BOMBA O NON BOMBA - PUTIN NON PUÒ INIZIARE LA TERZA GUERRA MONDIALE SEMPLICEMENTE PREMENDO UN PULSANTE ROSSO SULLA SUA SCRIVANIA AL CREMLINO. SE DECIDE DI LANCIARE UN ATTACCO, L'ORDINE DEVE PASSARE ATTRAVERSO ALMENO TRE LIVELLI DI CONTROLLI MESSI IN ATTO PER PREVENIRE IL LANCIO ACCIDENTALE O NON AUTORIZZATO DI MISSILI NUCLEARI. È POSSIBILE CHE PUTIN POSSA SORPRENDERE L'OCCIDENTE USANDO I SUOI RAZZI ISKANDER CAPACI DI COLPIRE VARSAVIA O STOCCOLMA CON UNA TESTATA OTTO VOLTE PIÙ DISTRUTTIVA DELLA BOMBA DI HIROSHIMA. QUELLO CHE NON SAPPIAMO È SE LE VECCHIE TESTATE ATOMICHE RUSSE FUNZIONANO ANCORA…

-

Condividi questo articolo


Mark Almond per il Daily Mail - https://www.dailymail.co.uk/debate/article-11236635/Mark-Almond-good-news-Putin-start-WW3-just-jabbing-button-desk.html

 

PUTIN DISCORSO ALLA NAZIONE 1 PUTIN DISCORSO ALLA NAZIONE 1

Vladimir Putin non potrebbe essere più chiaro. "Non sto bluffando", ha detto, in relazione alla sua minaccia di passare al nucleare. Ma lo è? E ne consegue automaticamente che l'Armageddon si sarebbe sviluppato se Putin avesse lanciato le prime bombe nucleari che il mondo avesse visto dal 1945?

 

La buona notizia è che Putin non può iniziare la terza guerra mondiale semplicemente premendo un pulsante rosso sulla sua scrivania al Cremlino. Se decide di lanciare un attacco, l'ordine deve passare attraverso almeno tre livelli di controlli messi in atto per prevenire il lancio accidentale o non autorizzato di missili nucleari.

VLADIMIR PUTIN ALLE ESERCITAZIONI MILITARI VOSTOK VLADIMIR PUTIN ALLE ESERCITAZIONI MILITARI VOSTOK

 

Prima di raggiungere i silos nucleari, i siti di lancio mobili e i sottomarini, il suo comando sarebbe passato attraverso tre uomini: il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e il capo delle forze missilistiche nucleari russe, Sergei Karakayev.

 

Anche dopo aver percorso questa catena di comando, i lanci non sarebbero seguiti all'istante.

L ESERCITAZIONE MILITARE VOSTOK 2022 L ESERCITAZIONE MILITARE VOSTOK 2022

 

A meno che non ci sia stato un cambiamento nei protocolli standard da quando la Russia ha invaso l'Ucraina, ci sarebbe un intervallo di 20 minuti tra ogni trasmissione dal "calcio nucleare" [il Cheget] contenente i codici necessari per trasmettere l'ordine di lancio e le informazioni sul bersaglio, a consentire alle truppe nucleari di verificare che sia effettivamente autorizzato.

 

vladimir putin giornata della marina russa vladimir putin giornata della marina russa

Queste salvaguardie sono vitali date le dimensioni delle scorte nucleari russe. Si stima che siano 5.977 testate nucleari, le più grandi del mondo, immagazzinate principalmente in 12 depositi in tutta la Russia. Di questi, si pensa che 1.500 siano pronti per essere lanciati.

 

Prima della guerra in Ucraina, Putin si vantava che il sistema di difesa missilistica americano non sarebbe stato in grado di fermare i suoi nuovi missili ipersonici. In pratica, tuttavia, le armi che più probabilmente utilizzerà sono missili tattici più piccoli in grado di colpire paesi vicini come l'Ucraina o i vicini stati della Nato.

vladimir putin vladimir putin

 

Questi sono immagazzinati in gran parte nella Russia "europea" e nell'exclave di Kaliningrad, tra Polonia e Lituania. Tra questi c'è il missile da crociera a lungo raggio Kalibr, che potrebbe raggiungere Londra. È possibile che Putin possa sorprendere l'Occidente usando i suoi razzi Iskander a corto raggio per lanciare missili con una testata atomica. Se sparato da un lanciatore montato su camion in territorio russo, anche l'Iskander potrebbe colpire Varsavia o Stoccolma con una testata otto volte più distruttiva della bomba di Hiroshima.

 

DISASTRO NUCLEARE DISASTRO NUCLEARE

Infine, Putin ha i suoi classici missili balistici intercontinentali, basati su silos nella Siberia occidentale. Potevano facilmente raggiungere Londra o Washington.

 

Quello che non sappiamo è se le vecchie testate atomiche russe funzionano ancora. Mentre la Russia ha testato i missili che porterebbero le testate nucleari, i trattati di messa al bando dei test significano che né l'America né la Russia hanno effettivamente fatto esplodere un'arma nucleare per decenni.

 

PUTIN RISCHIO BOMBA ATOMICA PUTIN RISCHIO BOMBA ATOMICA

Data la sofisticatezza delle capacità di intercettazione dei nostri servizi di sicurezza, nessun attacco nucleare russo verrebbe fuori dal nulla. Per lanciare migliaia di missili e bombardieri servirà una bufera di ordini elettronici e questi verrebbero intercettati dall’intelligence dell'Occidente.

 

Inoltre, le immagini satellitari spia delle coperture di cemento e acciaio degli enormi bunker di stoccaggio nucleare sotterranei che vengono ritirati, i sottomarini che prendono il mare e i bombardieri strategici russi che si spostano sulle piste ci darebbero tutti un preavviso di un'offensiva. In effetti, sarebbe ragionevole presumere che in Occidente avremo, se non i dieci minuti di preavviso dei cliché popolari, forse fino a un'ora per prepararci.

Bomba atomica ipersonica Bomba atomica ipersonica

 

Non che ci sia molto che potremmo fare per capitalizzare su questo in termini di salvare vite umane. Anche se avessimo una rete di bunker sotterranei nelle nostre città, la realtà è che se il governo aspettasse fino a quando non ci fossero prove evidenti di un lancio di missili da parte della Russia, sarebbe troppo tardi per le persone per disperdersi in luoghi di sicurezza.

 

Date le circostanze, è probabile che qualsiasi avviso pubblico non produca altro che un panico di massa. Questo è il motivo per cui i governi occidentali hanno riposto la loro fiducia nella deterrenza nucleare piuttosto che nei piani di emergenza e perché credo che probabilmente continueranno a fare lo stesso, concentrando i loro sforzi nel persuadere Putin a tirarsi indietro piuttosto che sullo sviluppo di un sistema di allerta pubblico .

BOMBA ATOMICA A HIROSHIMA BOMBA ATOMICA A HIROSHIMA

 

Lo scenario peggiore, ovviamente, è che accada l'impensabile: aree del Regno Unito vengono distrutte, la popolazione decimata, il governo vaporizzato. Per quanto agghiacciante sia immaginare, sono stati fatti piani anche per questo. Il comando delle nostre forze armate sarebbe stato devoluto al Canada o all'America.

 

Ma a meno che Putin non abbia intenzione di suicidarsi, la minaccia di un devastante attacco atomico dovrebbe indurre chiunque al Cremlino a pensarci due volte prima di attaccare il Regno Unito, il che significa che l'ammutinamento nella sua cerchia ristretta sarebbe del tutto possibile.

 

Tuttavia, non possiamo fidarci delle promesse di Putin. Dovremmo prendere sul serio le sue minacce.

 

Condividi questo articolo

politica

VAI AVANTI TU CHE A ME VIENE DA RIDERE – MENTRE PER GLI ITALIANI È IN ARRIVO UNA MAXI-STANGATA SULLE BOLLETTE DA 2.942 EURO SU BASE ANNUA A FAMIGLIA, LA MELONI PREFERISCE MANDARE DRAGHI A TRATTARE A BRUXELLES SUL GAS - LA "DRAGHETTA" GIURERÀ DOPO IL CONSIGLIO EUROPEO DEL 20-21 OTTOBRE SULL'ENERGIA (L'ITALIA SARÀ RAPPRESENTATA DAL PREMIER USCENTE). AL COLLE NON DISPIACE QUESTA SOLUZIONE. MA PER LA MELONI IL PROBLEMA E’ L'ASSE GERMANIA-FRANCIA CHE TAGLIA FUORI L'ITALIA MALDESTRA

ECCO COSA C’E’ DIETRO IL NO DELLA MELONI A LICIA RONZULLI MINISTRO – CECCARELLI SCODELLA UN SAPIDO RITRATTONE DELL’INFERMIERA DEL BANANA CANDIDATA A GUIDARE IL MINISTERO DELLA SANITA’ (MA LEI SMENTISCE): DALLA FOTO IN CUI ALLATTAVA A STRASBURGO ALLA TESTIMONIANZA A PROPOSITO DI IDOLETTI DELLA FERTILITÀ ACCOLTI A GIROTAVOLA DURANTE LE CENE A VILLA SAN MARTINO - “NEI GIORNI CONCITATI DEL QUIRINALE TRA RONZULLI E MELONI QUALCOSA DI STORTO DEVE ESSERSI VERIFICATO. E UN NO PRIMA ANCORA DI COMINCIARE È GIÀ UN NO CHE VALE PER IL FUTURO”