ARIECCOLO! “SERVE UN MIO RITORNO IN CAMPO” - BERLUSCONI SI SMARCA DALLA LEGA E PROVA A RIFARE IL "REGISTA" DEL CENTRODESTRA DOPO IL FLOP DEI SOVRANISTI. “AVEVO PROPOSTO BERTOLASO PER ROMA, ALBERTINI E MORATTI PER MILANO: SE NON MI AVESSERO BOCCIATO QUESTI NOMI, SAREMMO ANDATI SICURAMENTE MEGLIO..." – IL VERO OBIETTIVO DI SILVIO E’ IL COLLE MA SUL SUO CAPO PENDE UNA SPADA DI DAMOCLE: IL PROCESSO "RUBY TER"…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Emanuele Lauria per repubblica.it

 

silvio berlusconi silvio berlusconi

(..)

"Serve un mio ritorno in campo". Rieccolo, Silvio Berlusconi, annunciato da una telefonata con Mario Draghi ("lunga e cordiale" secondo prassi) e dalla solita, strabordante, voglia di protagonismo.

 

Tornerà a Roma a breve, e farà base nella residenza sull’Appia Antica che fu di Franco Zeffirelli (...)

 

Berlusconi intende riprendersi un ruolo da “regista”, nel partito e in una coalizione nella quale fa fatica a vedere un federatore. Le amministrative hanno posto in luce le difficoltà dei sovranisti.

 

(...) Lui, l’ex premier, fino a ieri l’altro - parlando coi suoi - ha ribadito il disappunto per le scelte sbagliate per le amministrative: "Avevo proposto Bertolaso per Roma, Albertini e Moratti per Milano: se non mi avessero bocciato questi nomi, saremmo andati sicuramente meglio...".

 

(..)

 

È così motivato, il Cavaliere, da non vedere la corsa al Colle come sogno. Ma come ipotesi realizzabile. Pubblicamente non ne parla ma tutti sanno delle mire quirinalizie, alla sua corte. E certamente non si oppongono. Antonio Tajani parla "a titolo personale" ma dice una cosa esplicita: "Berlusconi è l’uomo che ha più esperienza di tutti a livello nazionale e internazionale. Il centrodestra sceglierà più avanti il suo candidato ma per me è la soluzione migliore".

silvio berlusconi fuori dal seggio a milano 1 silvio berlusconi fuori dal seggio a milano 1

 

 

Un puzzle al quale manca però un tassello fondamentale: di qui ai prossimi mesi potrebbero arrivare a sentenza i due filoni del processo "Ruby Ter", a Siena e Milano. Una condanna potrebbe far saltare ogni progetto. La spada di Damocle sulla strada dell’ennesimo ritorno.

 

 

silvio berlusconi vota a milano 2 silvio berlusconi vota a milano 2 silvio berlusconi vota a milano 1 silvio berlusconi vota a milano 1 silvio berlusconi vota a milano silvio berlusconi vota a milano silvio berlusconi fuori dal seggio a milano 3 silvio berlusconi fuori dal seggio a milano 3

 

 

Condividi questo articolo

politica

CAVOLETTI DI BRUXELLES – L’UNIONE EUROPEA NON SI FIDA DELL’ITALIA, NONOSTANTE DRAGHI: I RILIEVI CHE HANNO ACCOMPAGNATO L’APPROVAZIONE DELLA MANOVRA NON SONO CASUALI – I TECNICI DELL’UE SONO ALLARMATI DA DUE NODI CRUCIALI: IL PRIMO RIGUARDA LA RICHIESTA DEI PRESTITI. L’ITALIA È L’UNICO PAESE AD AVER CHIESTO L’INTERO PACCHETTO SIA DI “GRANTS” CHE “LOANS”. E POI C’È L’ALLARME SULLA “MESSA A TERRA” DELLE OPERE. CIOÈ LA COSTRUZIONE CONCRETA DELLE INFRASTRUTTURE…

MATTARELLA BIS? YES! – GLI AMERICANI TIFANO PER UN SECONDO MANDATO DI SERGIONE. IL POLITOLOGO JOSEPH LA PALOMBARA (YALE): “A WASHINGTON NESSUNO DUBITA CHE SAREBBE UNA BUONA NOTIZIA PER IL PAESE” – “LA LEADERSHIP DI DRAGHI NELL'UE È  ESSENZIALE, TANTO PIÙ ORA CHE ANGELA MERKEL È PRONTA A RITIRARSI. PUÒ CONTINUARE A DARE IL SUO CONTRIBUTO PIÙ FACILMENTE DA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO” – “BERLUSCONI? LA SUA ELEZIONE SAREBBE AMPIAMENTE CONSIDERATA, SE NON UN DISASTRO ALL’ITALIANA, QUALCOSA DI SIMILE A UNO SCHERZO”