LA CAMPAGNA ELETTORALE DI ROBERTA METSOLA: "SONO CON LE FORZE PRO UE" - DOMANI ARRIVA A ROMA LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO UE CHE POTREBBE SFIDARE URSULA VON DER LEYEN PER LA GUIDA DELLA COMMISSIONE - LA MALTESE CERCHERA’ IL SOSTEGNO DI GIORGIA MELONI, E INFATTI ALLISCIA L’ACCORDO TRA ITALIA E ALBANIA SUI MIGRANTI (“BENE PARLARE CON PAESI TERZI”) - LA MANO TESA A SALVINI CHE L’AVEVA CRITICATA ("RIPROPONE L'INCIUCIO CON LE SINISTRE"): “LAVORO MOLTO BENE CON TUTTI I DEPUTATI ITALIANI DA QUALSIASI GRUPPO POLITICO PROVENGANO”

-

Condividi questo articolo


ROBERTA METSOLA GIORGIA MELONI ROBERTA METSOLA GIORGIA MELONI

METSOLA, 'IO CON PRO-UE. SALVINI? SONO QUI PER UNIRE'

(ANSA) - ROMA, 05 DIC - "L'errore fatto nelle passate campagne elettorali sull'immigrazione è che non ne abbiamo veramente mai discusso, perché temevamo di perdere quel centro europeo che è così fragile. La mia risposta a ogni populismo è una legge completa ed equilibrata". Così, al Corriere della Sera, la presidente del Parlamento Ue Roberta Metsola, in viaggio in Italia.

 

ROBERTA METSOLA GIORGIA MELONI ROBERTA METSOLA GIORGIA MELONI

"Dal punto di vista del Parlamento europeo - aggiunge - siamo molto soddisfatti di essere riusciti a sbloccare uno stallo che durava da anni. Il fatto che ci sia una maggioranza in Consiglio che auspicabilmente porterà a un accordo è la risposta a quei cittadini europei che nelle elezioni del 2019 misero le migrazioni in cima alle loro preoccupazioni. Tenendo conto di come le forze estremiste hanno sfruttato il tema a loro vantaggio, ha senso per noi discuterne oggi apertamente".

 

roberta metsola giorgia meloni roberta metsola giorgia meloni

Rispetto all'accordo Italia-Albania, Metsola commenta: "Se possiamo trovare soluzioni che comprendono il completamento delle richieste di asilo fuori dai confini dell'Ue, dobbiamo prenderle in considerazione. Saremo in grado di valutare questo accordo quando verrà implementato". Parlando di Ucraina "il meglio che possiamo fare è che la prossima settimana il Consiglio europeo mandi un forte segnale politico, aprendo la strada a negoziati formali di adesione con Kiev".

 

Ci sarà un'alleanza tra popolari e conservatori dopo le elezioni? "Continueremo a lavorare con le forze pro europee anche nel prossimo Parlamento". Quella di Salvini "non l'ho presa come una critica. Ho ottimi rapporti con tutti gli europarlamentari italiani, di tutti gli schieramenti politici. Vengo in Italia con il messaggio di unire le persone, di avvicinare l'Europa ai cittadini".

 

METSOLA A SALVINI, 'IL MIO UN MESSAGGIO PRO EUROPEISTA'

roberta metsola giorgia meloni 1 roberta metsola giorgia meloni 1

 (ANSA) - CATANZARO, 05 DIC - "La risposta è chiara. Sono qua come presidente del Parlamento europeo, volevo venire al Sud d'Italia per fare un appello ai cittadini italiani a partecipare alle elezioni di giugno. E' un messaggio pro europeista che vuole che noi per i 5 anni che vengono scegliamo la direzione dell'Europa. Quando dico questo significa trovare delle soluzioni sull'immigrazione, sull'ambiente, sulla politica digitale. Su questo lavoro molto bene con tutti i deputati italiani da qualsiasi gruppo politico provengano". Così la presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola rispondendo a Salvini per il quale "ripropone l'inciucio con le sinistre".

 

emmanuel macron giorgia meloni xavier bettel roberta metsola emmanuel macron giorgia meloni xavier bettel roberta metsola

METSOLA, 'INTESA ITALIA-ALBANIA? BENE PARLARE CON PAESI TERZI'

 (ANSA) - CATANZARO, 05 DIC - L'intesa tra Italia e Albania in tema di migranti, "non è qualcosa che cade dalla competenza europea perché è un accordo tra un Paese membro ed uno terzo. Quello che voglio dire è che sull'immigrazione noi non dobbiamo parlare solo con noi stessi ma anche con dei Paesi terzi, vicini, con i quali parlare di investimenti, sviluppo ma anche dei flussi e dell'aiuto che possiamo fare insieme per evitare più perdite di vita nel mare".

 

A dirlo la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola parlando con i giornalisti a Catanzaro. "Io - ha aggiunto - vengo da un'isola al centro del Mediterraneo e 10 anni fa il Papa ha detto che questo mare è il più grande cimitero del mondo e se noi possiamo fare anche dal sud per trovare delle soluzioni, saluto gli sforzi del governo italiano.

MATTEO SALVINI A FIRENZE 3 MATTEO SALVINI A FIRENZE 3

 

Noi abbiamo 5 proposte legislative che questa settimana discuteremo a Bruxelles e spero riusciremo a trovare delle maggioranze e sono ottimista con cautela. Se possiamo anche trovare la possibilità di avere una politica con i nostri vicini, una politica di ritorno che è più efficace, una politica di solidarietà, di protezione, allora possiamo dire ai nostri cittadini, quando andremo al voto, che abbiamo trovato delle soluzioni legislative e anche politiche".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP