IL CASO DI BEAUTY DAVID, LA 25ENNE NIGERIANA MALMENATA IN CALABRIA PERCHE’ VOLEVA LO STIPENDIO, SPIEGA PERCHE’ GLI IMPRENDITORI SONO CONTRO IL REDDITO DI CITTADINANZA: VOGLIONO LAVORATORI SCHIAVI, DA PAGARE POCO - LA RAGAZZA È SOLO UNO DEI TANTI SFRUTTATI DI UN COMPARTO DOVE OLTRE IL 55% DEI LAVORATORI È A CHIAMATA - NEL TURISMO SOLO IL 59% È ASSUNTO A TEMPO INDETERMINATO E IL SETTORE REGISTRA IL 46% DELLE VIOLAZIONI TOTALI - NEL CANTIERE DEL “JOVA BEACH PARTY” A LIDO DI FERMO TROVATI 17 LAVORATORI IN NERO, SIA ITALIANI CHE STRANIERI: 4 DITTE SONO STATE SOSPESE…

-

Condividi questo articolo


Valeria D' Autilia per “la Stampa”

 

BEAUTY DAVID BEAUTY DAVID

Lui è indagato per lesioni personali, furto e minacce. Lei prova a curarsi le ferite, mentre un'onda di solidarietà la travolge: varie offerte di impiego per allontanarla definitivamente da quel datore di lavoro accusato di averla picchiata solo perché aveva chiesto di essere pagata. Voleva che le ore effettive le fossero riconosciute. Ne aveva tutto il diritto.

Sull'accaduto la procura di Catanzaro ha aperto un'inchiesta.

 

Nigeriana 25enne con un impiego come lavapiatti nel lido-ristorante «Mare Nostrum» di Soverato, Beauty Davis ha trovato il coraggio di filmare quell'aggressione e trasmetterla in diretta sui social. Forse pensava anche a sua figlia di 4 anni: le ha dato forza in quel momento e quando si è presentata in caserma per la denuncia. «Alla ragazza - spiega il suo avvocato - è stato inviato un bonifico di 200 euro, ma era stato pattuito un compenso di 600». Anche il presunto autore delle violenze, Nicola Pirroncello, ha fornito la sua versione dei fatti: titolare 53enne della struttura, è incensurato e figlio di un carabiniere in pensione.

 

LA GIOVANE NIGERIANA BEAUTY IN COMPAGNIA DI UN'AMICA DAVANTI ALLA CASERMA DEI CARABINIERI LA GIOVANE NIGERIANA BEAUTY IN COMPAGNIA DI UN'AMICA DAVANTI ALLA CASERMA DEI CARABINIERI

Insulti, schiaffi, minacce: nel giro di pochissimo tempo il video è diventato virale. «Dove sono i miei soldi?» si sente nel filmato. E poi la replica del titolare: «Non ti preoccupare, adesso arrivano i carabinieri, qui è casa mia». A quel punto le botte e, in sottofondo, le grida. Tutto degenera quando si accorge che lei sta riprendendo tutto. Beauty prova a difendersi e, fin quando ce la fa, tiene saldo il suo smartphone. Sa che è una prova.

 

Di quell'uomo sembra non si fidasse, ma probabilmente non avrebbe immaginato un simile epilogo. I sindacati parlano di turni infiniti, di un'ora di lavoro al giorno prevista sulla carta, ma a cui se ne aggiungevano almeno altre dieci. Era stanca Beauty, ma non si è mai tirata indietro. Ogni estate lavorava come lavapiatti in questa località tra le più apprezzate del turismo balneare calabrese. Era arrivata in Italia da alcuni anni: prima in un centro di accoglienza, poi il tentativo di essere indipendente.

nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria

 

Ma questa ragazza è solo uno dei tanti sfruttati di un comparto dove oltre il 55% dei lavoratori è a chiamata. Turismo e cultura troppo spesso significano precarietà.

Stando ai dati dell'Ispettorato del lavoro, solo il 59% è assunto a tempo indeterminato, contro l'82% del totale dell'economia. Questo settore registra il 46% delle violazioni totali e il 12% sull'orario di lavoro.

 

Poi retribuzioni basse, orari ridotti (almeno sulla carta) e mansioni poco qualificanti. Finti part-time, mancati riposi, obbligo agli straordinari sono spesso l'altra faccia di villaggi, hotel, stabilimenti e ristoranti. Ma anche di eventi, come dimostra l'ispezione delle ultime ore nel cantiere del concerto del «Jova Beach Party» a Lido di Fermo. Trovati 17 lavoratori in nero, italiani e stranieri, e 4 ditte sono state sospese. Intanto c'è la protesta del sindacato Usb con uno striscione lasciato all'ingresso del lido dove lavorava Beauty. «Questo locale sfrutta chi lavora». Non è l'unico, dicono altre voci dal resto d'Italia.

nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 7 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 7 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 6 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 6 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 3 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 3 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 1 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 1 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 2 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria 2 nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria nigeriana aggredita dal datore di lavoro in calabria

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE