BOOM! DRAGHI CONVOCA A SORPRESA UN CONSIGLIO DEI MINISTRI CON ALL’ORDINE DEL GIORNO “COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE”. TRADOTTO: UN AVVERTIMENTO DI “MARIOPIO” AI PARTITI, CHE UN GIORNO SÌ E L’ALTRO PURE STREPITANO, SI AGITANO, MINACCIANO DI FAR CADERE IL GOVERNO - IL PREMIER SI È ROTTO LE PALLE: L'ITALIA RISCHIA DI PERDERE I 200 MILIARDI DEL RECOVERY PLAN, E LUI LA FACCIA - FARÀ UN ULTIMATUM ALLE FORZE DI MAGGIORANZA, DEL TIPO: COSÌ NON SI VA AVANTI. SE NON VI FA COME DICO IO, ME NE TORNO AI GIARDINETTI DI CITTÀ DELLA PIEVE. SARÀ L’ULTIMA VOLTA CHE FA UN AVVERTIMENTO DEL GENERE?

Condividi questo articolo


Monica Guerzoni per www.corriere.it

 

discorso di mario draghi al parlamento europeo strasburgo 2 discorso di mario draghi al parlamento europeo strasburgo 2

La pazienza di Mario Draghi è finita. Alle cinque della sera di giovedì il capo del governo ha convocato a sorpresa il Consiglio dei ministri del tutto fuori programma, scatenando il panico nella sua (litigiosa) maggioranza . «All’ordine del giorno comunicazioni del presidente», recita l’algido bollettino di Palazzo Chigi, che ha fatto suonare l’allarme rosso nei palazzi del Parlamento e nelle segreterie delle forze di maggioranza.

 

Che succede? Succede che i 200 miliardi del Pnrr sono a rischio e il premier non vuole perdere la faccia (e la borsa) in Europa. La colpa è dei partiti, che bloccano l’esame del decreto concorrenza, mettendo a rischio i fondi del Recovery a cui sta appeso il futuro del nostro Paese dopo la pandemia e la crisi innescata dal conflitto in Ucraina. «Così non si va avanti» è pronto a scandire il suo ultimatum Draghi, stufo delle ripicche e degli strattonamenti delle forze politiche.

MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI

 

E questa volta, che potrebbe essere l’ultima, nel mirino del premier non c’è Conte, ma Salvini. Il leader della Lega lunedì uscendo da Palazzo Chigi dopo il faccia aa faccia con il presidente aveva detto «troveremo un accordo» sui balneari. Ma il provvedimento, che doveva vedere il primo voto prima di Pasqua, è ancora bloccato nella commissione Industria del Senato.

 

salvini putin conte salvini putin conte

La goccia di un secchio già stracolmo è stato il comunicato congiunto con cui i capigruppo di Lega e Forza Italia, Massimiliano Romeo e Anna Maria Bernini, hanno chiesto «ulteriori approfondimenti sul tema delle concessioni balneari per arrivare a un testo condivisibile e quindi condiviso». Ma il tempo delle discussioni e delle bandierine per Palazzo Chigi è scaduto e se i partiti non ritrovano il senso di responsabilità, potrebbe aprirsi il tempo della crisi di governo.

L INCONTRO TRA SANNA MARIN E MARIO DRAGHI VISTO DA OSHO L INCONTRO TRA SANNA MARIN E MARIO DRAGHI VISTO DA OSHO mario draghi mario draghi

 

Condividi questo articolo

politica

“SGHEI” PRIDE! – DOPO LA TRAGEDIA DEL PONTE MORANDI, A GENOVA È NATO UN NUOVO SISTEMA DI POTERE, BASATO SU UNA VALANGA DI SOLDI ARRIVATI DALL’ITALIA E DALL’EUROPA – FERRUCCIO SANSA, EX GIORNALISTA E CONSIGLIERE REGIONALE DI OPPOSIZIONE: “6 MILIARDI, FORSE IN FUTURO ADDIRITTURA 8, PER REALIZZARE OPERE, MA SOPRATTUTTO PER CEMENTARE UN SISTEMA DI POTERE. PER COSTRUIRE E COMPRARE CONSENSO. IL MODELLO GENOVA ESISTE, HA RAGIONE BUCCI. MA NON È QUELLO CHE PROPINA LUI" - GLI SPOT CON LA CANALIS, LE MAGLIETTE E LA CAMPAGNA ELETTORALE