SULLE BANCHE ALLA FINE VINCE MARINA BERLUSCONI – L’EMENDAMENTO DEL GOVERNO ALLA TASSA SUGLI EXTRAPROFITTI RIDUCE DI UN TERZO L'INCASSO STIMATO DAL GOVERNO, CHE ORA SI DOVRÀ ACCONTENTARE DI ENTRATE PER 1,5-2 MILIARDI – LE MODIFICHE FAVORISCONO GLI ISTITUTI CHE GESTISCONO IL RISPARMIO, COME MEDIOLANUM, IL GIOIELLINO DELLA FININVEST, CHE VEDE RIDURSI DEL 64% L’“OBOLO” DA VERSARE – SODDISFATTA FORZA ITALIA, CHE HA RITIRATO I SUOI EMENDAMENTI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Andrea Greco per “la Repubblica”

 

GIORGIA MELONI - TASSA SUGLI EXTRAPROFITTI DELLE BANCHE - VIGNETTA DI GIANNELLI GIORGIA MELONI - TASSA SUGLI EXTRAPROFITTI DELLE BANCHE - VIGNETTA DI GIANNELLI

L’emendamento della tassa sugli extraprofitti bancari mitiga fino a un terzo l’incasso stimato dal governo, che aveva messo in campo Giorgia Meloni a metà agosto per drenare i «margini ingiusti» degli istituti dopo tanti rialzi di tassi Bce. Ma il lavoro estivo della lobby, di sponda con l’ala più liberale della maggioranza (Forza Italia), ha colto nel segno. Ne era indizio il fatto che il partito fondato da Silvio Berlusconi, i cui i eredi hanno quote rotonde Ain Banca Mediolanum, ha ritirato i suoi emendamenti.

 

E lo prova una mezza dozzina di commenti degli operatori, che ieri hanno benedetto la norma rivista, propiziando acquisti sul settore. In un listino cedente, con l’Euro Stoxx bancario sotto dello 0,60%, Banco Bpm è salita del 2%, Mps +0,87%, Fineco +0,73%, Mediobanca +0,45%, Banca Mediolanum +0,17%.

 

Se le banche ridono vuol dire che il governo incasserà meno: il coro degli operatori stima dal 15% al 33% di minori introiti, tra 1,5 e 2 miliardi in tutto. Benché nessuna stima sia stata formalizzata, il Tesoro e Palazzo Chigi erano partiti alti, oltre i 3 miliardi, sperando di planare a 2,5.

 

IMPATTO STIMATO SULLE BANCHE DELLA TASSA SUGLI EXTRA PROFITTI - LA PREPUBBLICA IMPATTO STIMATO SULLE BANCHE DELLA TASSA SUGLI EXTRA PROFITTI - LA PREPUBBLICA

La principale novità degli emendamenti, aggiunti dal governo al decreto Asset da rendere legge per l’8 ottobre, è il nuovo calcolo del tetto massimo, prima posto allo 0,1% degli attivi 2022, mentre ora sarà lo 0,26% degli “attivi ponderati di rischio”. La ponderazione è la quota di capitale allocato a fronte delle varie attività, in percentuale maggiore per impieghi come credito e partecipazioni, mentre è zero sui titoli di Stato. Così il governo non si fa male da solo, visto che le banche patrie hanno 400 miliardi in Btp.

 

La seconda novità è l’opzione di non pagare la tassa se si destina due volte e mezzo il suo importo teorico a riserva di capitale: ma la banca che in futuro volesse redistribuire quella riserva ai soci pagherebbe imposta più interessi. L’opzione potrebbe attrarre, stimano gli operatori, le banche con poco capitale, o quelle che non daranno dividendi nel 2023.

 

IL BACIO TRA GIORGIA MELONI E MARINA BERLUSCONI IL BACIO TRA GIORGIA MELONI E MARINA BERLUSCONI

[…] Deutsche Bank […] stima per le 12 banche quotate 1,67 miliardi di tassa, se tutte intendessero pagarla anziché capitalizzare gli utili; ed è il 33% meno delle stime iniziali dell’ufficio studi tedesco. Deutsche Bank specifica che la somma riguarda solo l’universo quotato (il 75% del mercato), e altri 3-400 milioni potrebbero arrivare dalle banche minori, non quotate e che, anche avendo patrimoni meno solidi, sarebbero più tentate di accantonare gli utili. […]

 

I più favoriti dalla revisione della tassa (hanno abbastanza titoli di Stato ma non erogano credito), sono i gestori del risparmio, che vedono ridursi del 58% l’esborso stimato. Banca Mediolanum, di cui Fininvest è secondo socio col 30,12%%, vedrebbe calare l’obolo a 30 milioni, il 64% in meno stima Deutsche Bank, il 79% in meno per Ubs.

marina berlusconi 1 marina berlusconi 1 meloni tajani meloni tajani

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…