ATTENZIONE, CADUTA MITI! – FUBINI: “CIÒ CHE ACCADE DA 4 MESI RIDIMENSIONA LA LEGACY DI DUE DEI LEADER PIÙ ADULATI DAI MEDIA OCCIDENTALI NEGLI ULTIMI 20 ANNI: BARACK OBAMA E ANGELA MERKEL” – “OBAMA HA LANCIATO IL RESET DEI RAPPORTI CON PUTIN DOPO L’AGGRESSIONE ALLA GEORGIA.  IL MESSAGGIO AL CREMLINO È ARRIVATO COSÌ: TUTTO È CONDONATO, DUNQUE POSSIAMO RIFARLO. INFATTI L'HANNO RIFATTO” – “MERKEL AMAVA FARSI RITRARRE MENTRE RUOTAVA GLI OCCHI IN SEGNO DI SECCATURA QUANDO PUTIN LE PARLAVA. COME NO. MA NON HA FATTO NULLA PER LIMITARE LA DIPENDENZA DELL'INDUSTRIA TEDESCA DALLA RUSSIA…”

-

Condividi questo articolo


Thread di Federico Fubini su Twitter

 

FEDERICO FUBINI FEDERICO FUBINI

Ciò che accade da 4 mesi ridimensiona seriamente la legacy di due dei leader più esaltati e adulati dai media occidentali negli ultimi 20 anni: Barack Obama e Angela Merkel. Non si discutono le buone intenzioni ma non si discutono, temo, neanche i loro errori e la miopia

 

#Obama ha lanciato il "reset" (nome sexy, carino) dei rapporti con #Putin subito dopo l'aggressione russa alla Georgia. Il messaggio al Cremlino è arrivato così: tutto è condonato, dunque possiamo rifarlo. Infatti l'hanno rifatto in Donbass e Crimea sei anni dopo

OBAMA PUTIN OBAMA PUTIN

 

Poi nel 2014 #Obama ha chiesto agli ucraini di non reagire alla sottrazione della Crimea e le sanzioni per l'attacco al Donbass sono state limitate. Una prova di debolezza che ha istigato nuove avventure di #Putin. Infatti eccole qua. E #Merkel? Anche lei ha sbagliato molto...

 

#Merkel amava molto farsi ritrarre mentre ruotava gli occhi in segno di seccatura quando #Putin le parlava ai vertici tipo G20. Come no. Ma non ha fatto nulla per limitare la dipendenza dell'industria tedesca dalla Russia e da #Gazprom.

 

putin merkel putin merkel

Poi naturalmente #Schroeder è diventato il perfetto capro espiatorio dell'intera nazione tedesca per #NordStream, il classico singolo che si prende le colpe per tutti e tutti sono felici di scaricarle su di lui. Ma Merkel ha silenziosamente consentito e assecondato

 

Noi media occidentali avremmo probabilmente potuto far meglio il nostro lavoro su questi due, Merkel e Obama: troppa polvere di stelle, troppo star system da leader senza macchia (ma con molte paure). Tanti sono rimasti abbagliati, hanno abbassato la guardia. Lezione da meditare

Schroeder con Putin Schroeder con Putin FEDERICO FUBINI FEDERICO FUBINI putin obama putin obama PUTIN OBAMA 1 PUTIN OBAMA 1 SCHROEDER PUTIN SCHROEDER PUTIN OBAMA E PUTIN OBAMA E PUTIN putin merkel putin merkel merkel e putin a mosca 2 merkel e putin a mosca 2 RENZI PUTIN MERKEL RENZI PUTIN MERKEL voldymyr zelensky emmanuel macron vladimir putin angela merkel 1 voldymyr zelensky emmanuel macron vladimir putin angela merkel 1 Putin e il Papa lo scorso novembre Putin e il Papa lo scorso novembre OBAMA E PUTIN OBAMA E PUTIN PUTIN OBAMA PUTIN OBAMA OBAMA PUTIN SPIONAGGIO MONDIALE OBAMA PUTIN SPIONAGGIO MONDIALE barack obama vladimir putin barack obama vladimir putin OBAMA E PUTIN OBAMA E PUTIN federico fubini federico fubini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO