municipio delle “torri”, quello di Tor Bella Monaca, ha battuto la sfidante Francesca Filipponi, del Movimento 5 Stelle, che è rimasta ferma al 38,99%.

 

«Aspetto questo momento da 28 anni» ha commentato Franco, dopo il risultato elettorale. Già capogruppo uscente di Fratelli d’Italia, il neoeletto giorni fa era finito nella bufera per la diretta al consiglio municipale con alle spalle il libro su Mussolini e sulle SS.

 

«Parliamo di un fatto che risale ad un anno fa, è una libreria con 500 testi tra i quali c’è anche Il Capitale di Marx, Engels, ho fatto vedere addirittura un libro di Liliana Segre» aveva commentato in un’intervista a Fanpage.it. E aveva aggiunto: «mi hanno scritto in molti anche di sinistra, dicendomi che a casa hanno il Mein Kampf e non per questo sono nazisti. Leggere un libro non significa condividerne quello che è contenuto al suo interno».

 

NICOLA FRANCO NICOLA FRANCO

Sul suo profilo Facebook compaiono post con la scritta a lutto “28 aprile 1945”, il giorno della morte di Mussolini; ci sono poi le citazioni del Duce e parole di elogio per il Ventennio. E una foto nella quale, insieme a un gruppo di amici, fa il saluto romano. Tutti particolari che Franco ha negato, dicendo: «Chi sta a sinistra deve studiare la Storia, perché se quello è un saluto romano a me viene da ridere. Sono foto del 2014, che mi sono messo una camicia nera o fatto il saluto romano non lo rinnego».

 

 

 

NICOLA FRANCO

Lorena Loiacono per leggo.it

 

Nicola Franco, lei è l’unico Presidente del centrodestra (Municipio 6). Come si sente?

«Praticamente sono l’ultimo dei Mohicani. Minisindaco dell’ultimo dei municipi».

NICOLA FRANCO NICOLA FRANCO

 

In che senso?

«Il municipio delle Torri, di Tor Bella Monaca, da sempre è considerato l’ultimo. Ma dimostrerò che non è così: abbiamo tanti problemi da risolvere ma anche tante eccellenza: l’università, il policlinico, il Cnr, l’area archeologica della città di Gabi».

 

Come si vince qui?

«Senza social e videoconferenze, stando in mezzo alle persone con pacchi alimentari e banchetti. Sempre, non solo in campagna elettorale. Fui eletto nella circoscrizione con il Msi, era il 1993, avevo 22 anni: non sono di centrodestra ma di destra-centro. E ne sono fiero: una destra del popolo».

 

Nel 2016 però le andò male.

«Anche allora fui l’unico ad andare al ballottaggio contro il M5s, poi però ho perso. L’elettorato di centrodestra è pigro, un 20% non viene alle urne. Ma ho gettato le basi per queste elezioni».

 

Che farà, subito?

conferenza stampa di giorgia meloni dopo la sconfitta ai ballottaggi conferenza stampa di giorgia meloni dopo la sconfitta ai ballottaggi

«Oggi alle 7:30 sarò in Municipio per stringere la mano a chi ci lavora, poi incontrerò i comitati di quartiere e chiederò anche un incontro a Gualtieri».

 

Il telefono continua a squillare...

«Ma vorrei che non smettesse mai: questo risultato lo sogno da sempre».

 

Condividi questo articolo

politica

È UFFICIALE: ORA IL MOVIMENTO 5 STELLE È UN PARTITO COME TUTTI GLI ALTRI - IL 72% DEI VOTANTI ONLINE SI È ESPRESSO A FAVORE DEL 2XMILLE. CONTE FESTEGGIA: “HO PRESO ATTO DI UNA RICHIESTA CHE ERA SUL TAVOLO DA TEMPO”, MA I GRILLINI SONO SPACCATI DOPO LA CADUTA DELL’ULTIMO TABÙ (ORA MANCA SOLO IL LIMITE AI DUE MANDATI). - IL CAPOGRUPPO ALLA CAMERA, CRIPPA: “SONO SCETTICO. IL RISCHIO È CHE IL FINANZIAMENTO CHE NE CONSEGUE SIA ESIGUO E LIMITATO RISPETTO A TOGLIERE UN CAPOSALDO DI NON FINANZIAMENTO PUBBLICO DEL MOVIMENTO”