CALENDA, MA ‘NDO CAZZO VAI? - SENZA IL SIMBOLO DI +EUROPA, AZIONE DEVE RACCOGLIERE LE FIRME PER CORRERE ALLE ELEZIONI: 750 PER OGNI COLLEGIO, QUINDI 36.750 PER LA CAMERA E 19.500 PER IL SENATO; IN TOTALE 56.250 ENTRO IL 22 AGOSTO - OPPURE DEVE LEGARSI MANI E PIEDI A RENZI E ANDARE AL VOTO SOTTO IL CAPPELLONE DI ITALIA VIVA - ANCHE SE CALENDA E’ CONVINTO DI NON DOVER RICORRERE ALLE FIRME PERCHÉ AZIONE, QUANDO SI CHIAMAVA "SIAMO EUROPEI", HA OTTENUTO L'ELEZIONE DEL CHURCHILL DEI PARIOLI ALLE EUROPEE - SOLO CHE QUEL SIMBOLO NON È MAI STATO ATTESTATO E L'INTERPRETAZIONE DEI COSTITUZIONALISTI È INCERTA…

-

Condividi questo articolo


1 - PROVE DI TERZO POLO RENZI A CALENDA "FAI TU IL LEADER" MA C'È IL NODO FIRME

Estratto dell’articolo di Lorenzo De Cicco per “la Repubblica”

 

carlo calenda a mezzora in piu 3 carlo calenda a mezzora in piu 3

[…] il simbolo di Italia Viva a Calenda potrebbe servire, eccome. Senza +Europa, Azione deve raccogliere le firme in una settimana in tutti i collegi dello Stivale. Non è impresa facile. Fino a ieri sera, nell'entourage dell'ex ministro spiegavano che la raccolta ci sarà, anche se non è indispensabile: «La legge ci esenta - è la versione dei calendiani - perché Azione, quando si chiamava "Siamo Europei", ha ottenuto l'elezione di Calenda alle Europee». Ma quel simbolo non è mai stato attestato e l'interpretazione dei costituzionalisti (vedi Giovanni Guzzetta) è incerta.

 

carlo calenda enrico letta carlo calenda enrico letta

Il rischio che non venga riconosciuto dall'ufficio elettorale c'è. Si scoprirebbe alla presentazione delle liste e, andasse male, significherebbe game over. Ecco perché, «in via cautelativa», dicono in Azione, «raccoglieremo comunque le sottoscrizioni». Ieri Calenda ha riunito d'urgenza tutti i direttivi provinciali, per metterli sul chi va là: ci sarà una mobilitazione tra 48 ore. C'è un altro ostacolo: per raccogliere le firme, serve l'elenco dei candidati, regione per regione. Vorrebbe dire trovare l'accordo su tutti i nomi entro dopo domani. Non è cosa da poco, per un partito ancora in gestazione.

CARLO CALENDA - BENEDETTO DELLA VEDOVA CARLO CALENDA - BENEDETTO DELLA VEDOVA

 

Ma c'è una ragione tattica, nella mossa: se ci riuscisse, Calenda avrebbe le mani libere. Potrebbe correre in solitaria («Il tema di Renzi ora non si pone», dicevano ieri i suoi). O potrebbe chiedere di dar vita non a una lista unica con Iv, ma a una coalizione. Un cartello in cui ognuno gareggia per sé. E chi scavalla il 3% va in Parlamento. L'ipotesi coalizione a Renzi piace poco. Ai suoi, ancora di meno. […]

 

carlo calenda emma bonino carlo calenda emma bonino

2 - CALENDA RICAMBIA IDEA: ROMPE COL PD E LASCIA LETTA IN MUTANDE

Estratto dell’articolo di Tommaso Rodano per il “Fatto quotidiano”

 

[…] Ora per il lib-dem dei Parioli si apre una partita complessa. Lasciando il Pd, Calenda perderà Emma Bonino. Oggi si riunisce la direzione di +Europa, ma la sentenza pare scritta: "C'è sorpresa e rammarico - ha detto il presidente, Riccardo Magi - avremmo dovuto decidere insieme e non è stato così". Il bluff di Calenda è debole: "Era chiaro, nel nostro patto, che ci sarebbero state altre liste, infatti era stata inserita quella clausola di non candidatura dei leader".

renzi calenda renzi calenda

 

Senza i radicali e il loro simbolo, per Calenda si pone la questione serissima della raccolta firme per partecipare alle elezioni (da cui sono esentati i partiti già in Parlamento, come +Europa): ne servono 750 per ogni collegio, quindi 36.750 per la Camera e 19.500 per il Senato; in totale 56.250 entro il 22 agosto. Altrimenti può allearsi con Matteo Renzi e correre con l'insegna di Italia Viva. Non a caso l'ex premier ha detto ai suoi di tenere un profilo basso e di aspettare. Per l'ambizioso Calenda sarebbe un'umiliazione politica letale.

 

3 - LA MISSIONE INUTILE DI RICHETTI AL LIDO E I DEM GIÙ DAL PERO

Estratto dell’articolo di Tommaso Rodano per il “Fatto quotidiano”

 

CARLO CALENDA CON EMMA BONINO CARLO CALENDA CON EMMA BONINO

[…] Ora si guarda con rancore, ma pure una dose di ironia, ai prossimi passi di Calenda.

L'ex ministro ritiene di poter evitare la raccolta firme, in quanto parlamentare europeo, ma paradossalmente a Bruxelles ci è andato proprio sotto le insegne del Partito democratico (anche se nel logo era stata aggiunta l'insegna del gruppo "Siamo europei"). La vera curiosità è capire se si celebrerà il controverso matrimonio con Matteo Renzi. A rigor di sondaggi no: Renzi è impopolarissimo non solo presso l'elettorato dem, ma pure nel resto di quello moderato. Se andasse con lui Calenda si salverebbe dalla raccolta firme, ma forse perderebbe definitivamente la faccia.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…