LE CANCELLERIE EUROPEE HANNO MESSO NEL MIRINO LA PRESIDENTE DELLA BCE, CHRISTINE LAGARDE, CHE FA TREMARE GLI SPREAD OGNI VOLTA CHE PARLA – ANCHE MACRON, SUO DANTE CAUSA, L'HA CHIAMATA PER RIFARLE LA MESSA IN PIEGA – I TEDESCHI SULLA LINEA DRAGHI: PER ABBASSARE L’INFLAZIONE SERVE IL TETTO AL PREZZO DEL GAS – L’UNICO IN GRADO DI FAR SEDERE AL TAVOLO DEI NEGOZIATI PUTIN È PAPA FRANCESCO (ECCO IL MOTIVO DELLE SUE DICHIARAZIONI CONTRO LA NATO) - IL CANALE DIPLOMATICO TRA PAROLIN E LAVROV - CRESCE L'INSOFFERENZA DEI CITTADINI EUROPEI PER ZELENSKY CHE CON ARROGANZA PRETENDE CHE L'OCCIDENTE LO ASSECONDI IN TUTTO: IL SONDAGGIO RISERVATO

Condividi questo articolo


DAGONEWS

CHRISTINE LAGARDE CHRISTINE LAGARDE

Abbassare la cresta e la cofana a Christine Lagarde! È questo l’obiettivo delle cancellerie europee dopo le improvvide dichiarazioni della presidente della Bce sullo stop al quantitative easing e l’aumento dei tassi. Sono in molti infatti a credere che le decisioni della testa argentata con la passione per i tailleur Chanel non servano a niente, se non a buttare ulteriore benzina sul fuoco degli euro-populisti.

 

È intervenuto anche il suo dante causa Emmanuel Macron, che l’ha chiamata e le ha rifatto la messa in piega. Christine ha provato ad arrampicarsi sugli specchi, sostenendo che non è sola, ma che ci sono molti paesi in Ue che invocano una stretta monetaria. Ma il toyboy dell’Eliseo l’ha rimessa subito a posto, ricordando il “whatever it takes” di Draghi. Il senso del ragionamento del portaborsette di Brigitte è: “Fai come Mario. Se ti rompono i coglioni, esercita la tua leadership e convincili”.

christine lagarde mario draghi 1 christine lagarde mario draghi 1

 

Anche a Berlino serpeggia profonda preoccupazione. In Germania hanno bene in mente le immagini dei rotoli di marchi che servivano per comprare un pacchetto di sigarette, al tempo della Repubblica di Weimar. L’inflazione al 7,5% fa venire gli incubi a Scholz, che però da par suo non è convinto che la strada giusta sia quella invocata da Christine Lagarde.

 

URSULA VON DER LEYEN OLAF SCHOLZ MARIO DRAGHI URSULA VON DER LEYEN OLAF SCHOLZ MARIO DRAGHI

Il cancelliere tedesco guarda con più favore al piano Draghi, che prevede un “price cap” al gas: l’idea di fondo è che, se l’onda inflattiva è generata principalmente dall’aumento del prezzo dell’energia, per contenerla basta imporre un tetto al costo del metano. “Mariopio” è profondamente contrario all’aumento del costo del denaro, che rischia di generare innanzitutto un pesante contraccolpo al sistema economico europeo.

 

EMMANUEL MACRON CHRISTINE LAGARDE EMMANUEL MACRON CHRISTINE LAGARDE

Non a caso ha mandato avanti il suo fedele consulente (e amico personale) Francesco Giavazzi, che ha fatto una lezione di economia alla Lagarde: “Lo spread e l'aumento dei tassi d'interesse ridurranno non subito, ma tra qualche mese, la domanda privata.

 

La Bce promette di alzare i tassi per rispondere all'aumento dell'inflazione con uno strumento sbagliato. Noi non abbiamo una inflazione da domanda come negli Usa ma abbiamo una inflazione legata al prezzo del gas. Quindi a fronte della riduzione della domanda privata dei prossimi mesi dobbiamo accelerare il Pnrr".

Giavazzi Draghi Giavazzi Draghi

 

Dopo la chiamata dell’Eliseo e le parole di Giavazzi, Lagarde ha capito l’antifona e ha provato a correre ai ripari mitigando le sue dichiarazioni, aprendo alla possibilità di uno “scudo anti-spread” e annunciando per oggi una vertice straordinario del direttivo della Bce.

 

La stretta annunciata dalla Banca centrale si inserisce in un contesto nefasto per l’UE, anche dal punto di vista politico: nelle ultime settimane Viktor Orban la sta spuntando su tutti i dossier principali, con la sua linea sempre più morbida verso Putin. E anche i cittadini iniziano a essere stufi dello schiacciamento su Kiev dell’Unione.

 

vladimir putin viktor orban 4 vladimir putin viktor orban 4

Secondo un sondaggio riservato, commissionato dalla grande banca francese Société générale, che ha intervistato un campione di cittadini in tutto il continente, più della metà degli europei, maciullati dai rincari sulle bollette e dai timori per il futuro, dopo una fase di grande convinzione, è contraria alle sanzioni alla Russia.

 

PUTIN BERGOGLIO PUTIN BERGOGLIO

A questo “sentiment” ha contribuito anche l’atteggiamento di Zelensky, che con la sua insistenze e pervicacia pretende di orientare le decisioni degli stati membri, e soprattutto dei suoi cittadini, a favore dell’Ucraina. Non è un caso che nelle ultime settimane lo stesso Biden abbia gradualmente preso le distanze dall’ex comico, e il guerrafondaio Stoltenberg, segretario generale della nato, abbia smesso di abbaiare contro “Mad Vlad” con le sue dichiarazioni infiammabili.

 

mario draghi emmanuel macron mario draghi emmanuel macron

Intanto però vanno avanti i negoziati: i veri canali diplomatici con la Russia li sta intrattenendo il Vaticano. Le dichiarazioni di Papa Francesco su Mosca, la Nato e contro il manicheismo buoni-cattivi, non sono casuali. Putin infatti rispetta molto Bergoglio, che non l’ha mai attaccato personalmente e ha sempre cercato con i suoi ragionamenti di sfilettare la complessità all’origine del conflitto.

 

I fili del dialogo sotterraneo in questo momento li tengono il segretario di stato Parolin e il ministro degli esteri russo Lavrov, in triangolazione con gli Usa. Macron, ancora presidente di turno dell’Ue, vuole a tutti i costi sedersi al tavolo delle trattative: le date da segnarsi in rosso sul calendario sono il 24 e il 25 giugno, quando ci sarà l’ultimo consiglio europeo guidato dalla Francia. “Mounsier arrogance” vuole dare un’accelerata per avere qualche risultato concreto (o apparentemente tale) prima del termine del semestre, e in quell’occasione potrebbero arrivare delle importanti novità.

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

christine lagarde 1 christine lagarde 1

PAPA BERGOGLIO E VLADIMIR PUTIN PAPA BERGOGLIO E VLADIMIR PUTIN Putin e il Papa lo scorso novembre Putin e il Papa lo scorso novembre BERGOGLIO PUTIN PADRE GEORG BERGOGLIO PUTIN PADRE GEORG

URSULA VON DER LEYEN VOLODYMYR ZELENSKY URSULA VON DER LEYEN VOLODYMYR ZELENSKY

URSULA VON DER LEYEN VOLODYMYR ZELENSKY URSULA VON DER LEYEN VOLODYMYR ZELENSKY

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

FLASH! - STRANE COPPIELETTERA43 SI È OCCUPATA DELL’OSCURA STORIA AMBIENTATA A CATANIA NEL MONDO DELLA FILIERA DI FORNITURA DELLA RETE - INCHIESTA CHE HA PORTATO AI DOMICILIARI DOMENICO LOMBARDO, COGNATO DI SALVATORE TURRISI, NUMERO 1 DI SIELTE, SOCIETÀ CHE SI OCCUPA DI IMPIANTI TELEFONICI - SORPRESA: CHI SPUNTA, COME UN CONIGLIO DAL CILINDRO, PER DIFENDERE L’IMMAGINE DELL’AZIENDA (E DI TURRISI)? L’INARRESTABILE PIERRE E LOBBISTA FRANCESCA IMMACOLATA CHAOUQUI, CHE DA TEMPO SEGUE SIELTE…