AVVISATE LE AGENZIE DI COLLOCAMENTO: DOPO IL 9 GIUGNO CI SARÀ UNA BELLA PATTUGLIA DI DISOCCUPATI DA PIAZZARE! – LA LUNGA LISTA DI EURODEPUTATI MIRACOLATI CHE DOVRANNO DIRE ADDIO AL PARLAMENTO UE: LA MAGGIOR PARTE SARANNO LEGHISTI, VISTO CHE SE VA BENE LA CORAZZATA DEL CARROCCIO AVRÀ 7 ELETTI (NEL 2019 ERANO 28) – L’EX IENA DINO GIARRUSSO, L’ETERNA PROMESSA DI FORZA ITALIA, LARA COMI, ALESSANDRA MUSSOLINI E IL PIDDINO ANDREA COZZOLINO, TRAVOLTO DAL QATARGATE - AVRANNO POCO DA LAMENTARSI: RICEVERANNO UN'INDENNITÀ PARI A...

-

Condividi questo articolo


MARCO ZANNI MARCO ZANNI

Estratto dell’articolo di Claudio Bozza per www.corriere.it

 

«Bruxelles addio, cantavi»… Parafrasando il grande Ivan Graziani, è lunga la lista degli eurodeputati che, volenti o nolenti, dovranno dire addio al Parlamento Ue. […]

 

Gli equilibri politici, rispetto a 5 anni fa, sono profondamente mutati. La Lega non è più la corrazzata che nel 2019 conquistò oltre il 34% e fece eleggere 28 eurodeputati. E FdI non è più il piccolo partito del 6,4%: stavolta, da 5 eletti, i meloniani dovrebbero salire a 23, secondo le stime di Ipsos […].

 

salvini Gianantonio Da Re salvini Gianantonio Da Re

Stavolta per Salvini si prevedono appena 7 eletti, e il suo partito rischia un reset. Gianantonio Da Re, storico ultras della Lega veneta, è stato cacciato dopo le critiche al leader. E niente ricandidatura anche per Marco Zanni, bocconiano, euroscettico e presidente di Identità e democrazia, il primo ad annunciare che si ferma qui.

 

Oltre alla flessione politica, tra i leghisti (e non solo), conta anche il fattore economico: per fare un campagna solida occorrono almeno 40-50 mila euro e in pochi vogliono rischiare tale cifra, […] a fronte a ridotte speranze di elezione. Così anche Alessandro Panza, amico di Salvini da sempre, rinuncerà alla sfida. Idem Marco Campomenosi, già assistente a Bruxelles del medesimo «Capitano».

dino giarrusso a l'aria che tira 3 dino giarrusso a l'aria che tira 3

 

Di segno opposto è invece il problema di Fratelli d’Italia, che punta a triplicare: gli eurodeputati uscenti dovrebbero essere tutti riconfermati. E in questo caso la lotta è per conquistare i molti seggi disponibili in più rispetto a 5 anni fa. Per uno di questi si è fatta avanti anche Rachele Mussolini, […] ipotesi altamente improbabile.

 

Nelle file di Forza Italia addio a Lara Comi, eterna grande promessa la cui carriera sembra essere ormai stroncata dalla condanna a 4 anni e 2 mesi per il caso «Mensa dei poveri». Bis molto difficile per Alessandra Mussolini, che dopo aver annunciato l’addio alla politica nel 2020 per dedicarsi a ballo e tv è rientrata a sorpresa a Bruxelles nel settembre 2022 al posto di Antonio Tajani, incoronato ministro. […] la sua elezione appare complicata […]

PID-DINO GIARRUSSO PID-DINO GIARRUSSO

 

Dino Giarrusso, ex Iena eletta con il M5S grazie a un fuoco di fila contro il Pd, lasciati i grillini ha poi tentato di entrare proprio nel Partito democratico, venendo però vigorosamente respinto. Ora dovrà (ri)trovarsi un lavoro fuori dalla politica.

 

Un fine corsa obbligato, tra i dem, è quello di Andrea Cozzolino, travolto dal «Qatargate». E l’ex sindaco Giuliano Pisapia tornerà in pianta stabile nella sua Milano. Difficile è la rielezione in Europa di Elisabetta Gualmini, che pure vanta residue speranze di correre come governatrice dell’Emilia-Romagna: l’attuale presidente Stefano Bonaccini sarà quasi certamente in pista per Bruxelles, ma dovrebbe incoronare come candidato-successore Vincenzo Colla, oggi suo assessore regionale.

 

LARA COMI LARA COMI

Rischia anche Pina Picierno, già fedelissima di Dario Franceschini che poi ha virato su Bonaccini alle primarie contro Elly Schlein. La segretaria dem ha già piazzato Lucia Annunziata come capolista al Sud e Picierno teme di rimanere schiacciata nella sfida delle preferenze, visto che al Sud i dem potrebbero portare a casa solo 3 eletti. […]

 

Tutti «drammi» politici […] attutiti però da un paracadute economico mica da poco. Ogni uscente che non sarà rieletto riceverà una cifra chiamata «indennità di reinserimento»: un mese (7.500 euro netti) per ogni anno trascorso al Parlamento europeo. E chi ha passato 10 anni a Bruxelles avrà di che consolarsi.

pina picierno pina picierno

DINO GIARRUSSO - INTERVENTO AL PARLAMENTO EUROPEO SUI MIGRANTI DINO GIARRUSSO - INTERVENTO AL PARLAMENTO EUROPEO SUI MIGRANTI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)