UN ALTRO CETRIOLO SUL M5S: LA FATA MADRINA DI CONTE, ANDREA SCANZI, SCENDE IN CAMPO PER CERCARE VOTI - IERI AL COMIZIO DELL'AVVOCATO DI PADRE PIO A MONTEVARCHI, PER SOSTENERE IL CANDIDATO M5S-PD, SI È AGGREGATO "A SORPRESA" ANCHE SCANZI FINGENDO DI VOLER INTERVISTARE IL LEADER M5S MA FINENDO A FARGLI DA SPALLA, ANDANDO IN SOLLUCCHERO A OGNI SUA DICHIARAZIONE - SE A UN COMIZIO DI BERLUSCONI FOSSE COMPARSO UN GIORNALISTA MEDIASET A FARGLI DA SPALLA COSA AVREBBE SCRITTO IL "FATTO"?

Condividi questo articolo


Marco Zonetti per https://www.vigilanzatv.it/

 

CONTE E SCANZI A UN COMIZIO A MONTEVARCHI CONTE E SCANZI A UN COMIZIO A MONTEVARCHI

Giuseppe Conte, ex Presidente del Consiglio, è in tournée elettorale per promuovere i candidati del M5s alle elezioni comunali e suppletive in programma per il 3-4 ottobre prossimi. Una scadenza cruciale per le sue sorti politiche, visto che per lui si tratta del "battesimo del fuoco" quale leader grillino.

 

Benché egli abbia già tentato di mettere le mani avanti, distaccando preventivamente il suo destino dall'esito delle consultazioni i cui sondaggi non sono benevoli per i pentastellati, è ovvio che un disastro macchierebbe la sua aura di idolo delle folle, fomentando così i molti detrattori che ha all'interno del Movimento stesso (fra cui il fondatore Beppe Grillo che non ha speso certo parole d'oro su di lui).

 

andrea scanzi a otto e mezzo 3 andrea scanzi a otto e mezzo 3

Qualsiasi aiuto Conte possa racimolare, quindi, è ben accetto. E a Montevarchi, in provincia di Arezzo, ove il leader dei 5 Stelle è accorso a sostenere pubblicamente il candidato sindaco Luca Canonici appoggiato fra gli altri da M5s e Pd, l'aiuto si è manifestato sotto forma della fata madrina Andrea Scanzi.

 

L'aretino giornalista del Fatto Quotidiano, opinionista televisivo di Rai3 (pagato da noi) e La7, e conduttore di Accordi e Disaccordi prodotto dalla branca televisiva del Fatto sul Nove, ha dato sfoggio di voler intervistare Conte, ma di fatto è divenuto comprimario e spalla del suo spettacolo. Viene da immaginare cosa si sarebbe scatenato se, a un comizio di Silvio Berlusconi anni fa fosse comparso Emilio Fede per fargli da supporter.

 

MARCO TRAVAGLIO E GIUSEPPE CONTE MARCO TRAVAGLIO E GIUSEPPE CONTE

In ogni modo, piatto forte della coppia di mattatori Conte-Scanzi, l'immancabile sparata contro Italia Viva e Matteo Renzi, nemico esterno che fa da collante all'ormai sempre più fioco idillio grillo-piddino. Conte ha dichiarato: "Con il Pd avevamo un chiaro progetto, compromesso da una forza politica che ha pensato al proprio tornaconto. Una forza politica che non c'era prima, perché Italia Viva si è costituita dopo con una operazione artificiosa". A quel punto è intervenuto Scanzi con il suo sagace commento di rito: "Italia Viva non c'è neanche adesso...". Insomma, con il duetto Conte-Scanzi, più che a un comizio elettorale, pareva di assistere a una puntata di Otto e mezzo senza Lilli Gruber.

 

scanzi scanzi

Di fatto, se Italia Viva non c'era prima, e non c'è neanche adesso, il Governo Conte bis è caduto e il Governo Conte ter non è mai nato per colpa dei fantasmi. Non esattamente lusinghiero, quindi, per il leader del M5s essere stato defenestrato da qualcosa che, secondo lui e secondo il suo supporter Scanzi, di fatto non esiste neppure.

MARCO TRAVAGLIO E GIUSEPPE CONTE MARCO TRAVAGLIO E GIUSEPPE CONTE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”