ALTRO GRANDE FALLIMENTO DELLA BREXIT: MAI COSÌ TANTI IMMIGRATI NEL REGNO UNITO – I TORY AVEVANO FESTEGGIATO L'ADDIO ALL'UE AL GRIDO DI “RIPRENDIAMOCI IL CONTROLLO DELLE FRONTIERE”. EPPURE LO SCORSO ANNO SONO ENTRATE IN GRAN BRETAGNA 606MILA PERSONE IN PIÙ DI QUELLE CHE NE SONO USCITE. UN RECORD CHE IMBARAZZA IL PREMIER SUNAK – E LE LUNGAGGINI BURCRATICHE DOVUTE ALLA BREXIT HANNO FATTO CROLLARE I NUMERI DI TURISTI E GLI SCAMBI COMMERCIALI CON L'UE

-

Condividi questo articolo


1 – RECORD DI IMMIGRATI, 606 MILA NEL 2022 LA BREXIT FALLISCE ANCHE SU QUESTO FRONTE

Alessandra Rizzo per “La Stampa”

 

rishi sunak 1 rishi sunak 1

Sono tredici anni che i conservatori promettono di ridurre l'immigrazione nel Paese, e i numeri continuano a salire. Nemmeno la Brexit è riuscita a invertire la tendenza. È tutto qui il problema di Rishi Sunak, quando il nuovo dato sugli ingressi regolari mostra un livello record: l'anno scorso sono entrate nel Paese 606mila persone in più di quelle che ne sono uscite. Il dato precedente sull'immigrazione regolare netta era di 504mila.

 

Secondo l'Ufficio Nazionale di Statistica, nel 2022 sono arrivate un milione e 163mila persone, e ne sono uscite 557mila. Aumenta l'immigrazione da paesi extra Europei, con 925mila arrivi, mentre diminuisce quella dall'Europa, appena 151mila arrivi, a fronte di oltre 200mila partenze.

brexit brexit

 

Più di centomila persone sono arrivate dall'Ucraina e 52mila dall'ex colonia Hong Kong. Moltissimi gli studenti e i loro familiari, tanto che il governo ha varato un giro di vite sui ricongiungimenti familiari a partire dal 2024. I dati creano imbarazzo nel governo, tanto più se si considerano gli sbarchi di immigrati irregolari, 45 mila nel 2022.

 

[…]

 

Boris Johnson Brexit Boris Johnson Brexit

Dal 2010, cioè da David Cameron in poi, tutti i primi ministri Tory hanno promesso di tagliare l'immigrazione. Il referendum sulla Brexit è stato vinto grazie al famoso slogan "take back control", riprendersi il controllo, soprattutto delle frontiere. Ma non è accaduto.

 

Nigel Farage, l'ex leader dell'Ukip che della Brexit è stato uno dei maggiori artefici, ieri ha gridato alla "totale violazione della fiducia tra gli elettori e questo governo".

 

nigel farage lascia il partito nigel farage lascia il partito

L'istituto di statistica ha sottolineato la natura «potenzialmente temporanea» del livello record, dovuto a una «serie di eventi mondiali senza precedenti avvenuti nel 2022 e alla fine delle restrizioni da Covid». […]

 

1 – BREXIT, UN OSTACOLO AGLI SCAMBI UMANI

Articolo di “Le Monde” - dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

CODE DI AUTO A DOVER CODE DI AUTO A DOVER

I passeggeri bloccati nel porto di Dover durante il fine settimana di Pasqua avevano forse senso dell'umorismo? Ci sono stati enormi ritardi per questa importante partenza festiva, con alcuni pullman bloccati fino a quattordici ore. La colpa è almeno in parte della Brexit? "Non credo sia giusto dire che questo sia un effetto negativo della Brexit", ha dichiarato Suella Braverman, ministro dell'Interno del Regno Unito e convinta sostenitrice dell'uscita dall'Unione Europea (UE).

 

CODE DI CAMION A DOVER CODE DI CAMION A DOVER

Tuttavia, il porto di Dover ha chiarito che la colpa è dei "lunghi controlli al confine francese". Sebbene il Regno Unito non abbia mai fatto parte dell'area Schengen e il controllo dei passaporti sia sempre stato necessario, ora è più complicato di prima. Con la Brexit, è necessario verificare che i passeggeri non abbiano trascorso più di novanta giorni nell'UE negli ultimi sei mesi (oltre, è necessario un visto), e poi timbrare il passaporto. Si tratta di una manciata di secondi in più per ogni passeggero, il che può essere un vero grattacapo nelle ore di punta.

 

rishi sunak e ursula von der leyen annunciano l accordo sull irlanda del nord rishi sunak e ursula von der leyen annunciano l accordo sull irlanda del nord

L'aneddoto del fine settimana di Pasqua rivela un problema più profondo: dopo la Brexit, il traffico di passeggeri tra il Regno Unito e l'UE ha subito un calo. Oltre alle conseguenze commerciali e geopolitiche, il divorzio dall'UE sta anche allontanando le persone.

 

[…] Tuttavia, il calo degli scambi commerciali è confermato. Nel porto di Calais, il numero di veicoli passeggeri è diminuito del 35% a fine marzo rispetto al 2018 (l'ultimo anno non perturbato dalla Brexit, che inizialmente doveva avvenire il 31 marzo 2019). Anche il numero di veicoli privati che hanno attraversato il tunnel della Manica è diminuito del 20% nel primo trimestre rispetto al 2018; per l'Eurostar il calo è stato del 7%.

 

rishi sunak e ursula von der leyen annunciano l accordo sull irlanda del nord 3 rishi sunak e ursula von der leyen annunciano l accordo sull irlanda del nord 3

Naturalmente anche il traffico aereo globale non è tornato ai livelli pre-Covida 19. Nel fine settimana di Pasqua, Getlink, l'operatore dell'Eurotunnel, ha registrato i migliori dati di traffico dal 2018. Anche le prenotazioni per l'estate sono incoraggianti. Ma è difficile ignorare l'effetto Brexit.

 

Alla stazione di St Pancras a Londra, dove il terminal Eurostar è stretto, sono state installate nuove macchine automatiche per la lettura dei passaporti, ma dietro di esse staziona un agente della polizia di frontiera, costretto a timbrare i passaporti uno per uno. Non è possibile arrivare trenta minuti prima della partenza: è meglio prevedere un'ora di tempo.

 

RISHI SUNAK SUELLA BRAVERMAN RISHI SUNAK SUELLA BRAVERMAN

Questo rallentamento sta costringendo Eurostar a lasciare deliberatamente vuoto un terzo del suo primo treno del mattino presto: semplicemente non c'è abbastanza tempo per controllare tutti. "Abbiamo 14 viaggi di andata e ritorno al giorno tra Londra e Parigi, rispetto ai 16-18 del 2019", spiega un portavoce.

 

[…]

 

L'inaridimento degli scambi va ben oltre il turismo. Il numero di giovani europei che chiedono di studiare nelle università britanniche è diminuito del 60%. Il motivo principale è che le tasse universitarie sono più che raddoppiate. Sono salite a circa 20.000 euro l'anno da quando gli europei sono stati equiparati agli studenti cinesi, americani e indiani. Gli scambi Erasmus sono cessati, poiché il Regno Unito si è ritirato dal programma. Il Turing Scheme, che lo sostituisce, nel 2022 aveva un terzo di studenti in meno e copriva tutto il mondo, non solo l'Europa.

 

[…]

 

file a dover 8 file a dover 8

Questa enorme confusione potrebbe peggiorare ulteriormente. L'Unione Europea vuole introdurre il sistema di ingresso/uscita (EES): ogni turista che entra nello spazio europeo dovrà farsi fotografare e prendere le impronte digitali, proprio come negli Stati Uniti.

 

Questa nuova regola non è rivolta specificamente al Regno Unito, ma è il luogo in cui la sua applicazione sarà probabilmente più difficile. "Immaginate di dover prendere una foto e le impronte digitali con un tablet per ogni auto che passa! Puissesseau. È un incubo, ed è destinato a rallentare il flusso del traffico". Di fronte a queste difficoltà, l'applicazione della VAS è stata rinviata a una data ancora imprecisata. Ma le difficoltà legate alla Brexit sono tutt'altro che superate.

file a dover 3 file a dover 3 file a dover 4 file a dover 4 file a dover 2 file a dover 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE