APRI, CHIUDI O SOCCHIUDI? - GELMINI SPINGE PER LA REVISIONE DEI PARAMETRI CHE DETERMINANO LA CLASSFICAZIONE DEI COLORI – SPERANZA E ORLANDO S'OPPONGONO SVENTOLANDO IL PROBLEMA DELLE "VARIANTI" DEL VIRUS - LA CAUTELA DI DRAGHI: RESTARE A BOCCE FERME FINCHÉ NON SI CAPISCE L'IMPATTO DELLE VARIANTI – E SULLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE…

-

Condividi questo articolo


Carlo Bertini per "la Stampa"

 

ROBERTO SPERANZA ROBERTO SPERANZA

«Restiamo a bocce ferme finché non si capisce l' impatto di queste varianti». Approvato il decreto di proroga che vieta per un altro mese gli spostamenti tra regioni, Mario Draghi mette così la parola fine alla discussione innescata in Consiglio dei ministri sulla revisione meno stringente dei parametri che determinano la classificazione dei «colori»: revisione chiesta dai governatori e riportata dalla neo ministra Mariastella Gelmini, che ha consegnato al premier e ai colleghi il documento approvato dalla conferenza delle Regioni.

 

Documento in cui si chiedono anche immediati ristori a fronte di ogni limitazione delle attività produttive e la comunicazione anticipata delle decisioni della cabina di regia sui nuovi «colori» settimanali di ogni territorio. Un pressing, quello dei presidenti di Regione, mosso dalla considerazione che sia meglio limitarsi a pochi indicatori, come contagi e ricoveri in terapie intensive, invece che su calcoli complessi per stabilire parametri da associare al famoso indice di contagiosità Rt.

maria stella gelmini renato brunetta maria stella gelmini renato brunetta

 

Chi ha assistito seduto al grande tavolo tondo da una delle postazioni protette da pannelli di plexiglas, lo descrive come «un confronto, anche con posizioni diverse, ma senza vis polemica». Fatto sta che al cospetto di un premier poco incline ad apprezzare gli acuti, è andata in scena una pacata argomentazione di Gelmini delle ragioni dei governatori «aperturisti».

 

Stoppata però, prima che dal premier, non solo dal titolare della Salute, Roberto Speranza, ma anche dal neo ministro del Lavoro, Andrea Orlando.

 

ROBERTO SPERANZA ROBERTO SPERANZA

Determinato sì a preoccuparsi dei riflessi sull' occupazione, ma anche a non lanciarsi in avanti prima del tempo: quindi, «meglio non toccare il sistema che fissa le fasce di rischio». I due ministri di sinistra hanno rintuzzato la collega azzurra con l' argomento delle «varianti» del virus. «Prima bisogna capire cosa succede e che impatto avranno nel Paese», ha ribattuto Speranza. Che attende per il fine settimana un report aggiornato sul nodo che più preoccupa gli scienziati in questa fase, ovvero se stanno aumentando i tassi di contagio e quanto prendono piede le varianti inglese e brasiliana.

 

Dopo che il titolare della Sanità ha fatto il punto sull' andamento dell' epidemia, Gelmini ha dunque rilanciato l' invito dei governatori «a ragionare sui parametri per fissare l' Rt e sul criterio di territorializzazione delle misure, se provinciale o regionale».

andrea orlando andrea orlando

 

Spalleggiata da Renato Brunetta, che ha chiesto di valutare misure circoscritte in territori comunali più piccoli. A quel punto anche il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha detto la sua: una cosa è ragionare su livelli regionali e provinciali, altra cosa scendere a livello comunale, perché i dati su bacini molto piccoli rischiano di essere difficili da disaggregare. Insomma, per ora non si tocca niente.

 

mario draghi mario draghi

Ma non è stato il solo punto sensibile, legato al Covid, affrontato dai ministri con il premier. Anche la convocazione delle elezioni amministrative ha tenuto banco: ne ha parlato la titolare degli Interni, Luciana Lamorgese. E il leghista Giancarlo Giorgetti, in tandem con Guerini, ha chiesto di seguire un unico schema di decisione tra tornate comunali e regionali: se si rinviano le elezioni comunali in autunno, stessa cosa andrà fatta per le regionali di maggio in Calabria. Draghi ha condiviso: «Discutiamo insieme delle elezioni regionali calabresi e delle amministrative in tutta Italia». Una decisione andrà presa a breve, unica per tutti.

maria stella gelmini maria stella gelmini roberto speranza meme roberto speranza meme mario draghi 2 mario draghi 2

 

Condividi questo articolo

politica

IL NUOVO PARTITO DI CONTE SARA' UNA RIEDIZIONE DEI DS? L'AVVOCATO DI PADRE PIO STA "ORGANIZZANDO" IL SUO MOVIMENTO CON LUNGHE TELEFONATE A BETTINI, D'ALEMA E PROVENZANO E SNOBBA TUTTI I BIG CINQUESTELLE - OGGI SCADE L'ULTIMATUM FISSATO DA CASALEGGIO: O I PARLAMENTARI PAGANO IL DOVUTO PER LA PIATTAFORMA ROUSSEAU OPPURE IL DIVORZIO SARÀ DOLOROSO. CASALEGGIO È PRONTO A PORTARSI VIA SOFTWARE E DATABASE CON LE CENTINAIA DI MIGLIAIA DI ISCRITTI DEL M5S (MAGARI PER FARE UN PARTITO DURO E PURO CON DI BATTISTA) - CHE FARA' CONTE CON LA REGOLA CHE VIETA IL TERZO MANDATO?