IL CASO PUGLIA FA RIESPLODERE LE TENSIONI ANCHE TRA SCHLEIN E DE LUCA – ELLY AFFONDA IL TERZO MANDATO E TUONA CONTRO IL “NOTABILATO” DEM - IL DISCORSO INVESTE NON SOLO EMILIANO MA ANCHE IL GOVERNATORE CAMPANO. GUARDA CASO IERI DE LUCA È TORNATO ALL'ATTACCO DELLA SEGRETARIA MULTIGENDER DEM: “I VERI CACICCHI STANNO A ROMA” – SCHLEIN PENSA A CHI CANDIDARE IL PROSSIMO ANNO COME GOVERNATORE DELLA PUGLIA: OLTRE A DECARO SI PARLA DELL’EDITORE LATERZA…

-

Condividi questo articolo


Mario Ajello per il Messaggero

 

MICHELE EMILIANO - ELLY SCHLEIN MICHELE EMILIANO - ELLY SCHLEIN

Tutti quelli che la conoscono bene e ci parlano, anche se è più blindata del solito in queste ore, descrivono Elly Schlein particolarmente preoccupata e infuriata per la vicenda pugliese e per la «slealtà» di Giuseppe Conte.

 

Sulle prime, in questa bufera, la segretaria del Pd ha preso anche in considerazione la via dell'intervento drastico, ossia di superare Conte a sinistra in questo senso: se lui dice che la giunta Emiliano va azzerata, io chiedo di più e dico che il presidente pugliese si deve dimettere. Ma adesso Schlein - che incontrerà Emiliano a breve a Roma e comunque dicono entrambi: «Ci parliamo continuamente» - sembra aver trovato quella che ritiene la linea più adatta da seguire.

 

ELLY SCHLEIN - GIUSEPPE CONTE - MEME BY USBERGO ELLY SCHLEIN - GIUSEPPE CONTE - MEME BY USBERGO

La linea, per così dire, garantista. Ovvero: mi fido di Emiliano come persona, è un magistrato integerrimo e che ha lottato sempre contro il malaffare, ma la sua stagione di governo regionale è finita.

 

Dunque, si sta pensando di stringere con il governatore un patto di fine mandato, per gestire la Puglia fino al 2025, e accompagnare Emiliano all'uscita sperando di evitare strappi troppo tremendi. Patto di fine mandato significa un cambio radicale della squadra in Regione, anche se il governatore pensava di cavarsela con un paio di nuovi ingressi.

 

 

(...)

 

Una posizione che viene così tradotta nelle stanze del Nazareno: «Il caso Puglia è la riprova che il terzo mandato ai presidenti regionali non va concesso, e stiamo facendo bene a negare la possibilità che venga eliminato lo stop».

 

Discorso che investe non solo Emiliano ma anche Vincenzo De Luca e guarda caso ieri il governatore campano è tornato all'attacco: «I veri cacicchi stanno a Roma».

de luca schlein de luca schlein

 

Il caso pugliese nell'ottica della segretaria rientra insomma in un problema più generale, quello del «notabiliato» come lo chiama lei, ma i notabili - o cacicchi che dir si voglia - sono anche quelli che sui territori raccolgono i voti per il partito e dunque, meglio non esagerare troppo nella linea della durezza alla vigilia delle elezioni europee da cui molto dipende il destino di Elly.

 

(...)

 Il superamento di Emiliano non subito ma poi (altro che terzo mandato per lui e per gli altri!) porta con sé il ragionamento, che già si sta molto anticipatamente facendo ai vertici dem, di chi candidare il prossimo anno a presidente della Puglia. Un successone di Decaro, il sindaco barese, che è in pista per Bruxelles gli spalancherebbe la corsa a governatore. Ma il successone, dopo tutto quello che sta accadendo a Bari e in Puglia, ci sarà? E soprattutto: se viene sciolto il comune di Bari per infiltrazioni mafiose, non si potrà presentare Decaro per la presidenza regionale. Altri nomi per il dopo Emiliano per ora non ci sono. Puntare su un esponente della società civile come l'editore Alessandro Laterza? Improbabile.

 

SCHLEINING - MEME BY SHILIPOTI SCHLEINING - MEME BY SHILIPOTI

Mettere in campo Francesco Boccia? Sarebbe naturale ma è un'altra ipotesi difficile. Nel caso l'attuale candidato dem a sindaco di Bari, Leccese, venisse tolto dalla lizza - e insieme a M5S si puntasse su un terzo - potrebbe essere lui la carta per il 2025. Ma per ora è probabilissimo che Leccese resti in pista per il dopo Decaro. E il guazzabuglio pugliese resta una questione nazionale assai intricata.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO