CHE BANDECCHI CHE SARÀ? – IL SINDACO DI TERNI, STEFANO BANDECCHI, “CONGELA” LE SUE DIMISSIONI: “HO 20 GIORNI A DISPOSIZIONE PER DECIDERE SE RENDERLE EFFETTIVE, ME LI PRENDERO’ TUTTI. DEVO RISOLVERE DELLE QUESTIONI CHE NON VANNO IN SENO AL MIO PARTITO, IO GLI ORDINI LI PRENDO SOLO DA ME STESSO, NON SIAMO ALL'ASILO E LE COSE DEVONO CAMBIARE NEI FATTI" - IN UMBRIA SI VOTERÀ NEL 2024 PER LE REGIONALI, BANDECCHI CI STA PENSANDO? 

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Corso Viola di Campalto per www.ilmessaggero.it

stefano bandecchi stefano bandecchi

 

Il sindaco dimissionario Stefano Bandecchi, prima di partecipare al Consiglio comunale, non ha rinunciato al suo solito cappuccino e cornetto al bar di fronte a palazzo Spada, fermandosi poi a parlare coi giornalisti presenti. Ha subito affermato che si prenderà tutti i venti giorni a disposizione per decidere se dimettersi o meno dalla carica di primo cittadino (28 Febbraio): «I motivi per cui le mie dimissioni sono state presentate momentaneamente non sono cambiati e anzi forse qualcuno di questi motivi sono anche peggiorati - ha precisato poi lo stesso Bandecchi-  ed ora ho venti giorni per decidere e me li prendo tutti. 

 

Ma sono tante le cose dette dai consiglieri di opposizione e da altri a sproposito - ha poi affermato - che mi indurrebbero a ritirare subito le dimissioni». «Sentendo Cecconi e Melasecche mi dico ma posso lasciare Terni in mano a questa gente? Ecco, per adesso chi potrebbe farmi tornare sui miei passi sono quelli dell’opposizione, ma devo risolvere le questioni che non  vanno in seno al mio partito, oggi mi hanno consegnato il documento programmatico firmato da tutti gli esponenti ternani di Ap, manca la firma del coordinatore provinciale Lorenzo Filippetti che si è dimesso, peccato ho fatto di tutto per farlo nominare presidente del Sii ma non lo hanno voluto sia che destra che sinistra ed ora ha deciso di andarsene» .

stefano bandecchi stefano bandecchi

 

Sulla richiesta dei suoi di un passo indietro puntualizza ancora:  «Hanno fatto bene a dire quello che pensano - ha affermato Bandecchi - ma io gli ordini li prendo solo da me stesso e non siamo all'asilo e le cose devono cambiare nei fatti;  sono il segretario di Alternativa popolare, italiano. Questa è Terni, puntino - chiude prima di raggiungere palazzo Spada che non conosceva nessuno fino all'altro ieri o lo conoscevano in quattro, ora la conoscono tutti». […]

 

Momenti di tensione in aula proprio durante il discorso di Bandecchi, con il presidente Sara Francescangeli che ha ordinato lo sgombero dell'aula dopo che alcuni spettatori hanno gridato contro lo stesso sindaco, poi la marcia indietro, dando la possibilità di poter accedere nell'aula ad una trentina di persone, come consentito dal regolamento.

dimissioni stefano bandecchi dimissioni stefano bandecchi stefano bandecchi stefano bandecchi STEFANO BANDECCHI STEFANO BANDECCHI STEFANO BANDECCHI STEFANO BANDECCHI stefano bandecchi stefano bandecchi

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…