CARLETTO, FACCE RIDE! – CON SGUARDO CONVINTO E MODI SPICCI CARLO CALENDA RIESCE A CONTRADDIRSI NEL GIRO DI POCHI SECONDI! - IL “CHURCHILL DEI PARIOLI”: “QUANDO UNO INIZIA PENSANDO DI AVER LA VITTORIA IN TASCA, NORMALMENTE FINISCE ANDANDOSENE A CASA". POI, POCO DOPO, CON L'EGO GONFIO: "NOI LA PARTITA LA VINCIAMO"  – SARÀ, INTANTO LO SCARICA PURE OSCAR GIANNINO - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Da “il Giornale”

 

carlo calenda 2 carlo calenda 2

«I recenti sviluppi politici, vale a dire l'adesione di Azione+Europa alla coalizione di centro sinistra rendono superato ed inutile il Comitato di Garanzia, il cui presidente Giuseppe Benedetto (che ringraziamo per l'impegno) si è già dimesso.

 

Pertanto anche Silvia Enrico, Alessandro De Nicola e Oscar Giannino di ALI, che hanno generosamente messo a disposizione del Comitato il loro tempo e la loro competenza, hanno rassegnano le loro dimissioni».

 

OSCAR GIANNINO OSCAR GIANNINO

Lo scrive in un comunicato la Direzione Nazionale di Alleanza Liberal-democratica per l'Italia, ALI per Fermare il Declino. Nei giorni scorsi aveva lasciato Giuseppe Benedetto, presidente della Fondazione Luigi Einaudi, non condividendo la scelta di Calenda di allearsi con il Pd, invece di lavorare per la creazione di un terzo polo moderato di ispirazione liberale.

carlo calenda 1 carlo calenda 1 OSCAR GIANNINO RICORDA CONTE OSCAR GIANNINO RICORDA CONTE CARLO CALENDA NICOLA FRATOIANNI CARLO CALENDA NICOLA FRATOIANNI carlo calenda 3 carlo calenda 3 OSCAR GIANNINO OSCAR GIANNINO OSCAR GIANNINO OSCAR GIANNINO ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE