CARROCCIO CATORCIO - LETTERA-SFOGO CONTRO SALVINI DI 21 AMMINISTRATORI ED EX PARLAMENTARI DELLA LEGA - “PERCHÉ ABBIAMO SMESSO DI PARLARE CON GLI AUTONOMISTI PER ACCORDARCI CON CHI NON HA REPULSIONE PER FASCI E SVASTICHE? NON COMPRENDIAMO NEMMENO COME SIA POSSIBILE CONIUGARE L’ALLEANZA ELETTORALE CON L’UDC DI CESA E QUELLA STRUTTURALE IN EUROPA CON L’AFD TEDESCA…” - LA BORDATA CONTRO LA POSSIBILE CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI

-

Condividi questo articolo


Francesca Schianchi per la Stampa - Estratti

 

matteo salvini lettera sfogo ex amministratori e parlamentari lega matteo salvini lettera sfogo ex amministratori e parlamentari lega

Caro segretario, così non va. Firmato, 21 amministratori, ex parlamentari, ex consiglieri regionali della Lega. Che, in una lettera garbata nei toni e durissima nei contenuti, recapitata oggi al leader Matteo Salvini, si rivolgono a lui «auspicando di essere ascoltati», per sottoporre «riflessioni» (e critiche) alla linea del Carroccio in vista delle Europee.

 

Partendo dal presupposto che, «nonostante la storica affermazione elettorale conseguita, la Lega è stata relegata ad un ruolo residuale sia nell’assemblea parlamentare che nelle altre istituzioni europee», denunciano un «isolamento politico» che «non ci ha consentito di incidere concretamente nella ricerca della soluzione a problematiche di interesse del movimento, siano esse di natura storica o attuale». Servono risposte ai cittadini, esortano, «evitando l’appannamento dell’interesse degli iscritti e un affievolimento della loro partecipazione». Insomma, «è inevitabile chiedersi dove sia finito il tradizionale pragmatismo che ci ha sempre portati alla ricerca di collocazioni utili al raggiungimento degli obiettivi».

 

MATTEO SALVINI. MATTEO SALVINI.

 

Le Europee sono fra due mesi, e i firmatari – ex parlamentari come Paolo Grimoldi, Daniele Belotti e Cristian Invernizzi, ex consiglieri regionali come Alex Galizzi, Marco Mariani, Ugo Parolo, Andrea Monti e Francesco Ghiroldi, sindaci come Magda Beretta di Senago o Renato Pasinetti di Trevigliato - si chiedono «dove sia finita la tradizionale e giusta distanza che abbiamo sempre mantenuto da tutti gli opposti estremismi». Se non fosse chiaro il concetto, lo spiegano meglio: «Perché abbiamo smesso di dialogare con forze autonomiste e federaliste, per accordarci con chi non ha la nostra naturale repulsione nei confronti di fasci e svastiche?».

Paolo Grimoldi Paolo Grimoldi

 

Perché, se ritengono «per alcuni aspetti anche condivisibile» la decisione di non aderire a nessuna delle grandi famiglie europee, ritengono però che questo non debba portare a condividere il cammino con «partiti e movimenti che NULLA HANNO A CHE FARE (in maiuscolo nell’originale, ndr.) con la nostra storia culturale e politica».

 

Infine, la richiesta di chiarimenti sulle «indiscrezioni sulla candidatura di personaggi con forte marcatura nazionalista, totalmente estranei al nostro movimento», un riferimento si direbbe al generale Vannacci: fossero vere, «renderebbero ancor più difficile il perseguimento degli obiettivi storici del partito». Ma il problema non è eventualmente solo lui: «Non comprendiamo nemmeno come sia possibile coniugare l’alleanza elettorale con l’Udc di Cesa e quella strutturale in Europa con l’Afd tedesca. Due alleanze obiettivamente inconciliabili».

 

MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."