IL CASINO DELLE LISTE PD PER LE EUROPEE HA UN RESPONSABILE: IGOR TARUFFI – IL RESPONSABILE ORGANIZZAZIONE DEL PARTITO, AMICO DI GUCCINI E GRANDE TESSITORE DELL’ALLEANZA PD-M5S, HA SPINTO PER CANDIDARE CECILIA STRADA ED È UNO DEI POCHI CHE SCHLEIN INTERPELLA - DI LUI NEL PARTITO DICONO “È DI SINISTRA-SINISTRA” - I BIG DEL PD RESPINGONO LA SUA MEDIAZIONE: “IO PARLO SOLO CON ELLY” - A POTENZA SAREBBE STATO CACCIATO DAI DIRIGENTI LOCALI DA UNA RIUNIONE: CERCAVA DI…

-

Condividi questo articolo


Adriana Logroscino per il “Corriere della Sera” - Estratti

 

schlein taruffi schlein taruffi

È l’uomo dell’unità tra Pd e M5S, il piano della leader che lui persegue tessendo le alleanze e superando le reciproche riottosità in Regioni e Comuni al voto. Ma è anche l’uomo della discontinuità, quello che sostiene la strategia di dar spazio nelle liste delle Europee a personalità esterne al partito ma gradite a sinistra: sua sarebbe la spinta decisiva a candidare nel Nord Ovest Cecilia Strada, figlia del fondatore di Emergency. Lui è Igor Taruffi, che sulla delicatissima partita delle candidature ha molta influenza, tanto che il disegno delle cinque capolista esterne è chiamato «schema Taruffi».

 

Il responsabile Organizzazione del Partito democratico guidato da Elly Schlein ha 44 anni e dalla segretaria, nel frattempo eletta in Parlamento, ha «ereditato» l’incarico di assessore regionale in Emilia-Romagna nella giunta di Stefano Bonaccini. Ma la passione politica di Taruffi è antica e tutta al di fuori del partito di cui ha preso la tessera solo un anno fa: «Taruffi è di sinistra-sinistra», dicono di lui con l’aria di non fargli un complimento.

schlein taruffi schlein taruffi

 

La prima elezione, nel Consiglio comunale della sua città, Porretta Terme, sull’Appennino bolognese, arriva a 21 anni sotto le insegne di Rifondazione comunista. Nella transizione del Prc in Sinistra italiana guadagna i gradi di componente della segreteria nazionale. Nel 2011 ottiene l’endorsement del quasi concittadino e grande amico Francesco Guccini per sfidare, sempre per conto di Sel, il candidato sindaco del Pd alle primarie in nome del rinnovamento. Taruffi non ha fortuna in quella circostanza. Nel 2014, però, sempre con Sel, entra in Consiglio regionale.

 

igor taruffi igor taruffi

Quindi l’incontro con Schlein, fuoriuscita dal Pd renziano troppo centrista, e la nascita di «Coraggiosa»: la lista che mette insieme «tutto quello che c’è a sinistra del Pd» (parole di Taruffi) alle Regionali del 2020 fa il pieno di voti. Due i seggi: uno per Schlein, che diventa vicepresidente, uno per Taruffi. In tutti i ruoli ha il «pallino» dei numeri, come quelli che «dimostrano che il campo largo è indispensabile», e gli stanno a cuore le battaglie sociali.

 

Oggi non sorprende che alcuni esponenti di prima fascia respingano la sua mediazione: «Io parlo solo con Elly», avvertono. È storia che a Potenza, dove era stato inviato a trattare per le Regionali con il collega Davide Baruffi — «i due uffi», il soprannome affibbiato al tandem — sarebbe stato cacciato dai dirigenti locali da una riunione. Cercava di far valere le ragioni (di Schlein) del cambio di candidato.

 

igor taruffi davide baruffi igor taruffi davide baruffi francesco guccini con igor taruffi francesco guccini con igor taruffi elly schlein igor taruffi elly schlein igor taruffi igor taruffi igor taruffi

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)