AVVISATE MELONI E SALVINI – LA MODIFICA SUGGERITA DA FORZA ITALIA AL DECRETO ANTI-RAVE – “VIETATI I RADUNI SOLO CON SPACCIO E PIÙ DI 100 PERSONE”. E SPUNTA IL NO ALL’APPELLO DEL PM DOPO LE ASSOLUZIONI - COME DAGO-RIVELATO TAJANI E GIANNI LETTA STANNO CERCANDO DI RICOMPORRE LE FRATTURE CHE HANNO SPACCATO FORZA ITALIA E RIPORTARLA VERSO UNA POSIZIONE DI CENTRO, COSÌ FANNO FELICE ANCHE MATTARELLA, PREOCCUPATO DELLA DERIVA DESTRORSA PRESA DAL ''GOVERNO SALVONI''

-

Condividi questo articolo


Da ansa.it

RAVE PARTY MODENA RAVE PARTY MODENA

Si configura il reato di 'Rave-Party' solo se si tratta di una manifestazione con musica e spaccio, alla quale partecipano più di 100 persone (non 50).

 

Queste alcune delle modifiche suggerite da FI nei 14 emendamenti presentati al decreto anti-Rave, ora all'esame della Commissione Giustizia del Senato.

 

In caso di sentenza di assoluzione il Pubblico ministero non potrà più presentare ricorso.

E' quanto prevede un emendamento presentato da Forza Italia al decreto che contiene la norma 'anti-Rave'. La proposta di modifica porta la firma del capogruppo in Commissione Pier Antonio Zanettin. 

 

GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI - UCCELLI DI RAVE - MEME BY CARLI GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI - UCCELLI DI RAVE - MEME BY CARLI

Tra le altre proposte, firmate da Zanettin, ci sono quella di destinare il 50% delle sanzioni ai Comuni per il ripristino del territorio e l'esclusione del reato dal codice antimafia. "Vogliamo evitare che rientrino nella norma anche scuole occupate o manifestazioni sindacali", spiega Zanettin. 

 

Uno dei 14 emendamenti presentati da Forza Italia al decreto contro i 'Rave Party' prevede sostanzialmente il depotenziamento della legge cosiddetta 'Spazzacorrotti' introdotta dal Governo Conte nel 2019. Con la proposta di modifica che porta la firma del capogruppo in Commissione Giustizia del Senato, Pierantonio Zanettin, si punta, infatti, a escludere i reati contro la P.A. dall'elenco di quelli per i quali si vieta la concessione dei benefici, a meno che il condannato non collabori con la giustizia.

RAVE PARTY MODENA RAVE PARTY MODENA meloni berlusconi salvini al quirinale meloni berlusconi salvini al quirinale meloni salvini berlusconi al quirinale meloni salvini berlusconi al quirinale berlusconi meloni salvini alle consultazioni berlusconi meloni salvini alle consultazioni

 

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...

FERMI TUTTI: IL PROGRESSISTA MICHELE SERRA È D’ACCORDO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI – “DAI TEMPI DI TANGENTOPOLI LA SINISTRA HA SPOSATO UNA SPECIE DI SCORCIATOIA GIUDIZIARIA. CIÒ CHE NON POTEVA ESSERE AFFRONTATO POLITICAMENTE TROVAVA UNA INSPERATA SOLUZIONE GIUDIZIARIA” – LA STOCCATA AI COLLEGHI GIORNALISTI ACCUSATI DI VOYEURISMO: “LE INTERCETTAZIONI SONO UNO STRUMENTO DI VIOLENZA MEDIATICA. SE IL COLPEVOLE FINISCE IN GALERA O SPUTTANATO SUI GIORNALI, PER LUI QUELLO È RISCHIO D'IMPRESA. MA SE SUCCEDE ALL'INNOCENTE, QUELLO È UN UOMO MORTO…”

COME MAI TUTTA ‘STA PREMURA PER L’ALGERIA? – IN UN ANNO CI SONO STATE BEN QUATTRO CERIMONIE IN ONORE DELL’AMICIZIA TRA L’ITALIA E IL PAESE AFRICANO: DRAGHI, MELONI E MATTARELLA SONO STATI BEN ATTENTI A INCENSARE IL PRESIDENTE TEBBOUNE. LA CONVENIENZA È RECIPROCA. NOI ABBIAMO UN DRAMMATICO BISOGNO DI GAS E LORO DI ARMI - DITE A MELONI & C. CHE LA GEOPOLITICA EUROPEA VUOLE CHE IL PRIMO ACCORDO DEBBA ESSERE FATTO CON LA FRANCIA E L'ALGERIA NON E' BEN VISTA DALLE PARTI DELL'ELISEO...